Italiano /

L' ENEIDE

L' ENEIDE

user profile picture

Nicole

5 Followers
 

Italiano

 

2ªl

Appunto

L' ENEIDE

 L'Eneide L'ENEIDE
l'autore
A differenza degli altri poemi epici l' Eneide è il frutto di un solo autore: Publio
Virgilio Marone. Nato nel 7

Commenti (2)

Condividi

Salva

5

la vita dell' autore, la struttura e trama del poema, spazi e tempi e temi descritti nell' eneide

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

L'Eneide L'ENEIDE l'autore A differenza degli altri poemi epici l' Eneide è il frutto di un solo autore: Publio Virgilio Marone. Nato nel 70 a.C. ad Andes, era figlio di una famiglia di agricoltori che gli permise di andare a studiare a Cremona e a Milano. Si trasferì a Roma per frequentare le scuole retoriche, si appassionò, poi, alla filosofia e poesia che era ispirata all' amore e alla natura. Rientrato a Mantova scrisse le Bucoliche o Ecloghe raccolta di dieci componenti in esametri, il primo termine allude all'ambientazione naturale, il secondo alla natura di carmi scelti. Si trasferì a Napoli dove apprese i concetti della filosofia epicurea (una scuola di pensiero). Nel 39 riuscì ad accedere al circolo di Mecenate, che garantiva agilità economica in cambio di sostegno di politico a Ottaviano. Nel 31 dopo la battaglia di Azio continuò a scrivere versi ispirati alla vita nei campi con le Georgiche. Poi scrisse l' Eneide, poema epico che serviva a nobilitare l'origine dei romani ricollegandola a quella del troiani. Virgilio intraprese un viaggio in Grecia per visitare i luoghi percorsi da Enea che aveva descritto nel poema; tuttavia dovette tornare ben presto dal suo viaggio a causa di un'insolazione che lo fece ammalare gravemente, si fermò così a Brindisi dove mori poco dopo nel 19 a.C. L'...

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Didascalia alternativa:

Eneide, però, non era ancora stata completata, Virgilio aveva chiesto che in tal caso l'opera venisse bruciata ma fu Augusto stesso ad impedirlo, chiedendo anche che fosse sepellito a Napoli. I temi del poema Virgilio conferisce ad Enea un carattere originale facendone l'eroe della pietas. gli dà atteggiamento devoto nei confronti degli dei e della patria. Assume le caratteistiche del classico cittadino romano, tra cui il rispetto della parola data ( fides ) e l' obbedienza all' autorità. Un' altro aspetto importante è nel motivo enconomastico, per glorificare l'intera gens lulia, infatti Enea è figlio della dea Venere e così l'intera famiglia imperiale a cui appartenevano Giulio Cesare e Ottaviano Augusto è ricondotta a un antenato divino. L' Eneide è un poema che narra di guerre ma soprattutto un desiderio di pace, caratterizzato dal periodo storico, in cui viveva l' autore, successivo alle guerre civili. L'ENEIDE la struttura L'Eneide è un poema scritto in esametri e diviso in dodici libri. Virgilio per dimostrare il rispetto verso lo schema omerico volle dividere il poema in due parti, la prima ispirata all' odissea la seconda all' iliade. La METà ODISSIACA tratta soprattutto il tema del viaggio compiuto dai troiani per raggiungere l'Italia: Enea deve affrontare una serie di peregrinazioni e pericoli, che conduce all' odissea, così come il flashback di Odisseo ad Alcinoo anche Enea ospitato da Didone racconterà gli ultimi sette anni trascorsi, nel libro II e III. Mentre Odisseo conduce un viaggio di ritorno in patria Enea è alla ricerca di una nuova patria, l' Eneide si configura come un poema della fuga. La METÀ ILIADICA è ispirata per il prevalere della materia bellica, annunciata già nel VI libro dalla Sibilla Cumana che predica "guerre, guerre orrende". La guerra della seconda metà dell' Eneide vede protagonisti i troiani guidati da Enea contro i Rutuli guidati dal re Turno. La differenza sta nell' obiettivo, mentre nell' illade i Greci vogliono impadronirsi di Troia, nell' Enelde i trolani vogliono fondare una nuova patria. il tempo e lo spazio I riferimenti cronologici dell' Eneide sono scarsi e imprecisiple indicazioni temporali sono relative a momenti della giornata o alle stagioni ma si tratta di un tempo interiorizzato, funzionale alla descrizione di stati d'animo A cui si oppone la dettagliata documentazione degli spazi. Enea si muove dall' Asia Minore all' occidente e tutte le tappe sono identificabili e reali. La seconda metà del poema è caratterizzata da riferimenti alla geografa italica e laziale, l' autore indica le più antiche origini di centrie luoghi d'Italia, ne sono un esempio Gaeta e capo Palinuro. Corsica Sardegna MARE umidia, TIRRENO Trinacria MARE ADRIATICO ENOTRI Lacine r MARE Macedonia IONIO Tessaglia runde Etelik Materiay aty Peloponnes MEDITERRANEO alre Desn Ondreas mung Lam Troade effigia PANTANDRO Misia L'ENEIDE la trama La narrazione inizia in media res la dea Giunone scatena una tempesta che colpisce Enea e il suo seguito, riescono ad approdare sulle coste della Libia. In seguito la dea Venere, sotto le sembianze di una cacciatrice, avviserà il figlio che è approdato nell'iosola di Didone. La regina inviterà gli stranieri nella propria reggia e farà un banchetto in loro onore. Durante la permanenza la regina chiederà a Enea di raccontargli le sue peripezie, inizia così il lungo flashback inizia dalla caduta di Troia. narra dell' inganno del cavallo di legno, della morte di Priamo, della fuga precipitosa e della perdita della moglie Creusa. Dopo aver lasciato la patria i Troiani approdano in Tracia qui però la voce di Polidoro (figlio di Priamo), li avvisa che quella era una terra maledetta così Enea e i suoi compagni abbandonano la Tracia e raggiungono l'isola di Delo. Qui l' oracolo di Apollo gli rivelerà che la sua missione è raggiungere la "antica madre". Enea si dirige verso Creta credendo sia quella la destinazione, che era, però, invasa da una grave pestilenza. I Penati e la sua famiglia in sogno gli riveleranno che l' "antica madre" è l'Italia I troiani riprenderanno il loro viaggio ma aproderanno, per colpa di una tempesta, nelle isole Strofadi. Qui incontrano Andromaca che svela loro come arrivare in Italia. i troiani riprenderanno così il loro viaggio e raggiungeranno la Sicilia dove Anchise morirà, da lì partono ma, colpiti da una tempesta, ariverranno da Didone. A malincuore Enea lascierà l' isola per dirigersi in Sicilia dove farà dei giochi funebri in onore del padre, e poi ripartirà verso la Campania Nei pressi di Cuma incontrerà la Sibilla che lo porterà nell' Ade, dove incontrerà Anchise e antenati defunti. Risalirà poi nel mondo del vivi e sosterà a Gaeta prima di giungere definitivamente nel Lazio presso la foce del Tevere, qui però lo aspetterà una lunga guerra contro il re Turno e i Rutuli con la vittoria di Enea che finalmente potrà fondare una nuova patria

Italiano /

L' ENEIDE

L' ENEIDE

user profile picture

Nicole

5 Followers
 

Italiano

 

2ªl

Appunto

L' ENEIDE

Questo Contenuto è disponibile solamente nell' app di Knowunity

 L'Eneide L'ENEIDE
l'autore
A differenza degli altri poemi epici l' Eneide è il frutto di un solo autore: Publio
Virgilio Marone. Nato nel 7

Aprire l'app

Condividi

Salva

5

Commenti (2)

X

Un appunto così carino per la scuola 😍😍, è davvero utile!

la vita dell' autore, la struttura e trama del poema, spazi e tempi e temi descritti nell' eneide

Contenuti simili

3

Omero e iliade

Know Omero e iliade  thumbnail

985

 

1ªl

Dante Purgatorio, analisi canti, Appunti di Italiano

Know Dante Purgatorio, analisi canti, Appunti di Italiano thumbnail

1481

 

4ªl/5ªl

9

torquato tasso

Know torquato tasso thumbnail

1606

 

4ªl

5

dante alighieri - vita e opere

Know dante alighieri - vita e opere thumbnail

4804

 

3ªl

di più

L'Eneide L'ENEIDE l'autore A differenza degli altri poemi epici l' Eneide è il frutto di un solo autore: Publio Virgilio Marone. Nato nel 70 a.C. ad Andes, era figlio di una famiglia di agricoltori che gli permise di andare a studiare a Cremona e a Milano. Si trasferì a Roma per frequentare le scuole retoriche, si appassionò, poi, alla filosofia e poesia che era ispirata all' amore e alla natura. Rientrato a Mantova scrisse le Bucoliche o Ecloghe raccolta di dieci componenti in esametri, il primo termine allude all'ambientazione naturale, il secondo alla natura di carmi scelti. Si trasferì a Napoli dove apprese i concetti della filosofia epicurea (una scuola di pensiero). Nel 39 riuscì ad accedere al circolo di Mecenate, che garantiva agilità economica in cambio di sostegno di politico a Ottaviano. Nel 31 dopo la battaglia di Azio continuò a scrivere versi ispirati alla vita nei campi con le Georgiche. Poi scrisse l' Eneide, poema epico che serviva a nobilitare l'origine dei romani ricollegandola a quella del troiani. Virgilio intraprese un viaggio in Grecia per visitare i luoghi percorsi da Enea che aveva descritto nel poema; tuttavia dovette tornare ben presto dal suo viaggio a causa di un'insolazione che lo fece ammalare gravemente, si fermò così a Brindisi dove mori poco dopo nel 19 a.C. L'...

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Knowunity

Scuola. Finalmente semplice.

Aprire l'app

Didascalia alternativa:

Eneide, però, non era ancora stata completata, Virgilio aveva chiesto che in tal caso l'opera venisse bruciata ma fu Augusto stesso ad impedirlo, chiedendo anche che fosse sepellito a Napoli. I temi del poema Virgilio conferisce ad Enea un carattere originale facendone l'eroe della pietas. gli dà atteggiamento devoto nei confronti degli dei e della patria. Assume le caratteistiche del classico cittadino romano, tra cui il rispetto della parola data ( fides ) e l' obbedienza all' autorità. Un' altro aspetto importante è nel motivo enconomastico, per glorificare l'intera gens lulia, infatti Enea è figlio della dea Venere e così l'intera famiglia imperiale a cui appartenevano Giulio Cesare e Ottaviano Augusto è ricondotta a un antenato divino. L' Eneide è un poema che narra di guerre ma soprattutto un desiderio di pace, caratterizzato dal periodo storico, in cui viveva l' autore, successivo alle guerre civili. L'ENEIDE la struttura L'Eneide è un poema scritto in esametri e diviso in dodici libri. Virgilio per dimostrare il rispetto verso lo schema omerico volle dividere il poema in due parti, la prima ispirata all' odissea la seconda all' iliade. La METà ODISSIACA tratta soprattutto il tema del viaggio compiuto dai troiani per raggiungere l'Italia: Enea deve affrontare una serie di peregrinazioni e pericoli, che conduce all' odissea, così come il flashback di Odisseo ad Alcinoo anche Enea ospitato da Didone racconterà gli ultimi sette anni trascorsi, nel libro II e III. Mentre Odisseo conduce un viaggio di ritorno in patria Enea è alla ricerca di una nuova patria, l' Eneide si configura come un poema della fuga. La METÀ ILIADICA è ispirata per il prevalere della materia bellica, annunciata già nel VI libro dalla Sibilla Cumana che predica "guerre, guerre orrende". La guerra della seconda metà dell' Eneide vede protagonisti i troiani guidati da Enea contro i Rutuli guidati dal re Turno. La differenza sta nell' obiettivo, mentre nell' illade i Greci vogliono impadronirsi di Troia, nell' Enelde i trolani vogliono fondare una nuova patria. il tempo e lo spazio I riferimenti cronologici dell' Eneide sono scarsi e imprecisiple indicazioni temporali sono relative a momenti della giornata o alle stagioni ma si tratta di un tempo interiorizzato, funzionale alla descrizione di stati d'animo A cui si oppone la dettagliata documentazione degli spazi. Enea si muove dall' Asia Minore all' occidente e tutte le tappe sono identificabili e reali. La seconda metà del poema è caratterizzata da riferimenti alla geografa italica e laziale, l' autore indica le più antiche origini di centrie luoghi d'Italia, ne sono un esempio Gaeta e capo Palinuro. Corsica Sardegna MARE umidia, TIRRENO Trinacria MARE ADRIATICO ENOTRI Lacine r MARE Macedonia IONIO Tessaglia runde Etelik Materiay aty Peloponnes MEDITERRANEO alre Desn Ondreas mung Lam Troade effigia PANTANDRO Misia L'ENEIDE la trama La narrazione inizia in media res la dea Giunone scatena una tempesta che colpisce Enea e il suo seguito, riescono ad approdare sulle coste della Libia. In seguito la dea Venere, sotto le sembianze di una cacciatrice, avviserà il figlio che è approdato nell'iosola di Didone. La regina inviterà gli stranieri nella propria reggia e farà un banchetto in loro onore. Durante la permanenza la regina chiederà a Enea di raccontargli le sue peripezie, inizia così il lungo flashback inizia dalla caduta di Troia. narra dell' inganno del cavallo di legno, della morte di Priamo, della fuga precipitosa e della perdita della moglie Creusa. Dopo aver lasciato la patria i Troiani approdano in Tracia qui però la voce di Polidoro (figlio di Priamo), li avvisa che quella era una terra maledetta così Enea e i suoi compagni abbandonano la Tracia e raggiungono l'isola di Delo. Qui l' oracolo di Apollo gli rivelerà che la sua missione è raggiungere la "antica madre". Enea si dirige verso Creta credendo sia quella la destinazione, che era, però, invasa da una grave pestilenza. I Penati e la sua famiglia in sogno gli riveleranno che l' "antica madre" è l'Italia I troiani riprenderanno il loro viaggio ma aproderanno, per colpa di una tempesta, nelle isole Strofadi. Qui incontrano Andromaca che svela loro come arrivare in Italia. i troiani riprenderanno così il loro viaggio e raggiungeranno la Sicilia dove Anchise morirà, da lì partono ma, colpiti da una tempesta, ariverranno da Didone. A malincuore Enea lascierà l' isola per dirigersi in Sicilia dove farà dei giochi funebri in onore del padre, e poi ripartirà verso la Campania Nei pressi di Cuma incontrerà la Sibilla che lo porterà nell' Ade, dove incontrerà Anchise e antenati defunti. Risalirà poi nel mondo del vivi e sosterà a Gaeta prima di giungere definitivamente nel Lazio presso la foce del Tevere, qui però lo aspetterà una lunga guerra contro il re Turno e i Rutuli con la vittoria di Enea che finalmente potrà fondare una nuova patria