Italiano /

la poesia: il verso, le figure metriche, gli accenti, il ritmo, la rima, le strofe, i componimenti tradizionali

la poesia: il verso, le figure metriche, gli accenti, il ritmo, la rima, le strofe, i componimenti tradizionali

 VERSO → è l'unita gonica e ritmica gondamentale del testo
poetico
to caratterizzato dal ritmo e dalla musicalita
↓
e infatti l'aspetto fone

la poesia: il verso, le figure metriche, gli accenti, il ritmo, la rima, le strofe, i componimenti tradizionali

user profile picture

elisabeth

19 Followers

Condividi

Salva

43

 

2ªl

Appunto

schema su tutti gli aspetti della poesia: dalla definizione del verso alle figure metriche di scissione e di fusione, la collocazione degli accenti e gli effetti del ritmo, lo schema metrico e una completa descrizione dei componimenti tradizionali

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

VERSO → è l'unita gonica e ritmica gondamentale del testo poetico to caratterizzato dal ritmo e dalla musicalita ↓ e infatti l'aspetto fonetico a "trasformare" un insieme di pardee in un verso ea meTRICA e ea disciplina che studia l'aspetto gonetico-ritmico neeea costruzione dei versi Le componenti gonetiche di base che definiscono le verso Sono SILLABA 11 ee sleeabe metriche (quelle che compongono un verso) non corrispondono sempre á queeee grammatical; ACCENTO 11 gei accenti ritmici non Coincidono necessariamente con queeee delle parole Accento TONICO: Si postalona neleo Sieeaba in cui ea vode cade con maggiore intensita ACCENTO RITMICO: Si posiaiona con maggiore gorae in uno o più punti di un verso → (coincide con alcuni accenti tonici) detto anche ICTUS La metrica italiana & sleeabico-accentuativa perché i versi sono definiti in base ae FIGURE di FUSIONE 1 • numero di sleeabe metriche hanno una sequenas dij accenti ntmici e atone FIGURE METRICHE ↓ ee sleeabe metriche prevedono ecceaioni dele regole di sieeabaalone, regolate dacee FIGURE" FIGURE di SCISSIONE I uniscono in una sola Siceaba due o plut vocali Continue SINALEFE: SINÈREŠI Di gente in gente ↓ separano gruppi di Vocal: concepite come un unico subno, creando due siecabe metriche DIALÈFE SINALOFE→que o più vocali di parole vicine si fondono in una sola sieeaba metrica DIÈRES! Si trova anche in presenza di: presenza della lettera era R SINERESI → due o plut vocali viane di una stessa parola costituiscono una soga sielaba 'metrice e tu che se' costilanıma viva ed erra e'armonia per... DIALEFE→ opposta alea singlese: ea vocage Sinage di una parcea e ea vocale inialdee deeed...

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Didascalia alternativa:

sucessiva contano come que sleeabe metriche come (quando una o entrambe sono toniche) ¹21|olni DIERESI due o piut vocali consecutive neeso medesima parola, che gormano un diftongo vengono contate Come sieeabe metriche distinte tra de serene costellazioni Uno degli elementi Sondamentali è ea COLLOCAZIONE DEGLI ACCENTI. Biscona tener conto dell' ACCENTO RITMICO In un verso, posto spesso sucea penulitima sleeaba r TRONCHE: accento suee' uetima sleeaba (perche') 2 PIANE: accento suela penultima sieeaba (pia-ne) 3 SDRUCCIOLE: accento suela teracietima (fri-go-ri-fe-ro) I versi si riconoscono dae tipo di parola che a chiude VERSO TRonco (ipometro) = ultima paroea tronca o ↓ monosielabica dal punto di vista della metrica si aggiunge una Sieeaba in più +1 Bonus a/pc-co-lel mi-se-real-lalat-tal 3 4 5 6 7 ૩૧ ૦ @VERSO PIANO (regolare) = ultima parola piana, è le pict 3 VERSO SDRUCCIOLO (Ipermetro)= ultima parola sarucc. IL RITMO rego (cadenza regolare strettamente connaturata alla poesia) POESIA: Sleeabe toniche e atone si alternano e si ripetono a intervaeei regolari L POESIA : Il ritmo è dato dae susseguirsi di accenti e di MODERNA pause (= METRICA ACCENTUATIVA) G Poesia; CLASSICA regoeata da specifiche sequenze di sielabe brevi e lunghe (= METRICA QUANTITATIVA) VERSI DOPPi = ripetizione neeea stessa riga di uno dei versi→dodecasıllabo (2 senari) doppio settenaro (verso alessandrino) VERSI PARISILLABI = hanno un numero di sieeabe pari e gli Ictus su deeee SEDI FISSE VERSI IMPARISI LLABI= Ranno un numero di sieeabe dispari e gli ictus su SEDI MOBILI Tipo di verso ternario o trisillabo quaternario o quadrisillabo quinario senario settenario ottonario novenario decasillabo Sillabe Sillaba su cui metriche cade l'ictus 3 2a 4 5 6 7 8 9 10 endecasillabo 11 fissi 1ª e 3ª fisso mobili 1ª02a fissi 2ªe5ª fisso mobili uno o due accenti su ciascuna delle prime quattro sillabe fissi 3ªe 7ª fisso 8a mobili variabili, ma più spesso 2a e 5ª fissi 3ª, 6ªe9ª fisso 10a mobili variabili, ma più frequenti: 6ª e 8ª 1ª, 4ª e 6ª - 2a e 6ª-4ª e 8ª Esempio Si ta-ce non s'o-de ro-mo-re di sor-ta A. Palazzeschi, La fontana malata, vv. 29-32 Da-mi-gel-la Tut-ta bel-la G. Chiabrera, Rime, XLII, vv. 1-2 Ra-min-go ed e-su[le] [sdrucciolo] Sul suol stra-nie-ro, Vi-vrai, Ve-ne-zia, Nel mio pen-sie-ro; [...] A. Fusinato, L'ultima ora di Venezia, vv. 73-76 Son so-lo: ho la tes-ta con-fu-sa di te-tri pen-sie-ri. Mi de-sta quel mur-mu-re ai vetri. G. Pascoli, Il nunzio, vv. 2-5 Quan-to scam-pa-nel-la-re Che le tue ten-de spie-ghi G. Pascoli, Patria, v. 2 A. Manzoni, La Pentecoste, v. 7 La neb-bia agl'ir-ti col-li G. Carducci, San Martino, v. 1 Su 'l ca-stel-lo di Ve-ro-na Bat-te il so-le a mez-zo-gior-no G. Carducci, La leggenda di Teodorico, vv. 1-2 Il gior-no fu pie-no di lam-pi ma o-ra ver-ran-no le stel-le G. Pascoli, La mia sera, vv. 1-2 I'vi-di a voi, don-na, por-ta-re D. Alighieri, Rime, 61, v. 4 San Lo-ren-zo, io lo so per-ché tan-to G. Pascoli, X Agosto, v. 1 S'o-de a des-tra u-no squil-lo di trom-ba A. Manzoni, Il conte di Carmagnola, Atto II, coro, v. 1 Mi ri-tro-vai per una sel-va o-scu-ra D. Alighieri, Inferno 1, v. 2 Nel gran cer-chio de l'Al-pi, su 'l gra-ni-to G. Carducci, Mezzogiorno alpino, v. 1 E co-me po-te-va-mo noi can-ta-re S. Quasimodo, Alle fronde dei salici, v. 1 O O ritmo variato degli imparisill. EFFETTI DEL RITMO = produceva uno stile piùr élevato RITMO REGOLARE → susseguirsi regolare degli accenti, come hei versi pansieeabi, genera Un ritmo UNIFORMe e Ripetitivo RITMO VELOCE → sequenza ravvicinata degli accenti, PAROLE BREVI crea una cadenaa RAPIDA e un RITMO VELOCE • RITMO Lento → → Rimo tende a RALLENTARE quando gli Accenti cadano neeee medesimi posizioni collocazione DISTANZIATA degli accenti → l'uso di parole eunghe, sinategi e pause CESURA → pausa gorte all'interno di un verso 6 si colloca aleagine di una parola che contiene un ictus. coincide spesso con una pausa Sintattica ↳ segnalata graficamente con 1 che alvidono le verso in due emistichi (meaal versi) • ha seal stabili nei parisielabi genera una vaneta ntmica nell' endecasielabo endecasileabo con cesura dopo la quinta Sillaba (d minores ↓ ↓ le più solenne (a majone) è quello Con ea cesura dopo ea settima Sieeaba-(settenário || quinano) ENJAMBEMENT → pausa ritmica alla gine dee verso che separa ritmicamente due elementi legati tra loro dae punto di vista Sintattico propunga la cadenaa ritmica • genera un ritmo armonioso e fluido

Italiano /

la poesia: il verso, le figure metriche, gli accenti, il ritmo, la rima, le strofe, i componimenti tradizionali

user profile picture

elisabeth  

Seguire

19 Followers

 VERSO → è l'unita gonica e ritmica gondamentale del testo
poetico
to caratterizzato dal ritmo e dalla musicalita
↓
e infatti l'aspetto fone

Aprire l'app

schema su tutti gli aspetti della poesia: dalla definizione del verso alle figure metriche di scissione e di fusione, la collocazione degli accenti e gli effetti del ritmo, lo schema metrico e una completa descrizione dei componimenti tradizionali

Contenuti simili

E

5

Ugo foscolo

Know Ugo foscolo thumbnail

5

 

2ªm/3ªm

user profile picture

18

la poesia e le figure retoriche

Know la poesia e le figure retoriche  thumbnail

36

 

2ªl

user profile picture

8

Poesia; il testo poetico

Know Poesia; il testo poetico thumbnail

34

 

2ªl

C

3

“il verso”

Know “il verso” thumbnail

13

 

2ªl

VERSO → è l'unita gonica e ritmica gondamentale del testo poetico to caratterizzato dal ritmo e dalla musicalita ↓ e infatti l'aspetto fonetico a "trasformare" un insieme di pardee in un verso ea meTRICA e ea disciplina che studia l'aspetto gonetico-ritmico neeea costruzione dei versi Le componenti gonetiche di base che definiscono le verso Sono SILLABA 11 ee sleeabe metriche (quelle che compongono un verso) non corrispondono sempre á queeee grammatical; ACCENTO 11 gei accenti ritmici non Coincidono necessariamente con queeee delle parole Accento TONICO: Si postalona neleo Sieeaba in cui ea vode cade con maggiore intensita ACCENTO RITMICO: Si posiaiona con maggiore gorae in uno o più punti di un verso → (coincide con alcuni accenti tonici) detto anche ICTUS La metrica italiana & sleeabico-accentuativa perché i versi sono definiti in base ae FIGURE di FUSIONE 1 • numero di sleeabe metriche hanno una sequenas dij accenti ntmici e atone FIGURE METRICHE ↓ ee sleeabe metriche prevedono ecceaioni dele regole di sieeabaalone, regolate dacee FIGURE" FIGURE di SCISSIONE I uniscono in una sola Siceaba due o plut vocali Continue SINALEFE: SINÈREŠI Di gente in gente ↓ separano gruppi di Vocal: concepite come un unico subno, creando due siecabe metriche DIALÈFE SINALOFE→que o più vocali di parole vicine si fondono in una sola sieeaba metrica DIÈRES! Si trova anche in presenza di: presenza della lettera era R SINERESI → due o plut vocali viane di una stessa parola costituiscono una soga sielaba 'metrice e tu che se' costilanıma viva ed erra e'armonia per... DIALEFE→ opposta alea singlese: ea vocage Sinage di una parcea e ea vocale inialdee deeed...

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Knowunity

La Scuola Resa Facile

Aprire l'app

Didascalia alternativa:

sucessiva contano come que sleeabe metriche come (quando una o entrambe sono toniche) ¹21|olni DIERESI due o piut vocali consecutive neeso medesima parola, che gormano un diftongo vengono contate Come sieeabe metriche distinte tra de serene costellazioni Uno degli elementi Sondamentali è ea COLLOCAZIONE DEGLI ACCENTI. Biscona tener conto dell' ACCENTO RITMICO In un verso, posto spesso sucea penulitima sleeaba r TRONCHE: accento suee' uetima sleeaba (perche') 2 PIANE: accento suela penultima sieeaba (pia-ne) 3 SDRUCCIOLE: accento suela teracietima (fri-go-ri-fe-ro) I versi si riconoscono dae tipo di parola che a chiude VERSO TRonco (ipometro) = ultima paroea tronca o ↓ monosielabica dal punto di vista della metrica si aggiunge una Sieeaba in più +1 Bonus a/pc-co-lel mi-se-real-lalat-tal 3 4 5 6 7 ૩૧ ૦ @VERSO PIANO (regolare) = ultima parola piana, è le pict 3 VERSO SDRUCCIOLO (Ipermetro)= ultima parola sarucc. IL RITMO rego (cadenza regolare strettamente connaturata alla poesia) POESIA: Sleeabe toniche e atone si alternano e si ripetono a intervaeei regolari L POESIA : Il ritmo è dato dae susseguirsi di accenti e di MODERNA pause (= METRICA ACCENTUATIVA) G Poesia; CLASSICA regoeata da specifiche sequenze di sielabe brevi e lunghe (= METRICA QUANTITATIVA) VERSI DOPPi = ripetizione neeea stessa riga di uno dei versi→dodecasıllabo (2 senari) doppio settenaro (verso alessandrino) VERSI PARISILLABI = hanno un numero di sieeabe pari e gli Ictus su deeee SEDI FISSE VERSI IMPARISI LLABI= Ranno un numero di sieeabe dispari e gli ictus su SEDI MOBILI Tipo di verso ternario o trisillabo quaternario o quadrisillabo quinario senario settenario ottonario novenario decasillabo Sillabe Sillaba su cui metriche cade l'ictus 3 2a 4 5 6 7 8 9 10 endecasillabo 11 fissi 1ª e 3ª fisso mobili 1ª02a fissi 2ªe5ª fisso mobili uno o due accenti su ciascuna delle prime quattro sillabe fissi 3ªe 7ª fisso 8a mobili variabili, ma più spesso 2a e 5ª fissi 3ª, 6ªe9ª fisso 10a mobili variabili, ma più frequenti: 6ª e 8ª 1ª, 4ª e 6ª - 2a e 6ª-4ª e 8ª Esempio Si ta-ce non s'o-de ro-mo-re di sor-ta A. Palazzeschi, La fontana malata, vv. 29-32 Da-mi-gel-la Tut-ta bel-la G. Chiabrera, Rime, XLII, vv. 1-2 Ra-min-go ed e-su[le] [sdrucciolo] Sul suol stra-nie-ro, Vi-vrai, Ve-ne-zia, Nel mio pen-sie-ro; [...] A. Fusinato, L'ultima ora di Venezia, vv. 73-76 Son so-lo: ho la tes-ta con-fu-sa di te-tri pen-sie-ri. Mi de-sta quel mur-mu-re ai vetri. G. Pascoli, Il nunzio, vv. 2-5 Quan-to scam-pa-nel-la-re Che le tue ten-de spie-ghi G. Pascoli, Patria, v. 2 A. Manzoni, La Pentecoste, v. 7 La neb-bia agl'ir-ti col-li G. Carducci, San Martino, v. 1 Su 'l ca-stel-lo di Ve-ro-na Bat-te il so-le a mez-zo-gior-no G. Carducci, La leggenda di Teodorico, vv. 1-2 Il gior-no fu pie-no di lam-pi ma o-ra ver-ran-no le stel-le G. Pascoli, La mia sera, vv. 1-2 I'vi-di a voi, don-na, por-ta-re D. Alighieri, Rime, 61, v. 4 San Lo-ren-zo, io lo so per-ché tan-to G. Pascoli, X Agosto, v. 1 S'o-de a des-tra u-no squil-lo di trom-ba A. Manzoni, Il conte di Carmagnola, Atto II, coro, v. 1 Mi ri-tro-vai per una sel-va o-scu-ra D. Alighieri, Inferno 1, v. 2 Nel gran cer-chio de l'Al-pi, su 'l gra-ni-to G. Carducci, Mezzogiorno alpino, v. 1 E co-me po-te-va-mo noi can-ta-re S. Quasimodo, Alle fronde dei salici, v. 1 O O ritmo variato degli imparisill. EFFETTI DEL RITMO = produceva uno stile piùr élevato RITMO REGOLARE → susseguirsi regolare degli accenti, come hei versi pansieeabi, genera Un ritmo UNIFORMe e Ripetitivo RITMO VELOCE → sequenza ravvicinata degli accenti, PAROLE BREVI crea una cadenaa RAPIDA e un RITMO VELOCE • RITMO Lento → → Rimo tende a RALLENTARE quando gli Accenti cadano neeee medesimi posizioni collocazione DISTANZIATA degli accenti → l'uso di parole eunghe, sinategi e pause CESURA → pausa gorte all'interno di un verso 6 si colloca aleagine di una parola che contiene un ictus. coincide spesso con una pausa Sintattica ↳ segnalata graficamente con 1 che alvidono le verso in due emistichi (meaal versi) • ha seal stabili nei parisielabi genera una vaneta ntmica nell' endecasielabo endecasileabo con cesura dopo la quinta Sillaba (d minores ↓ ↓ le più solenne (a majone) è quello Con ea cesura dopo ea settima Sieeaba-(settenário || quinano) ENJAMBEMENT → pausa ritmica alla gine dee verso che separa ritmicamente due elementi legati tra loro dae punto di vista Sintattico propunga la cadenaa ritmica • genera un ritmo armonioso e fluido