Storia /

L’Inghilterra degli Stuart

L’Inghilterra degli Stuart

user profile picture

Sabrina

79 Followers
 

Storia

 

3ªl/4ªl

Sintesi

L’Inghilterra degli Stuart

 L'INGHILTERRA DEGLI STUART
La società inglese era stratificata in base al rango, ovvero al ceto di
appartenenza. Al vertice c'era la grande

Commenti (1)

Condividi

Salva

12

riassunto dell’inghilterra degli Stuart

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

L'INGHILTERRA DEGLI STUART La società inglese era stratificata in base al rango, ovvero al ceto di appartenenza. Al vertice c'era la grande aristocrazia dei pari (duchi,conti...), poi c'era la gentry, la piccola nobiltà inglese, divisa in gentry maggiore, i cui membri avevano cariche nelle contee e in gradi alti dell'esercito e gentry minore, i cui membri esercitavano funzioni politiche, militari e amministrative. All'ultimo strato c'era il popolo. Era stratificata anche in base al reddito e alla situazione economica. Al vertice trovavamo sia la grande aristocrazia e la ricchissima gentry, sia i mercanti che dirigevano le compagnie monopolistiche. Dopo c'era una classe media, che in campagna era composta dal resto della gentry e dagli yeomen, i produttori agricoli indipendenti, in città era composta da artigiani benestanti, avvocati, professionisti urbani, commercianti, imprenditori. Ancora più in basso c'erano i piccoli contadini e gli operai e alla base c'erano vagabondi, disoccupati e lavoratori domestici. Nel 1603 salì al trono Giacomo I Stuart e sotto la sua corona si unificarono i regni di Inghilterra e Scozia. Egli voleva rafforzare le corti giudiziarie, ma la gentry non contribuì in questo progetto. Aumentarono i motivi del conflitto tra re e parlamento, composto dalla Camera dei lords (vescovi della chiesa anglicana ed esponenti dell'aristocrazia feudale) e dalla Camera dei comuni. Anche il diritto di imporre tasse fu soggetto...

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Didascalia alternativa:

di discussione, incrementata dalla corruzione della corte di Giacomo I, che tendeva a sperperare denaro per i suoi favoriti. Tra essi c'era il duca di Buckingham. Quindi, in seguito, contro la corte, si oppose la parte buona del paese: si contrappose the country a the court. In ambito religioso, voleva rafforzare la chiesa anglicana e a questo si opposero i cattolici e i vari orientamenti dei calvinisti inglesi. Un avvenimento che caratterizza questa opposizione è la congiura delle polveri, che consisteva nel voler uccidere il sovrano con della polvere da sparo, solo che non si svolse più perché fu scoperto. Nonostante ciò stabilì un buon rapporto con le potenze cattoliche. Il conflitto tra monarchia e società crebbe anche a causa della politica estera messa in atto. Anche i calvinisti non sostenevano la politica religiosa di Giacomo I e si ispiravano al modello presbiteriano. I puritani non riconoscevano le chiese e richiedevano la libertà di culto ed erano diffusi presso la gentry e molti di loro dovettero emigrare a causa del divieto dei culti. L'erede di Giacomo I fu suo figlio, Carlo I. Le decisioni erano prese dal consiglio della corona, invece la Camera stellare agiva contro i suoi nemici. Egli dovette affrontare l'opposizione del parlamento, che votò la Petition of Rights, a favore dei diritti dei cittadini e delle prerogative dei parlamentari e che impediva al re di imporre tasse. Però, il re aveva bisogno di imporre una tassa per finanziare la spedizione in soccorso degli ugonotti francesi. Successivamente, non convocò il parlamento per molti anni per evitare che le camere lo comandassero. Era vendendo titoli e privilegi commerciali che Carlo I sosteneva tutte le spese e in più voleva imporre tasse senza il consenso del parlamento, infatti impose a tutte le città del regno la ship money, motivo per cui i ceti borghesi cittadini si ribellarono. La religione adottata da Carlo I e dal primate anglicano Laud, si ispirava all'intransigente episcopalismo. Laud, temendo che i membri della chiesa anglicana simpatizzassero per il puritanesimo, li represse e impose a tutti gli scozzesi un nuovo libro di preghiere. Gli scozzesi non accettarono l'unificazione sotto la chiesa anglicana e sottoscrissero un patto di resistenza (covenant) nazionale, quindi Carlo I reagì intraprendendo una campagna militare contro di loro. Però non avendo abbastanza denaro per armare l'esercito, decise di convocare il parlamento, che non accettò gli stanziamenti necessari per affrontare gli scozzesi. Nacque così il parlamento corto, ovvero sciolto dal sovrano, che nello stesso anno ebbe l'esigenza di convocare un nuovo parlamento, detto parlamento lungo. Anche quest'ultimo si opponeva alle richieste del re, per esempio voleva far abolire la ship money, far chiudere i tribunali regi e rimuovere i cattivi consiglieri del re. Furono votate proposte che riconoscevano il diritto di veto del parlamento e che impedivano al re di scioglierlo; le scelte di Laud furono condannate ed egli fu giustiziato e processato. Nel 1641 il parlamento lungo votò la Grande rimostranza, che condannava la politica assolutistica di Carlo I. Il re, per risolvere il conflitto, guidò, un anno dopo, un'incursione armata a Westminster, che fu scoperta dai membri della Camera dei comuni, che scapparono in tempo da Londra. Questo determinò l'inizio della guerra civile. La società si divise in due: l'alta aristocrazia, la gentry maggiore ed i grandi mercanti monopolistici sostenevano il re, invece i ceti intermedi sostenevano il parlamento. Geograficamente parlando, le regioni sud-orientali sostenevano il parlamento, invece quelle a nord e a ovest si allearono col re. Anche la religione ha influito, infatti i presbiteriani ed i puritani erano dalla parte del parlamento, i difensori della chiesa anglicana sostenevano il re. Inizialmente sembrava essere in vantaggio il re, ma Oliver Cromwell, membro della Camera dei comuni, riorganizzò l'esercito parlamentare, creandone un nuovo tipo, detto New Model Army, che sconfisse il re a Marston Moor e a Naseby. Nel 1646, Carlo I si arrese agli scozzesi. Secondo il parlamento, bisognava trovare un compromesso col re, limitando il suo potere. Inoltre adottò il modello presbiteriano ed era sostenuta la libertà di culto per i protestanti. Ci furono dei contrasti tra parlamento ed esercito parlamentare, che portarono ad una guerra civile. Il centro di Londra fu in seguito occupato dal New Model Army. A Putney nacque un conflitto tra capi dell'esercito e i rappresentanti eletti dai reparti militari. Tra i problemi discussi c'era un documento programmatico proposto dai livellatori (movimento politico), il Patto del popolo. Erano in contrasto le persone che sostenevano il suffragio (diritto di voto) ristretto su base censitaria e quelle che, come i levellers, erano a favore del suffragio universale. Oltre ai levellers, contro la monarchia c'erano i diggers, che volevano anche abolire la proprietà privata, dato che si basavano sul comunismo cristiano, secondo il quale tutti dovevano usufruire delle terre create da Dio. Nel 1648, Carlo I attaccò l'esercito parlamentare, alleato con gli scozzesi, ma fu sconfitto da Cromwell, sottoposto a processo e un anno dopo condannato a morte. Così la monarchia fu dichiarata decaduta, dal parlamento e fu sostituita dal Commonwealth, nonché repubblica, bene comune. La Camera dei lords e la chiesa anglicana furono abolite e la libertà politica fu limitata. Nei primi anni di Commonwealth, Cromwell dominò le ribellioni degli scozzesi e dei cattolici irlandesi e si scontrò con i partigiani del re, i cattolici e i diggers. Successivamente la repubblica di Cromwell diventò più autoritaria a causa del contrasto nato in vista delle procedure per convocare le elezioni per un nuovo parlamento. Influenzato dai militari, Cromwell sciolse il parlamento d'autorità e fu eletta una nuova assemblea chiamata parlamento dei santi a causa della determinazione in campo religioso dei suoi esponenti. Inoltre Cromwell fu soprannominato lord protector. Per avere l'appoggio dei capi dell'esercito, li incarico di controllare le contee e assicurare il prelievo fiscale e gli diede la possibilità di confiscare i beni degli oppositori monarchici. Nonostante l'aumento del prelievo fiscale, Cromwell ottenne l'appoggio della popolazione nei suoi progetti politico-religiosi e negli interessi economici. In effetti egli soppresse i diritti feudali e restituì ai partigiani le terre che Carlo I sequestrò. In ambito mercantilistico, Cromwell favorì lo sviluppo delle manifatture, del commercio e della flotta, su cui si basava la potenza inglese. Nel 1652 si scatenò una guerra, perché Cromwell stabilì l'Atto di navigazione, che riservava il commercio inglese alle navi inglesi e a quelle dei paesi da cui importavano le merci. Ciò quindi, fu a sfavore degli olandesi. La conseguenza della guerra era che fu spezzato il monopolio delle Province Unite nel commercio di tabacco, zucchero ecc... e la presenza inglese nei grandi traffici internazionali diventò maggiore.

Storia /

L’Inghilterra degli Stuart

L’Inghilterra degli Stuart

user profile picture

Sabrina

79 Followers
 

Storia

 

3ªl/4ªl

Sintesi

L’Inghilterra degli Stuart

Questo Contenuto è disponibile solamente nell' app di Knowunity

 L'INGHILTERRA DEGLI STUART
La società inglese era stratificata in base al rango, ovvero al ceto di
appartenenza. Al vertice c'era la grande

Aprire l'app

Condividi

Salva

12

Commenti (1)

K

Un appunto così carino per la scuola 😍😍, è davvero utile!

riassunto dell’inghilterra degli Stuart

Contenuti simili

L'Inghilterra delle Rivoluzioni, la Francia di Luigi XIV, Hobbes e Locke

Know L'Inghilterra delle Rivoluzioni, la Francia di Luigi XIV, Hobbes e Locke thumbnail

115

 

2ªl/3ªl/4ªl

6

Rivoluzione Americana

Know Rivoluzione Americana  thumbnail

55

 

4ªl

5

Risorgimento italiano

Know Risorgimento italiano thumbnail

632

 

2ªm/3ªm

6

LA RIVOLUZIONE AMERICANA

Know LA RIVOLUZIONE AMERICANA thumbnail

85

 

2ªm/4ªl

di più

L'INGHILTERRA DEGLI STUART La società inglese era stratificata in base al rango, ovvero al ceto di appartenenza. Al vertice c'era la grande aristocrazia dei pari (duchi,conti...), poi c'era la gentry, la piccola nobiltà inglese, divisa in gentry maggiore, i cui membri avevano cariche nelle contee e in gradi alti dell'esercito e gentry minore, i cui membri esercitavano funzioni politiche, militari e amministrative. All'ultimo strato c'era il popolo. Era stratificata anche in base al reddito e alla situazione economica. Al vertice trovavamo sia la grande aristocrazia e la ricchissima gentry, sia i mercanti che dirigevano le compagnie monopolistiche. Dopo c'era una classe media, che in campagna era composta dal resto della gentry e dagli yeomen, i produttori agricoli indipendenti, in città era composta da artigiani benestanti, avvocati, professionisti urbani, commercianti, imprenditori. Ancora più in basso c'erano i piccoli contadini e gli operai e alla base c'erano vagabondi, disoccupati e lavoratori domestici. Nel 1603 salì al trono Giacomo I Stuart e sotto la sua corona si unificarono i regni di Inghilterra e Scozia. Egli voleva rafforzare le corti giudiziarie, ma la gentry non contribuì in questo progetto. Aumentarono i motivi del conflitto tra re e parlamento, composto dalla Camera dei lords (vescovi della chiesa anglicana ed esponenti dell'aristocrazia feudale) e dalla Camera dei comuni. Anche il diritto di imporre tasse fu soggetto...

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Knowunity

Scuola. Finalmente semplice.

Aprire l'app

Didascalia alternativa:

di discussione, incrementata dalla corruzione della corte di Giacomo I, che tendeva a sperperare denaro per i suoi favoriti. Tra essi c'era il duca di Buckingham. Quindi, in seguito, contro la corte, si oppose la parte buona del paese: si contrappose the country a the court. In ambito religioso, voleva rafforzare la chiesa anglicana e a questo si opposero i cattolici e i vari orientamenti dei calvinisti inglesi. Un avvenimento che caratterizza questa opposizione è la congiura delle polveri, che consisteva nel voler uccidere il sovrano con della polvere da sparo, solo che non si svolse più perché fu scoperto. Nonostante ciò stabilì un buon rapporto con le potenze cattoliche. Il conflitto tra monarchia e società crebbe anche a causa della politica estera messa in atto. Anche i calvinisti non sostenevano la politica religiosa di Giacomo I e si ispiravano al modello presbiteriano. I puritani non riconoscevano le chiese e richiedevano la libertà di culto ed erano diffusi presso la gentry e molti di loro dovettero emigrare a causa del divieto dei culti. L'erede di Giacomo I fu suo figlio, Carlo I. Le decisioni erano prese dal consiglio della corona, invece la Camera stellare agiva contro i suoi nemici. Egli dovette affrontare l'opposizione del parlamento, che votò la Petition of Rights, a favore dei diritti dei cittadini e delle prerogative dei parlamentari e che impediva al re di imporre tasse. Però, il re aveva bisogno di imporre una tassa per finanziare la spedizione in soccorso degli ugonotti francesi. Successivamente, non convocò il parlamento per molti anni per evitare che le camere lo comandassero. Era vendendo titoli e privilegi commerciali che Carlo I sosteneva tutte le spese e in più voleva imporre tasse senza il consenso del parlamento, infatti impose a tutte le città del regno la ship money, motivo per cui i ceti borghesi cittadini si ribellarono. La religione adottata da Carlo I e dal primate anglicano Laud, si ispirava all'intransigente episcopalismo. Laud, temendo che i membri della chiesa anglicana simpatizzassero per il puritanesimo, li represse e impose a tutti gli scozzesi un nuovo libro di preghiere. Gli scozzesi non accettarono l'unificazione sotto la chiesa anglicana e sottoscrissero un patto di resistenza (covenant) nazionale, quindi Carlo I reagì intraprendendo una campagna militare contro di loro. Però non avendo abbastanza denaro per armare l'esercito, decise di convocare il parlamento, che non accettò gli stanziamenti necessari per affrontare gli scozzesi. Nacque così il parlamento corto, ovvero sciolto dal sovrano, che nello stesso anno ebbe l'esigenza di convocare un nuovo parlamento, detto parlamento lungo. Anche quest'ultimo si opponeva alle richieste del re, per esempio voleva far abolire la ship money, far chiudere i tribunali regi e rimuovere i cattivi consiglieri del re. Furono votate proposte che riconoscevano il diritto di veto del parlamento e che impedivano al re di scioglierlo; le scelte di Laud furono condannate ed egli fu giustiziato e processato. Nel 1641 il parlamento lungo votò la Grande rimostranza, che condannava la politica assolutistica di Carlo I. Il re, per risolvere il conflitto, guidò, un anno dopo, un'incursione armata a Westminster, che fu scoperta dai membri della Camera dei comuni, che scapparono in tempo da Londra. Questo determinò l'inizio della guerra civile. La società si divise in due: l'alta aristocrazia, la gentry maggiore ed i grandi mercanti monopolistici sostenevano il re, invece i ceti intermedi sostenevano il parlamento. Geograficamente parlando, le regioni sud-orientali sostenevano il parlamento, invece quelle a nord e a ovest si allearono col re. Anche la religione ha influito, infatti i presbiteriani ed i puritani erano dalla parte del parlamento, i difensori della chiesa anglicana sostenevano il re. Inizialmente sembrava essere in vantaggio il re, ma Oliver Cromwell, membro della Camera dei comuni, riorganizzò l'esercito parlamentare, creandone un nuovo tipo, detto New Model Army, che sconfisse il re a Marston Moor e a Naseby. Nel 1646, Carlo I si arrese agli scozzesi. Secondo il parlamento, bisognava trovare un compromesso col re, limitando il suo potere. Inoltre adottò il modello presbiteriano ed era sostenuta la libertà di culto per i protestanti. Ci furono dei contrasti tra parlamento ed esercito parlamentare, che portarono ad una guerra civile. Il centro di Londra fu in seguito occupato dal New Model Army. A Putney nacque un conflitto tra capi dell'esercito e i rappresentanti eletti dai reparti militari. Tra i problemi discussi c'era un documento programmatico proposto dai livellatori (movimento politico), il Patto del popolo. Erano in contrasto le persone che sostenevano il suffragio (diritto di voto) ristretto su base censitaria e quelle che, come i levellers, erano a favore del suffragio universale. Oltre ai levellers, contro la monarchia c'erano i diggers, che volevano anche abolire la proprietà privata, dato che si basavano sul comunismo cristiano, secondo il quale tutti dovevano usufruire delle terre create da Dio. Nel 1648, Carlo I attaccò l'esercito parlamentare, alleato con gli scozzesi, ma fu sconfitto da Cromwell, sottoposto a processo e un anno dopo condannato a morte. Così la monarchia fu dichiarata decaduta, dal parlamento e fu sostituita dal Commonwealth, nonché repubblica, bene comune. La Camera dei lords e la chiesa anglicana furono abolite e la libertà politica fu limitata. Nei primi anni di Commonwealth, Cromwell dominò le ribellioni degli scozzesi e dei cattolici irlandesi e si scontrò con i partigiani del re, i cattolici e i diggers. Successivamente la repubblica di Cromwell diventò più autoritaria a causa del contrasto nato in vista delle procedure per convocare le elezioni per un nuovo parlamento. Influenzato dai militari, Cromwell sciolse il parlamento d'autorità e fu eletta una nuova assemblea chiamata parlamento dei santi a causa della determinazione in campo religioso dei suoi esponenti. Inoltre Cromwell fu soprannominato lord protector. Per avere l'appoggio dei capi dell'esercito, li incarico di controllare le contee e assicurare il prelievo fiscale e gli diede la possibilità di confiscare i beni degli oppositori monarchici. Nonostante l'aumento del prelievo fiscale, Cromwell ottenne l'appoggio della popolazione nei suoi progetti politico-religiosi e negli interessi economici. In effetti egli soppresse i diritti feudali e restituì ai partigiani le terre che Carlo I sequestrò. In ambito mercantilistico, Cromwell favorì lo sviluppo delle manifatture, del commercio e della flotta, su cui si basava la potenza inglese. Nel 1652 si scatenò una guerra, perché Cromwell stabilì l'Atto di navigazione, che riservava il commercio inglese alle navi inglesi e a quelle dei paesi da cui importavano le merci. Ciò quindi, fu a sfavore degli olandesi. La conseguenza della guerra era che fu spezzato il monopolio delle Province Unite nel commercio di tabacco, zucchero ecc... e la presenza inglese nei grandi traffici internazionali diventò maggiore.