S.umane /

religione, magia, varie religioni

religione, magia, varie religioni

C

chiara

2 Followers
 

S.umane

 

4ªl

Appunto

religione, magia, varie religioni

 SOPRANNATURALE, MAGIA E RELIGIONE
La magia è legata al mondo arcaico, mentre la religione riguarda anche l'uomo contemporaneo
in qualunque

Commenti (1)

Condividi

Salva

3

induismo, buddhismo, ebraismo, cristianesimo, islam

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

SOPRANNATURALE, MAGIA E RELIGIONE La magia è legata al mondo arcaico, mentre la religione riguarda anche l'uomo contemporaneo in qualunque paese egli viva. Gli occidentali fanno fatica a staccarsi dalla visione di una religione monoteista ben distinta dalla magia, che egli invece considera una forma di superstizione o un antenato impreciso e grottesco della Scienza. La magia e la religione sono nate insieme, se pure in forme che si sono differenziate, condividono l'interesse per un mondo soprannaturale. Anche la religione può essere considerata una forma di magia, alcuni antropologi hanno notato che la magia non è affatto irrazionale. Altri come Marcel Mauss hanno sostenuto che la magia segue alcune procedure per influire sugli eventi. Le distinzioni tra scienza e magia e tra magia e religione che ci sembrano così intuitive non lo sono affatto. Una distinzione tra religione e magia viene fatta dall'antropologo Giulio Guidozzi, Secondo il quale sia la magia che la religione hanno a che fare con il soprannaturale: differiscono per esperienze spirituali di qualità diversa. Possiamo dire quindi che una guarigione operata da Gesù Cristo è un miracolo attinente al religioso. Lo stesso Cristo dal punto di vista dei non cristiani può apparire come un mago. Non a caso si parla talvolta di dimensione magico-religiosa, unendo i due termini e i...

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Didascalia alternativa:

due concetti. MAGHI E MAGIE Ci sono due tipi di magia. la magia bianca ovvero gli atti magici per un effetto benefico, e la magia nera quelle che si propongono un effetto negativo. Come opera la magia? Queste distinzioni si devono a James Frazer Magia contagiosa: Agisce attraverso materiali che sono stati a contatto con ciò su cui si vuole intervenire Magia imitativa: Nel rituale magico si vita ciò che si vuol far accadere nella realtà Magia omeopatica: Riguarda il caso in cui gli atti compiuti su un'immagine della persona devono riprodursi sulla vittima Magia simpatica: Riguarda la similarità, cioè la somiglianza tra lo strumento adoperato e la cosa o la persona su cui si vuole produrre un determinato effetto a distanza Le figure della magia Gli antropologi chiamano mago chi usa la propria arte per scopi benefici come la cura delle malattie, ovvero i guaritori. All'attività benefica del Mago si contrappone quella dello Stregone e del fattucchiere figure analizzate da evans-pritchard presso gli azande. Lo stregone ha un potere misterioso di cui dispone naturalmente e che usa inconsapevolmente e anche involontariamente; il fattucchiere invece ottiene i suoi effetti attraverso rituali ben precisi, la cui conoscenza viene appresa è trasmessa. Le attività della magia Alcune delle principali e più caratteristiche “attività” magiche La divinazione è la capacità di scoprire la volontà divina, essa si avvale di molti mezzi come le visioni nei sogni o la lettura dei segni o le carte cinesi L'incantesimo che deriva da "canto", indica la capacità di soggiogare un soggetto a distanza attraverso le parole, con l'uso di formule sia orali sia scritte Il malocchio ossia la possibilità di arrecare danno attraverso lo sguardo: si collega la stregoneria perché può trattarsi di una facoltà posseduta inconsapevolmente. Il mana e il sacro La parola Mana indica una forza soprannaturale, posta al di sopra dei fenomeni naturali ordinari e al di fuori del controllo umano, che si manifesta in tutte quelle realtà inspiegabili con la sola azione umana. Con Durkheim e Mauss il mana diventa una categoria antropologica universale, adoperata anche al di fuori dell'area malesiana: il mana viene considerato espressione di ogni forma elementare di carattere religioso e magico, e posto in stretta relazione con il concetto di sacro. La separazione tra sacro e profano Che cos'è il Sacro? Si tratta di un concetto complesso, che Durkheim spiega in contrapposizione a quello di profano Sacro è ciò che è in relazione con forze superiori all'uomo e alla natura, ed è perciò distinto, separato dal mondo umano. Profano è ciò che è confuso, mescolato con le altre cose, è perciò impuro e quindi anche pericoloso. è sulla base della separazione che si articola ogni aspetto sacro: esistono luoghi separati, come templi esistono persone distinte dalle altre, che intrattengono relazioni con il sacro come i sacerdoti esistono tempi distinti da quelli del lavoro es feste esistono cose, persone e animali distinti e separati dagli altri e sono oggetto di tabù o di comandamenti Che cosa caratterizza la religione? Religione è il complesso delle credenze, delle norme etiche e degli atti di culto che esprimono, nel corso della storia, la relazione delle varie società umane con un mondo divino. Gli antropologi preferiscono parlare di religioni e non di religione, la religione non esiste se non nei culti delle religioni concrete particolari. Come precisa Malinowski attraverso l'esperienza religiosa l'uomo si affida a potenze superiori, per trovare soluzioni in una realtà che non riesce a dominare e per orientare il proprio mondo nella direzione desiderata, e protegge gli individui dall'insicurezza e dall'ansia conseguente. Della religione vanno sottolineate alcune caratteristiche che la distinguono da altre forme di comprensione e interpretazione del mondo quali scienze e magia. Essa si propone di dare un senso al mondo è questa la distingue dalla scienza che invece intende cogliere le leggi che regolano i fenomeni senza domandarsi se insieme non a scopo meno. Le religioni sono caratterizzate dai segni come oracoli, messaggi divini, visioni, che vanno interpretate: sono considerati segni per esempio le profezie dell'Antico Testamento. MITI E RITI Il mito deriva dalla parola mythos ovvero "narrazione", è un racconto tradizionale orale. Sono un sistema di racconti più o meno coerenti che costituiscono la mitologia, tramandata oralmente. Esiste un'analogia tra i miti del mondo classico e dei popoli primitivi, sono tutti e due creazioni culturali molto complesse di cosa trattano i miti? I protagonisti sono eroi, forze misteriose, spiriti e vengono chiamati miti eziologici. miti cosmogonici riguardano l'origine di fenomeni naturali; i miti di fondazione riguardano realtà culturali e umane; TOTEMISMO E ANIMISMO l'animismo attribuisce un'essenza vitale o spirituale a realtà naturali o artificiali e il totemismo attribuisce a un totem l'origine di un certo gruppo o clan. sono forme di religiosità primitiva ma ancora presenti in alcune religioni tribali L'INDUISMO l'induismo è tra una delle religioni più antiche. i veda ti riconducono alla rivelazione di brahma, ovvero alla personificazione dell'assoluto e viene rappresentato con 4 teste,4 braccia e 4 gambe.Sono stati a lungo trasmessi solo oralmente dai guru(maestri spirituali). il poeta tagore considera i veda come il tentativo compiuto collettivamente da un popolo intero per dare una risposta al miracolo dell'esistenza ed esorcizzarne il "terrore sacro".l'ultimo testo della religione vedica è alla base del brahmanesimo alla base dei veda ci sono i miti classificati in tre categorie fondamentali: sovranità, guerra, fecondità. per quanto riguarda gli dei sono numerosi e sono personificazioni di fenomeni naturali. l'Assoluto brahman e atman sono i principi originari: l'assoluto e l'io. In quanto parti dell'assoluto, tutte le creature vanno amate con compassione. L'induismo esalta la dimensione della pace, l'uomo schiavo delle cose terrene è destinato a rimanere legato al ciclo di reincarnazione, poi grazie alla propria condotta raggiunge la beatitudine, che è la consapevolezza dell'identità di tutte le cose Il Karma e il sistema castale Secondo una credenza chiamata karma, è la condotta nella vita precedente a determinare la posizione nella vita successiva. Questa concezione di sala con la divisione in caste. Il mahatma Gandhi si è battuto contro il sistema castale. Le divinità Le divinità principali dell'induismo sono tre e costituiscono la cosiddetta trimurti: brahma, il creatore; vishnu, il conservatore dell'universo; shiva, il distruttore del ciclo dell'esistenza. Onorano anche divinità femminili come la dea kali. L'induismo viene considerata una religione enoteista: è una forma di religione che proclama la superiorità di una divinità sulle altre. Le correnti dell'induismo L'Induismo si riconosce tra tre correnti: il visnuismo, che identifica vishnu con l'uno; lo shaivismo, che privilegia shiva; il tantrismo che vuole realizzare l'energia vitale (shakti) associata alla dea madre kali.tutte queste correnti credono in valori comuni: -dharma, la legge cosmica -samsara, la reincarnazione. - karma. - jnana, illuminazione o conoscenza. - moksha cioè la devozione Riti e simboli L'Induismo è ricco di riti e simboli. Un rito molto importante della religione induista è quello del bagno nel fiume sacro Gange : la vita è incompleta senza almeno un'abluzione in queste acque. Ci si bagna per purificarsi dai peccati e garantirsi la salvezza dell'anima o per chiedere una guarigione: l'acqua del Gange viene tenuta anche in molte case indù perché i malati, all'occorrenza, possano berne. Gettare le ceneri dei defunti nel Gange significa favorire la salita dell'anima al cielo. Tra i simboli, va annoverato il tilaka o pundra, un segno posto in fronte per indicare l'appartenenza a una particolare tradizione religiosa all'interno dell'Induismo: il segno rosso che le donne portano sulla fronte indica invece che sono sposate. religione Sikh Nell'India settentrionale vivono gli adepti della religione Sikh, parola che in sanscrito significa "discepo-lo", nata dalla predicazione di dieci guru.Gli uomini si riconoscono per la barba lunga e il caratteristico turbante. Tutti portano un solo cognome, Singh, cioè "leone". il resto crede in un unico dio creatore, nel lavoro onesto e nella condivisione del guadagno. I Sikh si sono allontanati dai rituali induisti, non praticano vita ascetica ma sono dediti al lavoro. Non condividono il sistema cantale e credono nell'uguaglianza tra uomo e donna. BUDDHISMO alla base del buddhismo c'è la predicazione di siddharta gautama, detto il Buddha, cioè l'illuminato. Colpito dalle miserie del mondo, si dedica a una vita ascetica e di meditazione sino a quando non riceve l’illuminazione e comincia la propria predicazione con il discorso di benares. Nel buddhismo non esiste una divinità vera e propria. Gli dei sono venerabili, ma non possono dare né salvezza né un significato ultimo alla vita: il buddhismo viene considerato una religione senza dei. Secondo Buddha esiste una materia eterna governata da una legge naturale, il dharma, che determina formazione, sviluppo. Reincarnazione e salvazione Anche l'anima degli esseri viventi segue la sua evoluzione attraverso un ciclo di reincarnazioni da animale a uomo a divinità. Il Buddhismo scioglie il legame tra caste e reincarnazione:è il comportamento individuale a determinare il proprio karma. Quando si sottrae a questo ciclo di esistenze, considerato un male, l'anima raggiunte la salvazione, che consiste lei Nirvana (cessano tutti i mali). Il rimedio al male costituito dalla trasmigrazione delle anime si ritrova nelle quattro sante verità: -tutto è dolore -il dolore ha una causa -il dolore ha termine con il nirvana -vi è un cammino che conduce al nirvana che si articola in un sentiero: retto parlare,retto agire, retto modo di sostentarsi, retto sforzo, retta concentrazione, retta visione, retta presenza mentale e retta intenzione. Le correnti nel buddhismo nel mondo Il Buddha non ha lasciato alcuno scritto. Il buddhismo non è tutto uguale e si distingue in tre raccolte fondamentali: canone pali( il più antico), canone cinese e canone tibetano. Shintoismo I templi shintoisti sono costruzioni di legno cui si accede da un portale di forma arcaica, i torii. Le funzioni sono celebrate da sacerdoti che indossano una veste bianca con ampie maniche e un berretto nero. Si adorano i kami, spiriti guardiani dei luoghi o che rappresentano oggetti ed eventi naturali. Le divinità sono numerose per cui il Giappone viene definito il paese degli dei. Si crede che anche i defunti continuino a vivere, come spiriti buoni o maligni, in un luogo chiamato yomi. Lo shintoismo si può definire politeista. Taoismo Il taoismo, è una corrente filosofica religiosa che trae origine dall'insegnamento di lao-tzu . Egli predica il ritorno a un'esistenza naturale per ritrovare un'armonia con il cosmo. Il lao tzu ha consegnato i suoi insegnamenti al libro del tao. Il tao indica la legge universale della natura. Se il tao è il principio unitario, il te è il principio che inserisce nel mondo la diversità. Data questa complessa struttura nel mondo, la virtù etica consiste nell'essere in armonia con la natura. Nella giustizia sociale, il taoismo pone la donna sullo stesso piano dell'uomo e le permette di raggiungere anche alcuni gradi della gerarchia ecclesiastica. Divinità e principi Il pantheon taoista, molto affollato, è dominato da tre divinità principali, i tre puri: il primo celeste, il prezioso celeste, la via. Anche gli uomini saggi che raggiungono l'immortalità diventano divinità. Per raggiungere questo scopo si ricorre a pratiche magiche, alla meditazione e alla vita monastica. Tra le concezioni più importanti del taoismo vi è quella relativa alla coppia yin-yang: lo yang, principio positivo e maschile e lo yin, principio negativo e femminile. I due principi non possono mai essere completamente separati e uno non può mai prevalere sull'altro Le cerimonie Tra le cerimonie del taoismo, la più nota è il capodanno cinese, nel quale le danze dei draghi e i fuochi d'artificio hanno lo scopo di scacciare i demoni. Si celebra anche il rito del rinnovamento cosmico. Esiste anche un rituale per scacciare gli spiriti maligni praticato presso l'altare dell'officiante. L'officiante, con un turbante rosso, utilizza una campana per chiamare gli spiriti, dell'acqua santa per purificare l'aria è un coltello per tagliare una corda rituale che simboleggia il legame tra la persona e le forze negative Confucianesimo In Cina è diffuso anche il confucianesimo fondato sugli insegnamenti di confucio, trasmessi in forma aforistica nei dialoghi. Confucio sostiene la necessità di una solida e ampia formazione culturale comprendente letteratura, filosofia e arte. Confucio vuole stimolare la crescita morale e il senso di responsabilità personale. Egli afferma che il diritto di governare non spetta ai nobili di nascita ma a coloro che hanno nobile comportamento ed effettive capacità. Il confucianesimo appare come una filosofia sull'etica. Raccomanda il comportamento virtuoso: -in famiglia, dove il figlio rispetta il padre e questi assicura protezione al figlio

S.umane /

religione, magia, varie religioni

religione, magia, varie religioni

C

chiara

2 Followers
 

S.umane

 

4ªl

Appunto

religione, magia, varie religioni

Questo Contenuto è disponibile solamente nell' app di Knowunity

 SOPRANNATURALE, MAGIA E RELIGIONE
La magia è legata al mondo arcaico, mentre la religione riguarda anche l'uomo contemporaneo
in qualunque

Aprire l'app

Condividi

Salva

3

Commenti (1)

P

Grazie, mi aiuterà molto perché stiamo insegnando questo argomento ora! 😁

induismo, buddhismo, ebraismo, cristianesimo, islam

SOPRANNATURALE, MAGIA E RELIGIONE La magia è legata al mondo arcaico, mentre la religione riguarda anche l'uomo contemporaneo in qualunque paese egli viva. Gli occidentali fanno fatica a staccarsi dalla visione di una religione monoteista ben distinta dalla magia, che egli invece considera una forma di superstizione o un antenato impreciso e grottesco della Scienza. La magia e la religione sono nate insieme, se pure in forme che si sono differenziate, condividono l'interesse per un mondo soprannaturale. Anche la religione può essere considerata una forma di magia, alcuni antropologi hanno notato che la magia non è affatto irrazionale. Altri come Marcel Mauss hanno sostenuto che la magia segue alcune procedure per influire sugli eventi. Le distinzioni tra scienza e magia e tra magia e religione che ci sembrano così intuitive non lo sono affatto. Una distinzione tra religione e magia viene fatta dall'antropologo Giulio Guidozzi, Secondo il quale sia la magia che la religione hanno a che fare con il soprannaturale: differiscono per esperienze spirituali di qualità diversa. Possiamo dire quindi che una guarigione operata da Gesù Cristo è un miracolo attinente al religioso. Lo stesso Cristo dal punto di vista dei non cristiani può apparire come un mago. Non a caso si parla talvolta di dimensione magico-religiosa, unendo i due termini e i...

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Knowunity

Scuola. Finalmente semplice.

Aprire l'app

Didascalia alternativa:

due concetti. MAGHI E MAGIE Ci sono due tipi di magia. la magia bianca ovvero gli atti magici per un effetto benefico, e la magia nera quelle che si propongono un effetto negativo. Come opera la magia? Queste distinzioni si devono a James Frazer Magia contagiosa: Agisce attraverso materiali che sono stati a contatto con ciò su cui si vuole intervenire Magia imitativa: Nel rituale magico si vita ciò che si vuol far accadere nella realtà Magia omeopatica: Riguarda il caso in cui gli atti compiuti su un'immagine della persona devono riprodursi sulla vittima Magia simpatica: Riguarda la similarità, cioè la somiglianza tra lo strumento adoperato e la cosa o la persona su cui si vuole produrre un determinato effetto a distanza Le figure della magia Gli antropologi chiamano mago chi usa la propria arte per scopi benefici come la cura delle malattie, ovvero i guaritori. All'attività benefica del Mago si contrappone quella dello Stregone e del fattucchiere figure analizzate da evans-pritchard presso gli azande. Lo stregone ha un potere misterioso di cui dispone naturalmente e che usa inconsapevolmente e anche involontariamente; il fattucchiere invece ottiene i suoi effetti attraverso rituali ben precisi, la cui conoscenza viene appresa è trasmessa. Le attività della magia Alcune delle principali e più caratteristiche “attività” magiche La divinazione è la capacità di scoprire la volontà divina, essa si avvale di molti mezzi come le visioni nei sogni o la lettura dei segni o le carte cinesi L'incantesimo che deriva da "canto", indica la capacità di soggiogare un soggetto a distanza attraverso le parole, con l'uso di formule sia orali sia scritte Il malocchio ossia la possibilità di arrecare danno attraverso lo sguardo: si collega la stregoneria perché può trattarsi di una facoltà posseduta inconsapevolmente. Il mana e il sacro La parola Mana indica una forza soprannaturale, posta al di sopra dei fenomeni naturali ordinari e al di fuori del controllo umano, che si manifesta in tutte quelle realtà inspiegabili con la sola azione umana. Con Durkheim e Mauss il mana diventa una categoria antropologica universale, adoperata anche al di fuori dell'area malesiana: il mana viene considerato espressione di ogni forma elementare di carattere religioso e magico, e posto in stretta relazione con il concetto di sacro. La separazione tra sacro e profano Che cos'è il Sacro? Si tratta di un concetto complesso, che Durkheim spiega in contrapposizione a quello di profano Sacro è ciò che è in relazione con forze superiori all'uomo e alla natura, ed è perciò distinto, separato dal mondo umano. Profano è ciò che è confuso, mescolato con le altre cose, è perciò impuro e quindi anche pericoloso. è sulla base della separazione che si articola ogni aspetto sacro: esistono luoghi separati, come templi esistono persone distinte dalle altre, che intrattengono relazioni con il sacro come i sacerdoti esistono tempi distinti da quelli del lavoro es feste esistono cose, persone e animali distinti e separati dagli altri e sono oggetto di tabù o di comandamenti Che cosa caratterizza la religione? Religione è il complesso delle credenze, delle norme etiche e degli atti di culto che esprimono, nel corso della storia, la relazione delle varie società umane con un mondo divino. Gli antropologi preferiscono parlare di religioni e non di religione, la religione non esiste se non nei culti delle religioni concrete particolari. Come precisa Malinowski attraverso l'esperienza religiosa l'uomo si affida a potenze superiori, per trovare soluzioni in una realtà che non riesce a dominare e per orientare il proprio mondo nella direzione desiderata, e protegge gli individui dall'insicurezza e dall'ansia conseguente. Della religione vanno sottolineate alcune caratteristiche che la distinguono da altre forme di comprensione e interpretazione del mondo quali scienze e magia. Essa si propone di dare un senso al mondo è questa la distingue dalla scienza che invece intende cogliere le leggi che regolano i fenomeni senza domandarsi se insieme non a scopo meno. Le religioni sono caratterizzate dai segni come oracoli, messaggi divini, visioni, che vanno interpretate: sono considerati segni per esempio le profezie dell'Antico Testamento. MITI E RITI Il mito deriva dalla parola mythos ovvero "narrazione", è un racconto tradizionale orale. Sono un sistema di racconti più o meno coerenti che costituiscono la mitologia, tramandata oralmente. Esiste un'analogia tra i miti del mondo classico e dei popoli primitivi, sono tutti e due creazioni culturali molto complesse di cosa trattano i miti? I protagonisti sono eroi, forze misteriose, spiriti e vengono chiamati miti eziologici. miti cosmogonici riguardano l'origine di fenomeni naturali; i miti di fondazione riguardano realtà culturali e umane; TOTEMISMO E ANIMISMO l'animismo attribuisce un'essenza vitale o spirituale a realtà naturali o artificiali e il totemismo attribuisce a un totem l'origine di un certo gruppo o clan. sono forme di religiosità primitiva ma ancora presenti in alcune religioni tribali L'INDUISMO l'induismo è tra una delle religioni più antiche. i veda ti riconducono alla rivelazione di brahma, ovvero alla personificazione dell'assoluto e viene rappresentato con 4 teste,4 braccia e 4 gambe.Sono stati a lungo trasmessi solo oralmente dai guru(maestri spirituali). il poeta tagore considera i veda come il tentativo compiuto collettivamente da un popolo intero per dare una risposta al miracolo dell'esistenza ed esorcizzarne il "terrore sacro".l'ultimo testo della religione vedica è alla base del brahmanesimo alla base dei veda ci sono i miti classificati in tre categorie fondamentali: sovranità, guerra, fecondità. per quanto riguarda gli dei sono numerosi e sono personificazioni di fenomeni naturali. l'Assoluto brahman e atman sono i principi originari: l'assoluto e l'io. In quanto parti dell'assoluto, tutte le creature vanno amate con compassione. L'induismo esalta la dimensione della pace, l'uomo schiavo delle cose terrene è destinato a rimanere legato al ciclo di reincarnazione, poi grazie alla propria condotta raggiunge la beatitudine, che è la consapevolezza dell'identità di tutte le cose Il Karma e il sistema castale Secondo una credenza chiamata karma, è la condotta nella vita precedente a determinare la posizione nella vita successiva. Questa concezione di sala con la divisione in caste. Il mahatma Gandhi si è battuto contro il sistema castale. Le divinità Le divinità principali dell'induismo sono tre e costituiscono la cosiddetta trimurti: brahma, il creatore; vishnu, il conservatore dell'universo; shiva, il distruttore del ciclo dell'esistenza. Onorano anche divinità femminili come la dea kali. L'induismo viene considerata una religione enoteista: è una forma di religione che proclama la superiorità di una divinità sulle altre. Le correnti dell'induismo L'Induismo si riconosce tra tre correnti: il visnuismo, che identifica vishnu con l'uno; lo shaivismo, che privilegia shiva; il tantrismo che vuole realizzare l'energia vitale (shakti) associata alla dea madre kali.tutte queste correnti credono in valori comuni: -dharma, la legge cosmica -samsara, la reincarnazione. - karma. - jnana, illuminazione o conoscenza. - moksha cioè la devozione Riti e simboli L'Induismo è ricco di riti e simboli. Un rito molto importante della religione induista è quello del bagno nel fiume sacro Gange : la vita è incompleta senza almeno un'abluzione in queste acque. Ci si bagna per purificarsi dai peccati e garantirsi la salvezza dell'anima o per chiedere una guarigione: l'acqua del Gange viene tenuta anche in molte case indù perché i malati, all'occorrenza, possano berne. Gettare le ceneri dei defunti nel Gange significa favorire la salita dell'anima al cielo. Tra i simboli, va annoverato il tilaka o pundra, un segno posto in fronte per indicare l'appartenenza a una particolare tradizione religiosa all'interno dell'Induismo: il segno rosso che le donne portano sulla fronte indica invece che sono sposate. religione Sikh Nell'India settentrionale vivono gli adepti della religione Sikh, parola che in sanscrito significa "discepo-lo", nata dalla predicazione di dieci guru.Gli uomini si riconoscono per la barba lunga e il caratteristico turbante. Tutti portano un solo cognome, Singh, cioè "leone". il resto crede in un unico dio creatore, nel lavoro onesto e nella condivisione del guadagno. I Sikh si sono allontanati dai rituali induisti, non praticano vita ascetica ma sono dediti al lavoro. Non condividono il sistema cantale e credono nell'uguaglianza tra uomo e donna. BUDDHISMO alla base del buddhismo c'è la predicazione di siddharta gautama, detto il Buddha, cioè l'illuminato. Colpito dalle miserie del mondo, si dedica a una vita ascetica e di meditazione sino a quando non riceve l’illuminazione e comincia la propria predicazione con il discorso di benares. Nel buddhismo non esiste una divinità vera e propria. Gli dei sono venerabili, ma non possono dare né salvezza né un significato ultimo alla vita: il buddhismo viene considerato una religione senza dei. Secondo Buddha esiste una materia eterna governata da una legge naturale, il dharma, che determina formazione, sviluppo. Reincarnazione e salvazione Anche l'anima degli esseri viventi segue la sua evoluzione attraverso un ciclo di reincarnazioni da animale a uomo a divinità. Il Buddhismo scioglie il legame tra caste e reincarnazione:è il comportamento individuale a determinare il proprio karma. Quando si sottrae a questo ciclo di esistenze, considerato un male, l'anima raggiunte la salvazione, che consiste lei Nirvana (cessano tutti i mali). Il rimedio al male costituito dalla trasmigrazione delle anime si ritrova nelle quattro sante verità: -tutto è dolore -il dolore ha una causa -il dolore ha termine con il nirvana -vi è un cammino che conduce al nirvana che si articola in un sentiero: retto parlare,retto agire, retto modo di sostentarsi, retto sforzo, retta concentrazione, retta visione, retta presenza mentale e retta intenzione. Le correnti nel buddhismo nel mondo Il Buddha non ha lasciato alcuno scritto. Il buddhismo non è tutto uguale e si distingue in tre raccolte fondamentali: canone pali( il più antico), canone cinese e canone tibetano. Shintoismo I templi shintoisti sono costruzioni di legno cui si accede da un portale di forma arcaica, i torii. Le funzioni sono celebrate da sacerdoti che indossano una veste bianca con ampie maniche e un berretto nero. Si adorano i kami, spiriti guardiani dei luoghi o che rappresentano oggetti ed eventi naturali. Le divinità sono numerose per cui il Giappone viene definito il paese degli dei. Si crede che anche i defunti continuino a vivere, come spiriti buoni o maligni, in un luogo chiamato yomi. Lo shintoismo si può definire politeista. Taoismo Il taoismo, è una corrente filosofica religiosa che trae origine dall'insegnamento di lao-tzu . Egli predica il ritorno a un'esistenza naturale per ritrovare un'armonia con il cosmo. Il lao tzu ha consegnato i suoi insegnamenti al libro del tao. Il tao indica la legge universale della natura. Se il tao è il principio unitario, il te è il principio che inserisce nel mondo la diversità. Data questa complessa struttura nel mondo, la virtù etica consiste nell'essere in armonia con la natura. Nella giustizia sociale, il taoismo pone la donna sullo stesso piano dell'uomo e le permette di raggiungere anche alcuni gradi della gerarchia ecclesiastica. Divinità e principi Il pantheon taoista, molto affollato, è dominato da tre divinità principali, i tre puri: il primo celeste, il prezioso celeste, la via. Anche gli uomini saggi che raggiungono l'immortalità diventano divinità. Per raggiungere questo scopo si ricorre a pratiche magiche, alla meditazione e alla vita monastica. Tra le concezioni più importanti del taoismo vi è quella relativa alla coppia yin-yang: lo yang, principio positivo e maschile e lo yin, principio negativo e femminile. I due principi non possono mai essere completamente separati e uno non può mai prevalere sull'altro Le cerimonie Tra le cerimonie del taoismo, la più nota è il capodanno cinese, nel quale le danze dei draghi e i fuochi d'artificio hanno lo scopo di scacciare i demoni. Si celebra anche il rito del rinnovamento cosmico. Esiste anche un rituale per scacciare gli spiriti maligni praticato presso l'altare dell'officiante. L'officiante, con un turbante rosso, utilizza una campana per chiamare gli spiriti, dell'acqua santa per purificare l'aria è un coltello per tagliare una corda rituale che simboleggia il legame tra la persona e le forze negative Confucianesimo In Cina è diffuso anche il confucianesimo fondato sugli insegnamenti di confucio, trasmessi in forma aforistica nei dialoghi. Confucio sostiene la necessità di una solida e ampia formazione culturale comprendente letteratura, filosofia e arte. Confucio vuole stimolare la crescita morale e il senso di responsabilità personale. Egli afferma che il diritto di governare non spetta ai nobili di nascita ma a coloro che hanno nobile comportamento ed effettive capacità. Il confucianesimo appare come una filosofia sull'etica. Raccomanda il comportamento virtuoso: -in famiglia, dove il figlio rispetta il padre e questi assicura protezione al figlio