Italiano /

purgatorio primi 3 canti

purgatorio primi 3 canti

user profile picture

giulia

8 Followers
 

Italiano

 

4ªl

Appunto

purgatorio primi 3 canti

 ANTIPURGATORIO
Purgatorio
20/09/22 11:21
PURGATORIO
PARADISO TERRESTRE.
VII CORNICE
LUSSURIOSI
VI CORNICE
GOLOSI
V CORNICE
AVARI E PRODIGHI

Commenti (1)

Condividi

Salva

7

primi tre canti spiegazione

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

ANTIPURGATORIO Purgatorio 20/09/22 11:21 PURGATORIO PARADISO TERRESTRE. VII CORNICE LUSSURIOSI VI CORNICE GOLOSI V CORNICE AVARI E PRODIGHI IV CORNICE ACCIDIOSI CORNICE II CORNICE INVIDIOSI I CORNICE SUPERBI PORTA DEL PURGATORIO BALZO III PRINCIPI NEGLIGENTI BALZO II NEGLIGENTI MORTI PER VIOLENZA BALZO I NEGLIGENTI PIGRI A PENTIRSI SPIAGGIA NEGLIGENTI MORTI SCOMUNICATI Mancanza per "troppo di vigore" (smodato amore del beni terreni) Mancanza per "poco di vigore" (scarso amore del el bene) Mancanza per "malo obietto" (amore rivolto al male) Avevano appena completato la caduta di Lucifero. Dante ha anche un momento di smarrimento, a quel punto rivedono le stelle, davanti a loro non vedono più una voragine ma una montagna con la cime. La montagna del purgatorio si è formata nel momento in cui si è creata la voragine dell'inferno la terra è emersa dall'altra parte formando la nascita del purgatorio. Il purgatorio si suddivide si suddivide in ordine inverso dell'inferno, dal peccato più grave a quello meno grave. Però le anime del purgatorio non sono peccatori, non rimarranno imprigionati per sempre, è la loro pena per arrivare al paradiso. Tutti hanno commesso questi peccati ma vengono collocati al loro peccato più marcato. Si chiamano cornici non gironi. La struttura: nell'antipurgatorio sono collocate quelle anime che tardavano a pentirsi, o che si pentivano solo in punto di morte. Davanti alla porta del purgatorio -> si apre la porta e si alzano le 7 cornici del purgatorio (7 peccati capitali) La superbia, l'invidia e l'ira -> sono i peccati di malo obbietto (peccati...

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Didascalia alternativa:

in cui si è commesso del male) Accidiosi -> gli apatici, pigri, quelle anime che hanno manifestato poco vigore nell'amare dio Avari, prodighi, golosi, lussuriosi -> hanno manifestato troppo vigore nella manifestazione del loro peccato Nel paradiso terrestre le anime devono immergersi in 2 fiumi: il fiume Lete e il fiume Eunoè Lete -> vuol dire dimenticare, nascondere, quindi è il fiume che le anime una volta immersi dimenticano il male commesso. Eunoè -> la gente immersa si ricorda del bene compiuto La guida di Dante nel paradiso terrestre verrà accompagnato da Stazio ma poco prima di incontrare Beatrice, Dante incontra Matelda, una figura angelica, lei è allegoria della condizione dell'uomo prima al peccato originale. Rappresenta la condizione dell'uomo nella purezza, nell'innocenza più totale. Dopodiché Dante giunge nelle mani di Beatrice. Dante all'ingresso del purgatorio incontrerà il guardiano del purgatorio, il guardiano dell'intera cantica è Catone . Dante una volta entrato nell'anti purgatorio come consiglio di Catone dovrà lavare il proprio viso dalla polvere dell'inferno (PURIFICARSI) e dovrà vestirsi di un giungo (pianta che spezzata ricresce, simbolo di umiltà per avere sempre la forza di andare oltre). Passata la porta del purgatorio verranno sulla fronte di dante 7 "P", dopo ogni cornice una delle P scomparirà così da dimostrare di esserci purificato. CANTO I Primo canto di una cantica quindi funge da proemio. Inizia dicendo dove ci troviamo e dopo invoca la musa (come nei proemi) ed ecco il primo passaggio. Abbiamo avuto la presentazione dell'atmosfera, con molta calma. Avviene l'incontro con Catone che è pagano, anticesariano, suicida perché Dante lo pone a custodia del purgatorio. Il suicidio di Catone rappresenta come l'espressione massima della libertà, si uccide per non cadere sotto Cesare. Catone è il simbolo del libero arbitrio. La moglie di Catone è Marzia, nel momento Virgilio nomina Marzia catone dice che quello è un amore terreno ma lui è nato per altro. In fine arriva la purificazione di Dante sotto suggerimento di Catone. CANTO II Il canto I finisce con la purificazione di Dante. Durante il cammino Dante e Virgilio proseguono, il canto si apre con un indicazione di natura temporale. Stiamo parlando del momento dell'alba. La prima creatura che incontrano è una creatura pura, candida che Virgilio chiama galeotto (v27), le galee sono delle imbarcazioni da questo il termine, galeotto era colui che guida una barca, un angelo nocchiere. Questa imbarcazione (v41) descritto come un vascello leggero, traporta anime molto leggere. Caronte aveva fatta una "promessa" in cui Dante doveva navigare su un lieve legno (barca leggera). Andando avanti nella lettura si fa leva su una folla, delle anime, queste anime stanno sbarcando (v52), il compito dell'angelo nocchiere è quello di trasportare dalla foce del Tevere fino al purgatorio. Dalla foce del Tevere tutti ma poi si dividono per i due fiumi per l'inferno o purgatorio. La folla chiede a Virgilio e Dante indicazioni (v63), disse che sono pellegrini proprio come loro. La folla si rende conto che Dante è vivo quindi chiedono spiegazioni, ma un anima si protrae verso dante Casella, morto negli inizi del 1300, all'interno del canto ci sarà un riferimento del giubileo (1300) Casella morto poco prima. La prima reazione di Dante è quella di abbracciarlo ma lo definisce come ombra vana perché è un anima (v79) perché l'anima è incorporea, inconsistenti. Interviene Catone (custode di tutto il regno). Dante chiede a Casella di cantare un canto, opera di Dante del convivio. Il canto si conclude con Catone che spinge le anime a continuare il loro viaggio. CANTO III Riparte da questa turba ce si allontana e nella prima parte vediamo la figura di Virgilio vacillante. Si sente responsabile di aver peccato di fronte al comando di Catone ma anche perché la sua insicurezza è una insicurezza che va nella via della ragione. Nel corso del canto dante e Virgilio si accorgono che nell'alti purgatorio ci sono delle anime (che hanno tardato a pentirsi) devono restarci per anni moltiplicati per trenta, il numero degli anni in cui sono stati comunicati. Il tempo di permanenza nel purgatorio può ridursi solo se gli uomini ancora vivi pregano per l'anima della persona morta, pregano a Dio. Incontrano Manfredi che non si presenta come figlio di Federico II ma come nipote di Costanza d'Altavilla perché Manfredi ha sempre vissuto nascosto dalla figura del padre. Manfredi di presenta sorridente ai due poeti, mostra a Dante due ferite, nel ciglio e nel petto, lui è morto nella battaglia tra i guelfi e ghibellini, lui era un ghibellino (nemico di Firenze), accusato di fronde, di omicidio ma è solo un penitente perché l'ultima parola relativa al destino dell'uomo spetta a Dio. Manfredi conclude facendo riferimento al rammarico che le sue ossa siano state disperse (il suo corpo non venne seppellito e venne disperso per il fiume), fa riferimento nel chiede a Dante di chiedere a sua figlia di pregare a Dio così che passi il meno tempo possibile nell'anti-purgatorio.

Italiano /

purgatorio primi 3 canti

purgatorio primi 3 canti

user profile picture

giulia

8 Followers
 

Italiano

 

4ªl

Appunto

purgatorio primi 3 canti

Questo Contenuto è disponibile solamente nell' app di Knowunity

 ANTIPURGATORIO
Purgatorio
20/09/22 11:21
PURGATORIO
PARADISO TERRESTRE.
VII CORNICE
LUSSURIOSI
VI CORNICE
GOLOSI
V CORNICE
AVARI E PRODIGHI

Aprire l'app

Condividi

Salva

7

Commenti (1)

P

Fantastico, imparerò da questo appunto oggi. Saluti 👍👍

primi tre canti spiegazione

Contenuti simili

Dante Purgatorio, analisi canti, Appunti di Italiano

Know Dante Purgatorio, analisi canti, Appunti di Italiano thumbnail

143

 

4ªl/5ªl

11

Il Purgatorio di Dante

Know Il Purgatorio di Dante thumbnail

57

 

4ªl/5ªl

2

Dante e la Divina Commedia

Know Dante e la Divina Commedia thumbnail

156

 

3ªl/4ªl/5ªl

1

La Divina commedia

Know La Divina commedia thumbnail

477

 

3ªl

di più

ANTIPURGATORIO Purgatorio 20/09/22 11:21 PURGATORIO PARADISO TERRESTRE. VII CORNICE LUSSURIOSI VI CORNICE GOLOSI V CORNICE AVARI E PRODIGHI IV CORNICE ACCIDIOSI CORNICE II CORNICE INVIDIOSI I CORNICE SUPERBI PORTA DEL PURGATORIO BALZO III PRINCIPI NEGLIGENTI BALZO II NEGLIGENTI MORTI PER VIOLENZA BALZO I NEGLIGENTI PIGRI A PENTIRSI SPIAGGIA NEGLIGENTI MORTI SCOMUNICATI Mancanza per "troppo di vigore" (smodato amore del beni terreni) Mancanza per "poco di vigore" (scarso amore del el bene) Mancanza per "malo obietto" (amore rivolto al male) Avevano appena completato la caduta di Lucifero. Dante ha anche un momento di smarrimento, a quel punto rivedono le stelle, davanti a loro non vedono più una voragine ma una montagna con la cime. La montagna del purgatorio si è formata nel momento in cui si è creata la voragine dell'inferno la terra è emersa dall'altra parte formando la nascita del purgatorio. Il purgatorio si suddivide si suddivide in ordine inverso dell'inferno, dal peccato più grave a quello meno grave. Però le anime del purgatorio non sono peccatori, non rimarranno imprigionati per sempre, è la loro pena per arrivare al paradiso. Tutti hanno commesso questi peccati ma vengono collocati al loro peccato più marcato. Si chiamano cornici non gironi. La struttura: nell'antipurgatorio sono collocate quelle anime che tardavano a pentirsi, o che si pentivano solo in punto di morte. Davanti alla porta del purgatorio -> si apre la porta e si alzano le 7 cornici del purgatorio (7 peccati capitali) La superbia, l'invidia e l'ira -> sono i peccati di malo obbietto (peccati...

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Knowunity

Scuola. Finalmente semplice.

Aprire l'app

Didascalia alternativa:

in cui si è commesso del male) Accidiosi -> gli apatici, pigri, quelle anime che hanno manifestato poco vigore nell'amare dio Avari, prodighi, golosi, lussuriosi -> hanno manifestato troppo vigore nella manifestazione del loro peccato Nel paradiso terrestre le anime devono immergersi in 2 fiumi: il fiume Lete e il fiume Eunoè Lete -> vuol dire dimenticare, nascondere, quindi è il fiume che le anime una volta immersi dimenticano il male commesso. Eunoè -> la gente immersa si ricorda del bene compiuto La guida di Dante nel paradiso terrestre verrà accompagnato da Stazio ma poco prima di incontrare Beatrice, Dante incontra Matelda, una figura angelica, lei è allegoria della condizione dell'uomo prima al peccato originale. Rappresenta la condizione dell'uomo nella purezza, nell'innocenza più totale. Dopodiché Dante giunge nelle mani di Beatrice. Dante all'ingresso del purgatorio incontrerà il guardiano del purgatorio, il guardiano dell'intera cantica è Catone . Dante una volta entrato nell'anti purgatorio come consiglio di Catone dovrà lavare il proprio viso dalla polvere dell'inferno (PURIFICARSI) e dovrà vestirsi di un giungo (pianta che spezzata ricresce, simbolo di umiltà per avere sempre la forza di andare oltre). Passata la porta del purgatorio verranno sulla fronte di dante 7 "P", dopo ogni cornice una delle P scomparirà così da dimostrare di esserci purificato. CANTO I Primo canto di una cantica quindi funge da proemio. Inizia dicendo dove ci troviamo e dopo invoca la musa (come nei proemi) ed ecco il primo passaggio. Abbiamo avuto la presentazione dell'atmosfera, con molta calma. Avviene l'incontro con Catone che è pagano, anticesariano, suicida perché Dante lo pone a custodia del purgatorio. Il suicidio di Catone rappresenta come l'espressione massima della libertà, si uccide per non cadere sotto Cesare. Catone è il simbolo del libero arbitrio. La moglie di Catone è Marzia, nel momento Virgilio nomina Marzia catone dice che quello è un amore terreno ma lui è nato per altro. In fine arriva la purificazione di Dante sotto suggerimento di Catone. CANTO II Il canto I finisce con la purificazione di Dante. Durante il cammino Dante e Virgilio proseguono, il canto si apre con un indicazione di natura temporale. Stiamo parlando del momento dell'alba. La prima creatura che incontrano è una creatura pura, candida che Virgilio chiama galeotto (v27), le galee sono delle imbarcazioni da questo il termine, galeotto era colui che guida una barca, un angelo nocchiere. Questa imbarcazione (v41) descritto come un vascello leggero, traporta anime molto leggere. Caronte aveva fatta una "promessa" in cui Dante doveva navigare su un lieve legno (barca leggera). Andando avanti nella lettura si fa leva su una folla, delle anime, queste anime stanno sbarcando (v52), il compito dell'angelo nocchiere è quello di trasportare dalla foce del Tevere fino al purgatorio. Dalla foce del Tevere tutti ma poi si dividono per i due fiumi per l'inferno o purgatorio. La folla chiede a Virgilio e Dante indicazioni (v63), disse che sono pellegrini proprio come loro. La folla si rende conto che Dante è vivo quindi chiedono spiegazioni, ma un anima si protrae verso dante Casella, morto negli inizi del 1300, all'interno del canto ci sarà un riferimento del giubileo (1300) Casella morto poco prima. La prima reazione di Dante è quella di abbracciarlo ma lo definisce come ombra vana perché è un anima (v79) perché l'anima è incorporea, inconsistenti. Interviene Catone (custode di tutto il regno). Dante chiede a Casella di cantare un canto, opera di Dante del convivio. Il canto si conclude con Catone che spinge le anime a continuare il loro viaggio. CANTO III Riparte da questa turba ce si allontana e nella prima parte vediamo la figura di Virgilio vacillante. Si sente responsabile di aver peccato di fronte al comando di Catone ma anche perché la sua insicurezza è una insicurezza che va nella via della ragione. Nel corso del canto dante e Virgilio si accorgono che nell'alti purgatorio ci sono delle anime (che hanno tardato a pentirsi) devono restarci per anni moltiplicati per trenta, il numero degli anni in cui sono stati comunicati. Il tempo di permanenza nel purgatorio può ridursi solo se gli uomini ancora vivi pregano per l'anima della persona morta, pregano a Dio. Incontrano Manfredi che non si presenta come figlio di Federico II ma come nipote di Costanza d'Altavilla perché Manfredi ha sempre vissuto nascosto dalla figura del padre. Manfredi di presenta sorridente ai due poeti, mostra a Dante due ferite, nel ciglio e nel petto, lui è morto nella battaglia tra i guelfi e ghibellini, lui era un ghibellino (nemico di Firenze), accusato di fronde, di omicidio ma è solo un penitente perché l'ultima parola relativa al destino dell'uomo spetta a Dio. Manfredi conclude facendo riferimento al rammarico che le sue ossa siano state disperse (il suo corpo non venne seppellito e venne disperso per il fiume), fa riferimento nel chiede a Dante di chiedere a sua figlia di pregare a Dio così che passi il meno tempo possibile nell'anti-purgatorio.