Italiano /

Gabriele D'Annunzio

Gabriele D'Annunzio

 Gabriele D'annunzio
Nasce nel 1863 (a Pescara) e Muore nel 1938.
famiglia facoltosa
Frequenta il liceo di Prato (per volere del padre)
Occu

Gabriele D'Annunzio

user profile picture

Rosy Miceli

107 Followers

Condividi

Salva

355

 

3ªm/4ªl/5ªl

Sintesi

Sintesi Gabriele D'Annunzio e alcune delle sue opere.

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

Gabriele D'annunzio Nasce nel 1863 (a Pescara) e Muore nel 1938. famiglia facoltosa Frequenta il liceo di Prato (per volere del padre) Occupa Fiume (nel 1919 insieme alle camicie nere) "Vivere la vita come se fosse un opera di arte" ↳ è in concordo con la corrente artistico-letteraria che prende il nome di ESTETISMO ↳ nasce in Francia intorno alla metà del 1800. Secondo gli esteti tutto ciò che ci circonda deve essere recepito come se fosse una cosa meravigliosa. L'unica vera forma che oggettivamente si può recepire è l'ARTE in tutte le sue forme (pittura scrittura ecc.) Solo essa provoca nell'uomo il piacere duraturo, tutto il resto è effimero. (Questo sottolinea la continuità tra la vita e l'arte) D'Annunzio viene considerato dalla critica un esteta perché la sua poetica parte da una base di REALISMO → dove bisognava descrivere la realtà così com'è ma nel momento in cui D'Annunzio esprime il suo punto di vista non descrive la realtà in modo oggettivo ma in modo SOGGETTIVO → lui fa questo perché ha una personalità predominante. Prova ne è un uomo di destra. È Nazionalista ↳ (Spesso è capitato che appoggiasse le idee di sinistra, per brevi periodi della sua vita) D'Annunzio si sposa con una Duchessa, ma è conosciuto però avere molte amanti. Intreccia una relazione duratura con un attrice, Eleonora Duse. Appoggia completamente...

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Didascalia alternativa:

il fascismo, infatti Mussolini partecipa al suo funerale nel 1938. D'Annunzio viene ricordato come il poeta-vate del Novecento. Diventa il poeta della Nazione Fondamentale per comprendere i suoi ideali è stato lo studio del filosofo tedesco Nietzsche (Nich) Parlava del SUPERUOMO, concetto di cui lui era affascinato. Uomo che si eleva al di sopra delle masse Le caratteristiche del superuomo dannunziano riprese dalla filosofia di Nietzsche ci sono: Concezione aristocratica del mondo, disprezza le masse e il sistema parlamentare che rappresenta l'uguaglianza sociale. Culto dall'energia dominatrice → si manifesta nella violenza e nella forza. Concetto di Nazionalismo → la propria nazione è superiore a tutte le altre ma ci devono essere degli uomini che sappiano guidarla con caratteristiche fisiche perfette. Giudizio negativo sul Italia post-unitaria → “la risollevino dal fango", per lui l'Unità d'Italia ha fatto sì che precipitasse nel fango. Per D'Annunzio anche il mito del superuomo è destinato a crollare a causa della DONNA. Perde la sua condizione di vita perfetta e vitalità. Rappresenta la causa della debolezza dell'uomo. D'Annunzio si era prefissato di scrivere tre cicli di romanzi, ciascuno contenente una trilogia: Il Ciclo della Rosa → rappresenta la passione amorosa Il Ciclo del Giglio → rappresenta la purezza e identifica il superuomo che si eleva sulle passioni umane Il Ciclo del Melograno → è il simbolo della Vittoria sulle passioni umane Il capolavoro di D'Annunzio è il Piacere scritto nel 1889. ↳ È il simbolo italiano della corrente estetica decadente. Il Piacere Il protagonista è Andrea Sperelli cioè l'alterego di D'Annunzio. (È come se D'Annunzio parlasse di se stesso in prima persona) Andrea Sperelli è un aristocratico che ha trascorso la vita cercando e ammirando le cose belle. Egli disprezza le masse e vive nella Roma del fine 1800 inizio 1900. Conduce una vita come se fosse un'opera d'arte. Andrea Sperelli è un uomo che trascorre la vita passando da una donna all'altra. Il romanzo si apre con lui ti aspetta una donna di cui è molto innamorato, Elena Muti. (D'Annunzio rappresenta Elena Muti come una donna sensuale e molto bella) Elena però si sposa con un altro uomo, ma dopo ritorna sui suoi passi e si incontra con Andrea. Andrea nel frattempo cerca di dimenticarla con altre donne. Andrea incontra Maria Ferres con la quale in treccia una relazione amorosa. (Maria Ferres è una donna completamente diversa rispetto ad Elena, è semplice e spirituale) Il romanzo si conclude con Andrea e Maria che sono in intimità, ma lui la chiama Elena. (Questo segna il fallimento di Andrea) Maria sconvolta scappa e se ne va. La critica si è soffermata molto sui nomi delle due donne, Elena e Maria. Elena ricorda la regina di Sparta che causò la guerra di Troia. Maria richiama il nome della Vergine, è dipinta come una donna pura e gentile. Andrea è un giovane raffinato, ma fragile. Cresciuto dal padre, ha girato tutto il mondo. Ha una grande cultura. L'Esteta "sotto il grigio diluvio democratico" → è una metafora per indicare il mondo Borghese che sta emergendo alla fine del 1800. La borghesia è una classe che D'Annunzio odia. Per lui l'avvento della borghesia sta lentamente mettendo da parte l'aristocrazia. Gli Sperelli sono coloro i quali venivano dalla scuola dell'Arcadia, dove si riuniscono i poeti che parlavano della Grecia antica. Vantavano una tradizione di bellezza, che veniva tramandata nelle generazioni. "Giovin signore" si rifà al Giorno di Parini. "Ultimo discendente di una razza intellettuale“ → il padre si è speso per dargli un'educazione a 360°. "Lui era tutto impregnato di arte" → manifesto dell'estetismo Solo l'aristocrazia simboleggia arte ed eleganza. Andrea fino a vent'anni aveva sempre studiato e era rimasto affascinato di ciò che aveva visto. "Culto della Bellezza, disprezzo dei pregiudizi e avidità del piacere" → tutte cose volte all'apparenza Il padre aveva conosciuto una donna, avevano fatto un figlio, si sono sposati e dopo lasciati. Il figlio (Andrea) era rimasto con il padre perché la moglie non era aristocratica. La vita di Andrea è stata volta a perseguire i piaceri estetici, il padre non si è mai interessato a impartire valori morali. "Bisogna fare la propria vita, come si fa un'opera d'arte" (Cioè bisogna stare attenti a tutti i particolari) Con Andrea è come se decadesse l'aristocrazia. È vittima di se stesso e delle sue passioni. ↳ (Egli ama le qualità di Elena che non ha Maria e viceversa). un uomo che non sa realmente ciò che vuole. La Pioggia nel Pineto È la più famosa lirica di D'Annunzio. D'Annunzio si era proposto di scrivere tre i libri di LAUDI Lodi il cui titolo era: Alcyone → inno all'estate Maia Elettra La Pioggia nel Pineto fa parte della raccolta del libro delle laudi di Alcyone. D'Annunzio in questa lirica immagina e descrive di fare una passeggiata con la sua donna amata, cioè Eleonora Duse, in una pineta nel mese di Giugno con le sensazioni che provoca l'estate sull'essere umano. Nel momento in cui D'Annunzio inizia questa passeggiata dentro la Natura, si avverte un unione tra l'uomo e la natura che prende il nome di PANISMO (PAN dio greco metà uomo e metà caprone) Diventare tutt'uno con la natura. L'identificazione tra uomo e natura avviene attraverso la METAMORFOSI (cambiamento). ↓ L'uomo si trasforma lentamente in un elemento della natura. Questo tema della metamorfosi è di derivazione classica (Ovidio). Solo il superuomo riesce a trascendere la realtà cioè riesce ad elevarsi al di sopra del mondo e a lasciarsi alle spalle il mondo umano (terreno). Questa lirica è la manifestazione del superomismo. TRANSUMARE (TRANS-UMANO) → Nel momento in cui il superuomo riesce a diventare un tutt'uno con la natura avviene il processo di transumazione. Transumano infatti significa sopra l'umano cioè levarsi al di sopra della dimensione umana.

Italiano /

Gabriele D'Annunzio

user profile picture

Rosy Miceli   

Seguire

107 Followers

 Gabriele D'annunzio
Nasce nel 1863 (a Pescara) e Muore nel 1938.
famiglia facoltosa
Frequenta il liceo di Prato (per volere del padre)
Occu

Aprire l'app

Sintesi Gabriele D'Annunzio e alcune delle sue opere.

Contenuti simili

L

6

Gabriele D'Annunzio

Know Gabriele D'Annunzio  thumbnail

8

 

5ªl

user profile picture

6

ITALIANO: D'ANNUNZIO

Know ITALIANO: D'ANNUNZIO thumbnail

13

 

5ªl

user profile picture

4

Gabriele D’Annunzio

Know Gabriele D’Annunzio thumbnail

21

 

5ªl

user profile picture

2

Gabriele d'annunzio e alcune delle sue opere

Know Gabriele d'annunzio e alcune delle sue opere  thumbnail

20

 

4ªl/5ªl

Gabriele D'annunzio Nasce nel 1863 (a Pescara) e Muore nel 1938. famiglia facoltosa Frequenta il liceo di Prato (per volere del padre) Occupa Fiume (nel 1919 insieme alle camicie nere) "Vivere la vita come se fosse un opera di arte" ↳ è in concordo con la corrente artistico-letteraria che prende il nome di ESTETISMO ↳ nasce in Francia intorno alla metà del 1800. Secondo gli esteti tutto ciò che ci circonda deve essere recepito come se fosse una cosa meravigliosa. L'unica vera forma che oggettivamente si può recepire è l'ARTE in tutte le sue forme (pittura scrittura ecc.) Solo essa provoca nell'uomo il piacere duraturo, tutto il resto è effimero. (Questo sottolinea la continuità tra la vita e l'arte) D'Annunzio viene considerato dalla critica un esteta perché la sua poetica parte da una base di REALISMO → dove bisognava descrivere la realtà così com'è ma nel momento in cui D'Annunzio esprime il suo punto di vista non descrive la realtà in modo oggettivo ma in modo SOGGETTIVO → lui fa questo perché ha una personalità predominante. Prova ne è un uomo di destra. È Nazionalista ↳ (Spesso è capitato che appoggiasse le idee di sinistra, per brevi periodi della sua vita) D'Annunzio si sposa con una Duchessa, ma è conosciuto però avere molte amanti. Intreccia una relazione duratura con un attrice, Eleonora Duse. Appoggia completamente...

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Knowunity

La Scuola Resa Facile

Aprire l'app

Didascalia alternativa:

il fascismo, infatti Mussolini partecipa al suo funerale nel 1938. D'Annunzio viene ricordato come il poeta-vate del Novecento. Diventa il poeta della Nazione Fondamentale per comprendere i suoi ideali è stato lo studio del filosofo tedesco Nietzsche (Nich) Parlava del SUPERUOMO, concetto di cui lui era affascinato. Uomo che si eleva al di sopra delle masse Le caratteristiche del superuomo dannunziano riprese dalla filosofia di Nietzsche ci sono: Concezione aristocratica del mondo, disprezza le masse e il sistema parlamentare che rappresenta l'uguaglianza sociale. Culto dall'energia dominatrice → si manifesta nella violenza e nella forza. Concetto di Nazionalismo → la propria nazione è superiore a tutte le altre ma ci devono essere degli uomini che sappiano guidarla con caratteristiche fisiche perfette. Giudizio negativo sul Italia post-unitaria → “la risollevino dal fango", per lui l'Unità d'Italia ha fatto sì che precipitasse nel fango. Per D'Annunzio anche il mito del superuomo è destinato a crollare a causa della DONNA. Perde la sua condizione di vita perfetta e vitalità. Rappresenta la causa della debolezza dell'uomo. D'Annunzio si era prefissato di scrivere tre cicli di romanzi, ciascuno contenente una trilogia: Il Ciclo della Rosa → rappresenta la passione amorosa Il Ciclo del Giglio → rappresenta la purezza e identifica il superuomo che si eleva sulle passioni umane Il Ciclo del Melograno → è il simbolo della Vittoria sulle passioni umane Il capolavoro di D'Annunzio è il Piacere scritto nel 1889. ↳ È il simbolo italiano della corrente estetica decadente. Il Piacere Il protagonista è Andrea Sperelli cioè l'alterego di D'Annunzio. (È come se D'Annunzio parlasse di se stesso in prima persona) Andrea Sperelli è un aristocratico che ha trascorso la vita cercando e ammirando le cose belle. Egli disprezza le masse e vive nella Roma del fine 1800 inizio 1900. Conduce una vita come se fosse un'opera d'arte. Andrea Sperelli è un uomo che trascorre la vita passando da una donna all'altra. Il romanzo si apre con lui ti aspetta una donna di cui è molto innamorato, Elena Muti. (D'Annunzio rappresenta Elena Muti come una donna sensuale e molto bella) Elena però si sposa con un altro uomo, ma dopo ritorna sui suoi passi e si incontra con Andrea. Andrea nel frattempo cerca di dimenticarla con altre donne. Andrea incontra Maria Ferres con la quale in treccia una relazione amorosa. (Maria Ferres è una donna completamente diversa rispetto ad Elena, è semplice e spirituale) Il romanzo si conclude con Andrea e Maria che sono in intimità, ma lui la chiama Elena. (Questo segna il fallimento di Andrea) Maria sconvolta scappa e se ne va. La critica si è soffermata molto sui nomi delle due donne, Elena e Maria. Elena ricorda la regina di Sparta che causò la guerra di Troia. Maria richiama il nome della Vergine, è dipinta come una donna pura e gentile. Andrea è un giovane raffinato, ma fragile. Cresciuto dal padre, ha girato tutto il mondo. Ha una grande cultura. L'Esteta "sotto il grigio diluvio democratico" → è una metafora per indicare il mondo Borghese che sta emergendo alla fine del 1800. La borghesia è una classe che D'Annunzio odia. Per lui l'avvento della borghesia sta lentamente mettendo da parte l'aristocrazia. Gli Sperelli sono coloro i quali venivano dalla scuola dell'Arcadia, dove si riuniscono i poeti che parlavano della Grecia antica. Vantavano una tradizione di bellezza, che veniva tramandata nelle generazioni. "Giovin signore" si rifà al Giorno di Parini. "Ultimo discendente di una razza intellettuale“ → il padre si è speso per dargli un'educazione a 360°. "Lui era tutto impregnato di arte" → manifesto dell'estetismo Solo l'aristocrazia simboleggia arte ed eleganza. Andrea fino a vent'anni aveva sempre studiato e era rimasto affascinato di ciò che aveva visto. "Culto della Bellezza, disprezzo dei pregiudizi e avidità del piacere" → tutte cose volte all'apparenza Il padre aveva conosciuto una donna, avevano fatto un figlio, si sono sposati e dopo lasciati. Il figlio (Andrea) era rimasto con il padre perché la moglie non era aristocratica. La vita di Andrea è stata volta a perseguire i piaceri estetici, il padre non si è mai interessato a impartire valori morali. "Bisogna fare la propria vita, come si fa un'opera d'arte" (Cioè bisogna stare attenti a tutti i particolari) Con Andrea è come se decadesse l'aristocrazia. È vittima di se stesso e delle sue passioni. ↳ (Egli ama le qualità di Elena che non ha Maria e viceversa). un uomo che non sa realmente ciò che vuole. La Pioggia nel Pineto È la più famosa lirica di D'Annunzio. D'Annunzio si era proposto di scrivere tre i libri di LAUDI Lodi il cui titolo era: Alcyone → inno all'estate Maia Elettra La Pioggia nel Pineto fa parte della raccolta del libro delle laudi di Alcyone. D'Annunzio in questa lirica immagina e descrive di fare una passeggiata con la sua donna amata, cioè Eleonora Duse, in una pineta nel mese di Giugno con le sensazioni che provoca l'estate sull'essere umano. Nel momento in cui D'Annunzio inizia questa passeggiata dentro la Natura, si avverte un unione tra l'uomo e la natura che prende il nome di PANISMO (PAN dio greco metà uomo e metà caprone) Diventare tutt'uno con la natura. L'identificazione tra uomo e natura avviene attraverso la METAMORFOSI (cambiamento). ↓ L'uomo si trasforma lentamente in un elemento della natura. Questo tema della metamorfosi è di derivazione classica (Ovidio). Solo il superuomo riesce a trascendere la realtà cioè riesce ad elevarsi al di sopra del mondo e a lasciarsi alle spalle il mondo umano (terreno). Questa lirica è la manifestazione del superomismo. TRANSUMARE (TRANS-UMANO) → Nel momento in cui il superuomo riesce a diventare un tutt'uno con la natura avviene il processo di transumazione. Transumano infatti significa sopra l'umano cioè levarsi al di sopra della dimensione umana.