Altro /

l' infinito di Giacomo Leopardi | letteratura

l' infinito di Giacomo Leopardi | letteratura

 l'infinito di Giacomo Leopardi
L'infinito, composto nella a Recanati nel 1819.
Viene inizialmente pubblicato sul milanese del dicembre 1825

l' infinito di Giacomo Leopardi | letteratura

user profile picture

alessia

195 Followers

Condividi

Salva

36

 

2ªm/3ªm

Appunto

Giacomo Leopardi

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

l'infinito di Giacomo Leopardi L'infinito, composto nella a Recanati nel 1819. Viene inizialmente pubblicato sul milanese del dicembre 1825, per poi comparire nell'edizione dei Versi del conte Giacomo Leopardi (Stamperia delle Muse, Bologna, 1826) e successivamente nei Canti (Piatti, Firenze, 1831). Al poeta si presenta una visione limitata dell'orizzonte, ostacolata da una siepe, posta sulla cima di un colle. La vista impedita permette a Leopardi di fantasticare e meditare sull'infinito. L'idillio si basa su un confronto continuo tra limite e infinito, tra suoni della realtà e il silenzio dell'eternità. Il componimento è in endecasillabi sciolti, forma metrica che Leopardi trova più adatta per rendere il ritmo e i moti dell'animo. poesia Sempre caro mi fu quest'ermo colle, e questa siepe, che da tanta parte dell'ultimo orizzonte il guardo esclude. Ma sedendo e mirando, interminati spazi di là da quella, e sovrumani silenzi, e profondissima quiete io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura. E come il vento odo stormir tra queste piante, io quello infinito silenzio a questa voce vo comparando: e mi sovvien l'eterno, e le morte stagioni, e la presente e viva, e il suon di lei. Così tra questa immensità s'annega il pensier mio: e il naufragar m'è dolce in questo mare. parafrasi Questo colle solitario mi è stato sempre caro, così come e questa siepe che impedisce...

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Didascalia alternativa:

di vedere l'orizzonte. Stando fermo e il guardando fisso io immagino con pensiero spazi infiniti al di là di quella siepe e silenzi che un uomo non può percepire, insieme a una immensa quiete. Per росо il cuore non si smarrisce. E quando sento il vento frusciare tra le foglie io paragono quell'infinito silenzio a questa voce del vento e mi vengono in mente l'eternità, le stagioni passate, la stagione attuale e i suoi rumori. Tra questa immensità si smarrisce il mio pensiero ma lasciarmi naufragare in tutto questo mi crea una sensazione di dolcezza

Altro /

l' infinito di Giacomo Leopardi | letteratura

user profile picture

alessia   

Seguire

195 Followers

 l'infinito di Giacomo Leopardi
L'infinito, composto nella a Recanati nel 1819.
Viene inizialmente pubblicato sul milanese del dicembre 1825

Aprire l'app

Giacomo Leopardi

Contenuti simili

user profile picture

1

L’infinito di Leopardi, analisi

Know L’infinito di Leopardi, analisi thumbnail

37

 

3ªm

A

2

L’infinito di Leopardi

Know L’infinito di Leopardi  thumbnail

1

 

5ªl

M

3

L'Infinito di Giacomo Leopardi

Know L'Infinito di Giacomo Leopardi  thumbnail

2

 

4ªl/5ªl

user profile picture

2

Poesia Infinito Di Leopardi

Know Poesia Infinito Di Leopardi  thumbnail

16

 

2ªl/3ªl

l'infinito di Giacomo Leopardi L'infinito, composto nella a Recanati nel 1819. Viene inizialmente pubblicato sul milanese del dicembre 1825, per poi comparire nell'edizione dei Versi del conte Giacomo Leopardi (Stamperia delle Muse, Bologna, 1826) e successivamente nei Canti (Piatti, Firenze, 1831). Al poeta si presenta una visione limitata dell'orizzonte, ostacolata da una siepe, posta sulla cima di un colle. La vista impedita permette a Leopardi di fantasticare e meditare sull'infinito. L'idillio si basa su un confronto continuo tra limite e infinito, tra suoni della realtà e il silenzio dell'eternità. Il componimento è in endecasillabi sciolti, forma metrica che Leopardi trova più adatta per rendere il ritmo e i moti dell'animo. poesia Sempre caro mi fu quest'ermo colle, e questa siepe, che da tanta parte dell'ultimo orizzonte il guardo esclude. Ma sedendo e mirando, interminati spazi di là da quella, e sovrumani silenzi, e profondissima quiete io nel pensier mi fingo, ove per poco il cor non si spaura. E come il vento odo stormir tra queste piante, io quello infinito silenzio a questa voce vo comparando: e mi sovvien l'eterno, e le morte stagioni, e la presente e viva, e il suon di lei. Così tra questa immensità s'annega il pensier mio: e il naufragar m'è dolce in questo mare. parafrasi Questo colle solitario mi è stato sempre caro, così come e questa siepe che impedisce...

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Knowunity

La Scuola Resa Facile

Aprire l'app

Didascalia alternativa:

di vedere l'orizzonte. Stando fermo e il guardando fisso io immagino con pensiero spazi infiniti al di là di quella siepe e silenzi che un uomo non può percepire, insieme a una immensa quiete. Per росо il cuore non si smarrisce. E quando sento il vento frusciare tra le foglie io paragono quell'infinito silenzio a questa voce del vento e mi vengono in mente l'eternità, le stagioni passate, la stagione attuale e i suoi rumori. Tra questa immensità si smarrisce il mio pensiero ma lasciarmi naufragare in tutto questo mi crea una sensazione di dolcezza