Arte /

Il gotico

Il gotico

user profile picture

Teresa Lavazza

8 Followers
 

Arte

 

3ªm/3ªl

Sintesi

Il gotico

 LE ORIGINI
Il gotico nasce nei primi decenni del XII secolo, in uno
scenario prevalentemente urbano, inizialmente, era
ispirato all'arte de

Commenti (1)

Condividi

Salva

16

gotico, le origini, lo sviluppo, il gotico in italia

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

LE ORIGINI Il gotico nasce nei primi decenni del XII secolo, in uno scenario prevalentemente urbano, inizialmente, era ispirato all'arte del costruire. Si distingue per lo sviluppo verticale e il virtuosismo strutturale. Il primo che utilizza il termine “gotico” è Petrarca; lo usa per indicare quella scrittura difficile da comprendere poiché diversa dalla scrittura latina. Durante l'Umanesimo e il Rinascimento il termine gotico acquisisce un'accezione negativa a causa dell'idea dei Goti come popolo barbarico. Questo aspetto viene anche messo in evidenza da Giorgio Vasari nel suo libro Vite de più eccellenti pittori, scultori e architettori (1555). MONARCHIE E PAPATO IL GOTICO La formazione dei primi nuclei dà il via a grandi iniziative architettoniche e grandi cantieri che legavano la monarchia francese e la committenza papale. Spesso i re finanziano la costruzione di grandi chiese in cui poi sarebbero stati seppelliti dopo la loro morte. LUCE, DINAMISMO E VERTICALITÀ L'architettura gotica a partire da innovazioni tecniche volte a eliminare le masse murarie delle pareti portanti. Le pareti vengono assottigliate per permettere alla struttura un maggiore innalzamento. L'architettura tipica del Romanico viene sostituita da un'architettura di struttura, sorretta da uno scheletro portante in grado di sorreggersi senza sostegno delle pareti e simbolicamente incentrata sul verticalismo Il verticalismo del Gotico si spostò prima in Inghilterra, Germania e Francia. Giunge in Italia piuttosto tardi e in versione mitigata. Le proporzioni sono meno slanciate e le decorazioni...

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Didascalia alternativa:

meno fastose. La scultura e la pittura diventano campi di sperimentazione all'avanguardia con maggiori esponenti Giovanni Pisano e Giotto. Il tardo Gotico o gotico internazionale assume tratti di eleganza e raffinatezza in tutti i settori dell'arte. L'ESTETICA DELLA LUCE Le prime manifestazioni di Gotico si collocano attorno al 1130-1140 in Francia con l'abate Suger che attua un rinnovamento della basilica di Saint-Denis. Le idee di Suger sono chiare, in particolare l'ascesa mistica attraverso la luce, ritenuta emanazione del divino e strumento privilegiato per avvicinarsi a Dio. Per questo motivo vengono anche inserite numerose vetrate e rosoni policromi istoriati, colorati e che spesso raccontavano storie. L'elevazione e la luce condizionano in maniera decisiva la riflessione sulle strutture architettoniche. Vi è anche un arricchimento materiale, soprattutto di supplementi liturgici. DAL MODELLO FRANCESE ALLE VARIANTI LOCALI A differenza del Romanico, il Gotico ha una sua origine, identificabile nello spazio e nel tempo. Fulcro della nuova architettura è Parigi e in particolare presso la basilica di Saint-Denis. Il nuovo stile si diffonderà in tutta Europa, assumendo via via connotati differenti. Rintracciare un Gotico puro in Italia è praticamente impossibile. L'esperimento cistercense, propugnato da Bernardo di Chiaravalle, che l'abate attua esportando un modello geometrico si modello monastico sempre uguale a sé stesso. Questa voleva essere l'idea di perfezione architettonica che si trasformerà in un motore potente di diffusione di un nuovo stile. I NUOVI STIMOLI In età gotica ci sono sempre più stimoli che derivano dalla realtà quotidiana e dalla vita laica, scientifica e cavalleresca. L'osservazione della realtà e la diffusione di una cultura scientifica portano ad approfondire la ricerca del naturalismo e della resa psicologica. Non meno influenti sono gli stimoli che derivano dal mondo cavalleresco, non solo perché il cavaliere può avere un ruolo religioso, ma anche perché appartiene ormai ad un mondo culturale sempre più raffinato. L'ARCHITETTURA GOTICA Come possiamo vedere nell'abbazia di Saint-Denis, nell'arte gotica le navate vengono prolungate e concluse da una facciata con rosone centrale, il portale d'accesso strombato è sormontato da una lunetta scolpita e dedicata a Cristo. Nel coro, dotato di deambulatorio e di cappelle radiali gli elementi architettonici sono attestati in funzione dell'esaltazione della luce grazie soprattutto all'arco a sesto acuto e l'introduzione di alle vetrate. A 08 TL n L'edificio religioso assume una forte carica simbolica e spesso la pianta viene paragonata al corpo di Cristo crocifisso; l'abside è la testa, il transetto le braccia, la navata il busto e le gambe. Un utilizzo più sistematico dell'arco a sesto acuto si registra in relazione dei cantieri gotici. Rosone L'adozione dell'arco a sesto acuto permette di ambire a costruzioni più alte, facendo gravare il peso sui pilastri di sostegno e in particolare si prediligevano i pilastri a fascio, caratterizzati da numerose colonnine addossate ad un nucleo centrale. Le pareti risultano scandite sui livelli sovrapposti per cui al primo piano si trovano le arcate dei pilastri, al secondo registro le gallerie dei matronei, al terzo il triforio, infine, il cleristorio, una semplice parete piana con finestre, che in alcuni casi può essere raddoppiata. Vengono utilizzati gli archi rampanti: braccia che si innalzano prima verticalmente (contrafforti) e poi in diagonale per poi poggiare sulle pareti esterne; elemento mediano che controbilancia la spinta dei pilastri interni e delle volte a crociera e la scarica a terra ai contrafforti. Essi girano anche intorno all'abside. Portale conta Guga Peacole Ceriatore Tifornie Fuche Vota proces BAHI Planen a lancio HHA La chiesa gotica Avas Cappele radial Deambulator Le chiese gotiche sono ricche di guglie, grandi strutture a cono. Servono a rendere l'edificio ricco e decorato ma anche alla sua statica, controbilanciano la spinta verso l'alto e lo innalzano. I pinnacoli hanno la stessa funzione delle guglie, solo che sono di dimensioni minori. I doccioni e i gargoil sono strutture scolpite per incutere terrore e dalla loro bocca esce l'acqua piovana che viene incanalata e fatta fuoriuscire da essi. La cuspide che sormonta il portale centrale viene chiamata ghimberga. Le capriate lignee sono strutture di legno interne e poggiano sulla navata centrale, senza però gravare su di essa. LE FASI DI SVILUPPO DEL GOTICO Il "Protogotico": si sviluppa tra il 1140 e il 1200 ed è l'inizio del gotico, un esempio è la chiesa di Saint-Denis. Il "gotico classico": Si sviluppa principalmente nel Nord della Francia con edifici sempre più complessi, con navate che raggiungono i 40 metri di altezza. Il "gotico raggiante": eliminazione pressoché totale delle pareti, sostituite quasi totalmente da vetrate e da uno scheletro sempre più snello e slanciato. È emblematica la Sainte-Chapelle, del palazzo reale di Parigi. LA CATTEDRALE DI REIMS Le cattedrali, oltre ad essere un importante luogo religioso, avevano anche un ruolo politico, ad esempio Notre Dame di Reims è strettamente connessa al potere dei re di Francia, in particolare del re Clodoveo. La costruzione è avvenuta in più fasi, interessando dapprima il cantiere ad Est, presso il presbiterio, in seguito ad Ovest, presso la facciata. L'edificio presenta un impianto a croce latina, con corpo e transetto diviso in tre navate, mentre un deambulatorio percorre l'abside, immettendo in cinque cappelle radiali. La navata centrale si eleva su tre livelli, scanditi, dal basso all'alto, da arcate a sesto acuto, quadriforo e cleristorio, con ampie vetrate tripartite. All'esterno spiccano due grandi torri della facciata. La facciata principale è aperta da tre maestosi portali fortemente strombati. Sono presenti numerosi elementi vegetativi e figurativi. La facciata è caratterizzata da un certo numero di statue. Queste sono distribuite a varie altezze, nelle parti alte, nella galleria dei Re, nel rosone e in numerosi altri spazi, fino al livello più basso dei portali con le statue-colonna. (quella che divide il portale dinato si chiama trumeau) L'ORDINE CISTERCENSE Tra la fine dell'XI secolo e la metà del XII secolo si sviluppa il monachesimo cistercense, fondato a Citeaux nel 1098. La comunità cistercense porta a costruire in località lontane dai centri abitati per dedicarsi ad attività religiose ed agricole. Lo stile cistercense è molto più simile al Romanico che al Gotico. Gli edifici monastici presentano progetti architettonici semplici ma funzionali. La particolarità delle chiese abaziali cistercense è che sono organizzate secondo un modulo quadrato e pareti rettilinee, con una semplificazione dei processi e la funzionalità degli spazi. IL DUOMO DI SIENA Non è una chiesa abbaziale ma solo una chiesa. Venne costruito dal 1220 al 1263. É un insieme di caratteri gotici e romanici, la facciata è sicuramente tipica del gotico. I portali sono strombati, troviamo la ghimberga e una specie di galleria con gli archi a tutto sesto con un rosone in mezzo e un timpano che conclude l'edificio. Vi sono le guglie e queste strutture a torre. La facciata è ricca di sculture, poco tipiche del gotico italiano, c'è però una decorazione non tipica del gotico francese, nei timpani laterali ci sono dei mosaici tipici del bizantino. Non ci sono gli archi rampanti. All'esterno della cattedrale vi sono queste bande orizzontali di marmo e di pietra verde di Prato che servono a frenare l'ascesa verticale. Questo tipo di decorazione è del romanico toscano la troviamo anche all'interno. L'alternanza marmo bianco e marmo verde è tipica della Toscana ma è presente anche in Liguria. Duccio di Buoninsegna dipingerà una grande tavola, la Maestà, avente la parte retrostante divisa in diverse storie. Giovanni e Nicola Pisano sono due scultori che lavorano a Siena, Giovanni è il padre e si rifà maggiormente al romanico, Nicola al gotico. LA BASILICA DI ASSISI Sorge sul Colle dell'inferno, luogo dove Francesco è stato sepolto, infatti, nella cripta c'è la sua bara. È una delle mete di pellegrinaggio più famose. Al tempo di Francesco sul questo colle venivano uccisi i condannati a morte. Egli muore nel 1226; nel 1228 Francesco viene proclamato santo da Papa Gregorio IX, e in questa data si inizia a costruire la basilica in suo onore. L'architetto è Frate Elia, un monaco francescano. La basilica sarà conclusa nel 1253 e consacrata da Papa Innocenzo quarto. Da allora inizieranno ad arrivare ad Assisi numerosi pittori, gli artisti più importanti, soprattutto dal centro Italia. Si parla di Cantiere di Assisi poiché si hanno tanti contributi diversi. È una chiesa abbaziale però ci sono molte sfumature dell'arte gotica: ci sono molte vetrate. Viene chiamata anche Cappella papale. Si parla solo di una basilica ma si hanno tre ambienti: la cripta, la basilica superiore e quella inferiore. La facciata è a capanna, tipica del romanico, ma possiamo comunque distinguere degli elementi gotici: il timpano, il rosone, vi è un portale strombato, diviso in due parti dal trumeau, le due entrate sono coronate dall'arco a ogiva, trilobato. Possiamo inoltre notare, osservando la facciata che è tripartita. Vi sono due basiliche, quella inferiore, romanica, e quella superiore, gotica. Nella basilica superiore vi è l'abside con un profilo poligonale e un'unica navata divisa in campate. Non abbiamo il nartece, ovvero l'ingresso, e le volte a crociera sono basate sull'arco a sesto acuto. I pilastri, chiamati compositi, sono formati da tanti pilastrini, sostengono la volta a crociera. Gli affreschi di Giotto si trovano nel registro mediano e il tendaggio dipinto nello zoccolo; ci sono 28 scene che si prolungano sui lati. La basilica superiore è dedicata al pellegrino. La basilica inferiore ha la pianta a T (forma a tao) che ricorda la croce ed è stata realizzata in questo modo dai francescani. Il nartece, l'ingresso, c'è solo nella basilica inferiore. La navata va subito ad addossarsi al transetto e l'abside, semicircolare, è a ridosso legata al transetto. Lateralmente troviamo le cappelle, aggiunte nel 1300. Gli archi sono a tutto sesto. Le cappelle si aprono lateralmente lungo la navata però non sono originarie del 1228, ma sono state aggiunte nel 1300. Le decorazioni sono ad affresco e nella basilica superiore ci saranno tante vetrate, tutto ciò per volere del Papa. Le vetrate furono costruite da esperti di quest'arte fatti venire dalla Francia. Cavallini e Torriti sono stati i maestri di Giotto. Nel 1253 la basilica venne consacrata dal papa Innocenzo quarto ma i lavori continueranno. Il lavoro di Giotto va collocato tra 1290-1295. I contrafforti hanno una forma semi-circolare. Ci sono archi rampanti.

Arte /

Il gotico

Il gotico

user profile picture

Teresa Lavazza

8 Followers
 

Arte

 

3ªm/3ªl

Sintesi

Il gotico

Questo Contenuto è disponibile solamente nell' app di Knowunity

 LE ORIGINI
Il gotico nasce nei primi decenni del XII secolo, in uno
scenario prevalentemente urbano, inizialmente, era
ispirato all'arte de

Aprire l'app

Condividi

Salva

16

Commenti (1)

L

Grazie, mi aiuterà molto perché stiamo insegnando questo argomento ora! 😁

gotico, le origini, lo sviluppo, il gotico in italia

Contenuti simili

6

Il Romanico

Know Il Romanico thumbnail

206

 

2ªl

5

LA BASILICA PALEOCRISTIANA - principali caratteristiche - Storia dell’Arte

Know LA BASILICA PALEOCRISTIANA - principali caratteristiche - Storia dell’Arte thumbnail

242

 

1ªl/2ªl

3

opere Brunelleschi

Know opere Brunelleschi  thumbnail

52

 

2ªl/3ªl/4ªl

3

Masaccio vita e opere

Know Masaccio vita e opere  thumbnail

62

 

2ªl/3ªl/4ªl

di più

LE ORIGINI Il gotico nasce nei primi decenni del XII secolo, in uno scenario prevalentemente urbano, inizialmente, era ispirato all'arte del costruire. Si distingue per lo sviluppo verticale e il virtuosismo strutturale. Il primo che utilizza il termine “gotico” è Petrarca; lo usa per indicare quella scrittura difficile da comprendere poiché diversa dalla scrittura latina. Durante l'Umanesimo e il Rinascimento il termine gotico acquisisce un'accezione negativa a causa dell'idea dei Goti come popolo barbarico. Questo aspetto viene anche messo in evidenza da Giorgio Vasari nel suo libro Vite de più eccellenti pittori, scultori e architettori (1555). MONARCHIE E PAPATO IL GOTICO La formazione dei primi nuclei dà il via a grandi iniziative architettoniche e grandi cantieri che legavano la monarchia francese e la committenza papale. Spesso i re finanziano la costruzione di grandi chiese in cui poi sarebbero stati seppelliti dopo la loro morte. LUCE, DINAMISMO E VERTICALITÀ L'architettura gotica a partire da innovazioni tecniche volte a eliminare le masse murarie delle pareti portanti. Le pareti vengono assottigliate per permettere alla struttura un maggiore innalzamento. L'architettura tipica del Romanico viene sostituita da un'architettura di struttura, sorretta da uno scheletro portante in grado di sorreggersi senza sostegno delle pareti e simbolicamente incentrata sul verticalismo Il verticalismo del Gotico si spostò prima in Inghilterra, Germania e Francia. Giunge in Italia piuttosto tardi e in versione mitigata. Le proporzioni sono meno slanciate e le decorazioni...

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Knowunity

Scuola. Finalmente semplice.

Aprire l'app

Didascalia alternativa:

meno fastose. La scultura e la pittura diventano campi di sperimentazione all'avanguardia con maggiori esponenti Giovanni Pisano e Giotto. Il tardo Gotico o gotico internazionale assume tratti di eleganza e raffinatezza in tutti i settori dell'arte. L'ESTETICA DELLA LUCE Le prime manifestazioni di Gotico si collocano attorno al 1130-1140 in Francia con l'abate Suger che attua un rinnovamento della basilica di Saint-Denis. Le idee di Suger sono chiare, in particolare l'ascesa mistica attraverso la luce, ritenuta emanazione del divino e strumento privilegiato per avvicinarsi a Dio. Per questo motivo vengono anche inserite numerose vetrate e rosoni policromi istoriati, colorati e che spesso raccontavano storie. L'elevazione e la luce condizionano in maniera decisiva la riflessione sulle strutture architettoniche. Vi è anche un arricchimento materiale, soprattutto di supplementi liturgici. DAL MODELLO FRANCESE ALLE VARIANTI LOCALI A differenza del Romanico, il Gotico ha una sua origine, identificabile nello spazio e nel tempo. Fulcro della nuova architettura è Parigi e in particolare presso la basilica di Saint-Denis. Il nuovo stile si diffonderà in tutta Europa, assumendo via via connotati differenti. Rintracciare un Gotico puro in Italia è praticamente impossibile. L'esperimento cistercense, propugnato da Bernardo di Chiaravalle, che l'abate attua esportando un modello geometrico si modello monastico sempre uguale a sé stesso. Questa voleva essere l'idea di perfezione architettonica che si trasformerà in un motore potente di diffusione di un nuovo stile. I NUOVI STIMOLI In età gotica ci sono sempre più stimoli che derivano dalla realtà quotidiana e dalla vita laica, scientifica e cavalleresca. L'osservazione della realtà e la diffusione di una cultura scientifica portano ad approfondire la ricerca del naturalismo e della resa psicologica. Non meno influenti sono gli stimoli che derivano dal mondo cavalleresco, non solo perché il cavaliere può avere un ruolo religioso, ma anche perché appartiene ormai ad un mondo culturale sempre più raffinato. L'ARCHITETTURA GOTICA Come possiamo vedere nell'abbazia di Saint-Denis, nell'arte gotica le navate vengono prolungate e concluse da una facciata con rosone centrale, il portale d'accesso strombato è sormontato da una lunetta scolpita e dedicata a Cristo. Nel coro, dotato di deambulatorio e di cappelle radiali gli elementi architettonici sono attestati in funzione dell'esaltazione della luce grazie soprattutto all'arco a sesto acuto e l'introduzione di alle vetrate. A 08 TL n L'edificio religioso assume una forte carica simbolica e spesso la pianta viene paragonata al corpo di Cristo crocifisso; l'abside è la testa, il transetto le braccia, la navata il busto e le gambe. Un utilizzo più sistematico dell'arco a sesto acuto si registra in relazione dei cantieri gotici. Rosone L'adozione dell'arco a sesto acuto permette di ambire a costruzioni più alte, facendo gravare il peso sui pilastri di sostegno e in particolare si prediligevano i pilastri a fascio, caratterizzati da numerose colonnine addossate ad un nucleo centrale. Le pareti risultano scandite sui livelli sovrapposti per cui al primo piano si trovano le arcate dei pilastri, al secondo registro le gallerie dei matronei, al terzo il triforio, infine, il cleristorio, una semplice parete piana con finestre, che in alcuni casi può essere raddoppiata. Vengono utilizzati gli archi rampanti: braccia che si innalzano prima verticalmente (contrafforti) e poi in diagonale per poi poggiare sulle pareti esterne; elemento mediano che controbilancia la spinta dei pilastri interni e delle volte a crociera e la scarica a terra ai contrafforti. Essi girano anche intorno all'abside. Portale conta Guga Peacole Ceriatore Tifornie Fuche Vota proces BAHI Planen a lancio HHA La chiesa gotica Avas Cappele radial Deambulator Le chiese gotiche sono ricche di guglie, grandi strutture a cono. Servono a rendere l'edificio ricco e decorato ma anche alla sua statica, controbilanciano la spinta verso l'alto e lo innalzano. I pinnacoli hanno la stessa funzione delle guglie, solo che sono di dimensioni minori. I doccioni e i gargoil sono strutture scolpite per incutere terrore e dalla loro bocca esce l'acqua piovana che viene incanalata e fatta fuoriuscire da essi. La cuspide che sormonta il portale centrale viene chiamata ghimberga. Le capriate lignee sono strutture di legno interne e poggiano sulla navata centrale, senza però gravare su di essa. LE FASI DI SVILUPPO DEL GOTICO Il "Protogotico": si sviluppa tra il 1140 e il 1200 ed è l'inizio del gotico, un esempio è la chiesa di Saint-Denis. Il "gotico classico": Si sviluppa principalmente nel Nord della Francia con edifici sempre più complessi, con navate che raggiungono i 40 metri di altezza. Il "gotico raggiante": eliminazione pressoché totale delle pareti, sostituite quasi totalmente da vetrate e da uno scheletro sempre più snello e slanciato. È emblematica la Sainte-Chapelle, del palazzo reale di Parigi. LA CATTEDRALE DI REIMS Le cattedrali, oltre ad essere un importante luogo religioso, avevano anche un ruolo politico, ad esempio Notre Dame di Reims è strettamente connessa al potere dei re di Francia, in particolare del re Clodoveo. La costruzione è avvenuta in più fasi, interessando dapprima il cantiere ad Est, presso il presbiterio, in seguito ad Ovest, presso la facciata. L'edificio presenta un impianto a croce latina, con corpo e transetto diviso in tre navate, mentre un deambulatorio percorre l'abside, immettendo in cinque cappelle radiali. La navata centrale si eleva su tre livelli, scanditi, dal basso all'alto, da arcate a sesto acuto, quadriforo e cleristorio, con ampie vetrate tripartite. All'esterno spiccano due grandi torri della facciata. La facciata principale è aperta da tre maestosi portali fortemente strombati. Sono presenti numerosi elementi vegetativi e figurativi. La facciata è caratterizzata da un certo numero di statue. Queste sono distribuite a varie altezze, nelle parti alte, nella galleria dei Re, nel rosone e in numerosi altri spazi, fino al livello più basso dei portali con le statue-colonna. (quella che divide il portale dinato si chiama trumeau) L'ORDINE CISTERCENSE Tra la fine dell'XI secolo e la metà del XII secolo si sviluppa il monachesimo cistercense, fondato a Citeaux nel 1098. La comunità cistercense porta a costruire in località lontane dai centri abitati per dedicarsi ad attività religiose ed agricole. Lo stile cistercense è molto più simile al Romanico che al Gotico. Gli edifici monastici presentano progetti architettonici semplici ma funzionali. La particolarità delle chiese abaziali cistercense è che sono organizzate secondo un modulo quadrato e pareti rettilinee, con una semplificazione dei processi e la funzionalità degli spazi. IL DUOMO DI SIENA Non è una chiesa abbaziale ma solo una chiesa. Venne costruito dal 1220 al 1263. É un insieme di caratteri gotici e romanici, la facciata è sicuramente tipica del gotico. I portali sono strombati, troviamo la ghimberga e una specie di galleria con gli archi a tutto sesto con un rosone in mezzo e un timpano che conclude l'edificio. Vi sono le guglie e queste strutture a torre. La facciata è ricca di sculture, poco tipiche del gotico italiano, c'è però una decorazione non tipica del gotico francese, nei timpani laterali ci sono dei mosaici tipici del bizantino. Non ci sono gli archi rampanti. All'esterno della cattedrale vi sono queste bande orizzontali di marmo e di pietra verde di Prato che servono a frenare l'ascesa verticale. Questo tipo di decorazione è del romanico toscano la troviamo anche all'interno. L'alternanza marmo bianco e marmo verde è tipica della Toscana ma è presente anche in Liguria. Duccio di Buoninsegna dipingerà una grande tavola, la Maestà, avente la parte retrostante divisa in diverse storie. Giovanni e Nicola Pisano sono due scultori che lavorano a Siena, Giovanni è il padre e si rifà maggiormente al romanico, Nicola al gotico. LA BASILICA DI ASSISI Sorge sul Colle dell'inferno, luogo dove Francesco è stato sepolto, infatti, nella cripta c'è la sua bara. È una delle mete di pellegrinaggio più famose. Al tempo di Francesco sul questo colle venivano uccisi i condannati a morte. Egli muore nel 1226; nel 1228 Francesco viene proclamato santo da Papa Gregorio IX, e in questa data si inizia a costruire la basilica in suo onore. L'architetto è Frate Elia, un monaco francescano. La basilica sarà conclusa nel 1253 e consacrata da Papa Innocenzo quarto. Da allora inizieranno ad arrivare ad Assisi numerosi pittori, gli artisti più importanti, soprattutto dal centro Italia. Si parla di Cantiere di Assisi poiché si hanno tanti contributi diversi. È una chiesa abbaziale però ci sono molte sfumature dell'arte gotica: ci sono molte vetrate. Viene chiamata anche Cappella papale. Si parla solo di una basilica ma si hanno tre ambienti: la cripta, la basilica superiore e quella inferiore. La facciata è a capanna, tipica del romanico, ma possiamo comunque distinguere degli elementi gotici: il timpano, il rosone, vi è un portale strombato, diviso in due parti dal trumeau, le due entrate sono coronate dall'arco a ogiva, trilobato. Possiamo inoltre notare, osservando la facciata che è tripartita. Vi sono due basiliche, quella inferiore, romanica, e quella superiore, gotica. Nella basilica superiore vi è l'abside con un profilo poligonale e un'unica navata divisa in campate. Non abbiamo il nartece, ovvero l'ingresso, e le volte a crociera sono basate sull'arco a sesto acuto. I pilastri, chiamati compositi, sono formati da tanti pilastrini, sostengono la volta a crociera. Gli affreschi di Giotto si trovano nel registro mediano e il tendaggio dipinto nello zoccolo; ci sono 28 scene che si prolungano sui lati. La basilica superiore è dedicata al pellegrino. La basilica inferiore ha la pianta a T (forma a tao) che ricorda la croce ed è stata realizzata in questo modo dai francescani. Il nartece, l'ingresso, c'è solo nella basilica inferiore. La navata va subito ad addossarsi al transetto e l'abside, semicircolare, è a ridosso legata al transetto. Lateralmente troviamo le cappelle, aggiunte nel 1300. Gli archi sono a tutto sesto. Le cappelle si aprono lateralmente lungo la navata però non sono originarie del 1228, ma sono state aggiunte nel 1300. Le decorazioni sono ad affresco e nella basilica superiore ci saranno tante vetrate, tutto ciò per volere del Papa. Le vetrate furono costruite da esperti di quest'arte fatti venire dalla Francia. Cavallini e Torriti sono stati i maestri di Giotto. Nel 1253 la basilica venne consacrata dal papa Innocenzo quarto ma i lavori continueranno. Il lavoro di Giotto va collocato tra 1290-1295. I contrafforti hanno una forma semi-circolare. Ci sono archi rampanti.