Storia /

Antico e Nuovo Egitto

Antico e Nuovo Egitto

I

Ivan Matta

1 Followers
 

Storia

 

1ªl

Sintesi

Antico e Nuovo Egitto

 Antico e Nuovo Egitto
Antico Egitto
Anche gli Egizi si svilupparono grazie al fiume Nilo che con le sue inondazioni
annuali allagava i terr

Commenti (1)

Condividi

Salva

8

appunti in sinstesi della civiltà egizia

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

Antico e Nuovo Egitto Antico Egitto Anche gli Egizi si svilupparono grazie al fiume Nilo che con le sue inondazioni annuali allagava i territori circostanti. Al ritirarsi delle acque, sulla terra rimaneva una sostanza fertilizzante detta limo. Inoltre l'antico egitto assunse le caratteristiche della civiltà idraulica e per molto aspetti assomigliava alle scorse civiltà idrauliche. Per altri aspetti, invece assunse alcuni caratteri originali che conservò fino alla nascita del nuovo regno. L'originalità della cultura egizia e la sua durata nel tempo sono dovuti al fatto che il territorio era delimitato dal mare e da numerosi deserti. In seguito la civiltà egizia conobbe una crescita demografica e il popolo dovette dividersi in villaggi detti nomi. La scrittura egizia fu decifrata da un egittologo detto champollion che ritrovò una stele di pietra nera sopra il quale fu scritto un decreto in lingua egizia, demotica e greco antico che champollion seppe tradurre e così riuscì a decifrare la scrittura egizia. Inoltre capì che la scrittura egizia era sia ideografica che fonetica, e pubblicò un libro sulla grammatica dell'egitto. I greci chiamarono questi segni geroglifici che significa scrittura sacra per il fatto che si trovava esclusivamente in Egitto. La politica egizia era basata sul modello gerarchico: in cima alla lista abbiamo il faraone che aveva il potere assoluto, subito sotto avevamo i...

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Didascalia alternativa:

sacerdoti che amministravano numerosi templi. Per governare, il sovrano aveva bisogno dei funzionari che svolgevano gran parte delle mansioni. La maggior parte dell'amministrazione era formata da scribi che si occupavano dei magazzini. Sotto i funzionari c'erano i militari che erano per lo più mercenari. Gli schiavi sono gli ultimi della gerarchia a cui venivano attribuiti i lavori più pesanti come per esempio quello della miniera. Gli egizi avevano una religione politeista. Gli egizi credevano che l'anima di un defunto detto ka, sopravvivesse nell'aldilà, così seppellivano i defunti in fosse scavate nel deserto così, in assenza di acqua,i corpi sarebbero rimasti intatti. Quando poi i morti cominciarono ad essere messi nelle tombe dovevano trovare una soluzione per non far decomporre i corpi e nacque la tecnica dell'imbalsamazione. Gli organi venivano posti in alcuni vasi detti canopi e veniva lasciato solo il cuore, perché secondo gli egizi rappresentava la sede dell'intelletto. Poi il corpo veniva impregnato di profumi e composti chimici che ne causavano il disseccamento. Dopo quaranta giorni il corpo veniva riempito di paglia, al posto degli occhi vennero messe delle pietre e fu dato al naso un aspetto naturale. In seguito il corpo venne fasciato strettamente e posto in una cassa di legno decorato detto sarcofago. Dopo aver inserito il corpo nel sarcofago, veniva posto nella mastaba, simile ad una camera mortuaria. Poi la mastaba crebbe di dimensioni e nacque la piramide che venivano costruite con grossi macigni di pietra calcarea. La più grande piramide mai esistita fu quella di Cheope. All'inizio solo il faraone poteva avere accesso al regno dei defunti, in seguito venne esteso a tutti gli essere umani, questo è dovuto all'affermarsi di classi sociali che desideravano avere il proprio potere. Il nuovo Egitto I regni dell'Alto Egitto e del Basso Egitto vennero unificati. Fu un'epoca di splendore e di espansione. L'antico regno finì nel caos e si divise ed entrò nel medio e nuovo regno. Durante il medio Regno venne ristabilita l'unità del paese e vennero conquistati nuovi territori, ma poi gli Hyksos posero fine al Medio Regno. Nel nuovo regno il principe di Tebe arricchì le città di monumenti e tutti i faraoni del nuovo regno si dedicarono all'espansione territoriale (giustificandosi con argomenti religiosi) fino a scontrarsi con gli Ittiti nella battaglia di qadesh combattuta da Ramsete II. Si diffuse il culto del dio Amon e i potenti sacerdoti lo attribuirono al dio sole Ra. Il dio amon-ra divenne il più grande proprietario terriero e il potere dei sacerdoti così divenne più potente. Così Amenofi IV decise di permettere l'adorazione solo del dio Aton, quindi impose il monoteismo. Ma i sacerdoti di Amon non accettarono queste riforme e dopo la morte di Amenofi i sacerdoti convinsero facilmente il nuovo faraone a chiamarsi Tutankhamon che riportò la capitale a tebe e riporto la religione tradizionale ma morì a soli 18 anni. Ramsete II in seguito spostò la capitale a Pi ramesse. Poi l'Egitto sembrava esausto e venne conquistato dagli Assiri che conquistarono anche Menfi. La vita degli egizi era scandita dalle piene del Nilo, che determinavano tre stagioni: La prima era quella della piena dove le terre venivano ricoperte dal fiume e al ritirarsi sulla terra si trovava il limo, La seconda stagione era quella della semina, e infine nella terza stagione, venivano raccolti i frutti che le piante seminate prima avevano prodotto. Inoltre il Nilo rappresentava uno svago per i più ricchi infatti si poteva praticare la caccia e la pesca. Il fiume costituiva anche una via di trasporto per i commerci. Lungo le rive del fiume cresceva una pianta, il papiro, che aveva molti usi nel regno egizio uno di quelli più importanti e che si poteva produrre una piccola quantità di pezzi di carta sul quale si poteva scrivere. Dal fango che si presentava dopo le inondazioni, insieme alla paglia si univano e potevano servire per la formazione di mattoni. Però non sempre il fiume era a favore degli egizi infatti poteva capitare che il nil non straripasse e quindi non crescevano subito le piante e si formava la carestia oppure straripava così tanto che distruggeva ogni cosa. In questi casi si faceva ricorso alle scorte alimentari che erano presenti nei magazzini reali. La donna dell'Egitto, a differenza delle altre popolazioni, era allo stesso piano dell'uomo, ma nella sfera pubblica la donna era la signora della casa ovvero doveva badare ai figli e alla pulizia della casa.

Storia /

Antico e Nuovo Egitto

Antico e Nuovo Egitto

I

Ivan Matta

1 Followers
 

Storia

 

1ªl

Sintesi

Antico e Nuovo Egitto

Questo Contenuto è disponibile solamente nell' app di Knowunity

 Antico e Nuovo Egitto
Antico Egitto
Anche gli Egizi si svilupparono grazie al fiume Nilo che con le sue inondazioni
annuali allagava i terr

Aprire l'app

Condividi

Salva

8

Commenti (1)

I

Grazie, mi aiuterà molto perché stiamo insegnando questo argomento ora! 😁

appunti in sinstesi della civiltà egizia

Contenuti simili

16

Gli Egizi, i Fenici e gli Ebrei

Know Gli Egizi, i Fenici e gli Ebrei  thumbnail

229

 

1ªl

2

l’età degli ottoni e la riforma della Chiesa

Know l’età degli ottoni e la riforma della Chiesa thumbnail

131

 

3ªl

5

Mario, Silla e il primo triumvirato

Know Mario, Silla e il primo triumvirato  thumbnail

349

 

1ªl/2ªl

2

le crociate

Know le crociate thumbnail

475

 

2ªl/3ªl

di più

Antico e Nuovo Egitto Antico Egitto Anche gli Egizi si svilupparono grazie al fiume Nilo che con le sue inondazioni annuali allagava i territori circostanti. Al ritirarsi delle acque, sulla terra rimaneva una sostanza fertilizzante detta limo. Inoltre l'antico egitto assunse le caratteristiche della civiltà idraulica e per molto aspetti assomigliava alle scorse civiltà idrauliche. Per altri aspetti, invece assunse alcuni caratteri originali che conservò fino alla nascita del nuovo regno. L'originalità della cultura egizia e la sua durata nel tempo sono dovuti al fatto che il territorio era delimitato dal mare e da numerosi deserti. In seguito la civiltà egizia conobbe una crescita demografica e il popolo dovette dividersi in villaggi detti nomi. La scrittura egizia fu decifrata da un egittologo detto champollion che ritrovò una stele di pietra nera sopra il quale fu scritto un decreto in lingua egizia, demotica e greco antico che champollion seppe tradurre e così riuscì a decifrare la scrittura egizia. Inoltre capì che la scrittura egizia era sia ideografica che fonetica, e pubblicò un libro sulla grammatica dell'egitto. I greci chiamarono questi segni geroglifici che significa scrittura sacra per il fatto che si trovava esclusivamente in Egitto. La politica egizia era basata sul modello gerarchico: in cima alla lista abbiamo il faraone che aveva il potere assoluto, subito sotto avevamo i...

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Knowunity

Scuola. Finalmente semplice.

Aprire l'app

Didascalia alternativa:

sacerdoti che amministravano numerosi templi. Per governare, il sovrano aveva bisogno dei funzionari che svolgevano gran parte delle mansioni. La maggior parte dell'amministrazione era formata da scribi che si occupavano dei magazzini. Sotto i funzionari c'erano i militari che erano per lo più mercenari. Gli schiavi sono gli ultimi della gerarchia a cui venivano attribuiti i lavori più pesanti come per esempio quello della miniera. Gli egizi avevano una religione politeista. Gli egizi credevano che l'anima di un defunto detto ka, sopravvivesse nell'aldilà, così seppellivano i defunti in fosse scavate nel deserto così, in assenza di acqua,i corpi sarebbero rimasti intatti. Quando poi i morti cominciarono ad essere messi nelle tombe dovevano trovare una soluzione per non far decomporre i corpi e nacque la tecnica dell'imbalsamazione. Gli organi venivano posti in alcuni vasi detti canopi e veniva lasciato solo il cuore, perché secondo gli egizi rappresentava la sede dell'intelletto. Poi il corpo veniva impregnato di profumi e composti chimici che ne causavano il disseccamento. Dopo quaranta giorni il corpo veniva riempito di paglia, al posto degli occhi vennero messe delle pietre e fu dato al naso un aspetto naturale. In seguito il corpo venne fasciato strettamente e posto in una cassa di legno decorato detto sarcofago. Dopo aver inserito il corpo nel sarcofago, veniva posto nella mastaba, simile ad una camera mortuaria. Poi la mastaba crebbe di dimensioni e nacque la piramide che venivano costruite con grossi macigni di pietra calcarea. La più grande piramide mai esistita fu quella di Cheope. All'inizio solo il faraone poteva avere accesso al regno dei defunti, in seguito venne esteso a tutti gli essere umani, questo è dovuto all'affermarsi di classi sociali che desideravano avere il proprio potere. Il nuovo Egitto I regni dell'Alto Egitto e del Basso Egitto vennero unificati. Fu un'epoca di splendore e di espansione. L'antico regno finì nel caos e si divise ed entrò nel medio e nuovo regno. Durante il medio Regno venne ristabilita l'unità del paese e vennero conquistati nuovi territori, ma poi gli Hyksos posero fine al Medio Regno. Nel nuovo regno il principe di Tebe arricchì le città di monumenti e tutti i faraoni del nuovo regno si dedicarono all'espansione territoriale (giustificandosi con argomenti religiosi) fino a scontrarsi con gli Ittiti nella battaglia di qadesh combattuta da Ramsete II. Si diffuse il culto del dio Amon e i potenti sacerdoti lo attribuirono al dio sole Ra. Il dio amon-ra divenne il più grande proprietario terriero e il potere dei sacerdoti così divenne più potente. Così Amenofi IV decise di permettere l'adorazione solo del dio Aton, quindi impose il monoteismo. Ma i sacerdoti di Amon non accettarono queste riforme e dopo la morte di Amenofi i sacerdoti convinsero facilmente il nuovo faraone a chiamarsi Tutankhamon che riportò la capitale a tebe e riporto la religione tradizionale ma morì a soli 18 anni. Ramsete II in seguito spostò la capitale a Pi ramesse. Poi l'Egitto sembrava esausto e venne conquistato dagli Assiri che conquistarono anche Menfi. La vita degli egizi era scandita dalle piene del Nilo, che determinavano tre stagioni: La prima era quella della piena dove le terre venivano ricoperte dal fiume e al ritirarsi sulla terra si trovava il limo, La seconda stagione era quella della semina, e infine nella terza stagione, venivano raccolti i frutti che le piante seminate prima avevano prodotto. Inoltre il Nilo rappresentava uno svago per i più ricchi infatti si poteva praticare la caccia e la pesca. Il fiume costituiva anche una via di trasporto per i commerci. Lungo le rive del fiume cresceva una pianta, il papiro, che aveva molti usi nel regno egizio uno di quelli più importanti e che si poteva produrre una piccola quantità di pezzi di carta sul quale si poteva scrivere. Dal fango che si presentava dopo le inondazioni, insieme alla paglia si univano e potevano servire per la formazione di mattoni. Però non sempre il fiume era a favore degli egizi infatti poteva capitare che il nil non straripasse e quindi non crescevano subito le piante e si formava la carestia oppure straripava così tanto che distruggeva ogni cosa. In questi casi si faceva ricorso alle scorte alimentari che erano presenti nei magazzini reali. La donna dell'Egitto, a differenza delle altre popolazioni, era allo stesso piano dell'uomo, ma nella sfera pubblica la donna era la signora della casa ovvero doveva badare ai figli e alla pulizia della casa.