Storia dell'arte /

Filippo Brunelleschi

Filippo Brunelleschi

 Filippo Brunelleschi
HOH
OOOPE La vita
Filippo Brunelleschi nasce nel 1377 da Ser Brunellesco Lippi e da Giuliana Spini. Ebbe una
formazion

Filippo Brunelleschi

user profile picture

Anna Cupo

75 Followers

Condividi

Salva

84

 

3ªl/4ªl/5ªl

Appunto

Vita e capolavori

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

Filippo Brunelleschi HOH OOOPE La vita Filippo Brunelleschi nasce nel 1377 da Ser Brunellesco Lippi e da Giuliana Spini. Ebbe una formazione che comprendeva la lingua latina e le scienze esatte. Ma egli prediligeva il disegno, la pittura, la scultura e l'architettura. Inizia la sua carriera come orafo e si iscrisse bell'albo (registro degli orafi), ma nel 1401 si affermò pubblicamente partecipando al concorso per la porta del battistero di Firenze arrivando a pari merito con Ghilberti, ma infine scelsero Brunelleschi. Da qui in poi egli dedicherà tutta la sua vita all'architettura. Brunelleschi faceva riferimento principalmente all'arte classica, avendo studiato a Roma con Donatello e Masaccio ed avendo acquisito profonda conoscenza dell'architettura degli antichi. Nel 1418 ci fu un secondo concorso che avrebbe decretato il realizzatore della cupola di Santa Maria del Fiore. Brunelleschi vinse anche se arrivò nuovamente a pari merito con Ghilberti. Cupola di Santa Maria del Fiore Brunelleschi fu consultato già prima di vincere il concorso, che lo avrebbe portato a costruire la cupola, per il completamento delle tre tribune nel 1404 e per la sopraelevazione del tamburo della cupola nel 1410. negli anni precedenti alla costruzione della cupola, la cattedrale si trovava sprovveduta di copertura e al suo posto c'era un vano di circa 48 metri di circonferenza. Brunelleschi propose di costruire una...

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Didascalia alternativa:

cupola autoportante ovvero capace di sostenersi da sola durante la costruzione. Così nel 1420 iniziò la costruzione della grande macchina, così definita da Michelangelo. Al fianco di Filippo ci fu Lorenzo Ghilberti, ma Brunelleschi richiese il controllo dell'intera opera. La cupola si eleva su un tamburo ottagonale forato da 8 finestre circolari, che danno luce all'interno. In cima alla cupola si imposta una lanterna cuspidata circondata da 8 contrafforti a volute La cupola è costruita da 2 calotte distinte, una interna ed una esterna. Tra le due calotte è presente uno spazio che rende possibile la presenza di sale e corridoi che conducono al piano dove si imposta la lanterna. Le due calotte sono collegate da 8 grandi costoloni ad angolo e da 16 costole intermedie disposte lungo le vele. Costoloni e costole sono unite per mezzo di 9 anelli in muratura che terminano con l'anello di serraglio. La cupola è autoportante, ovvero è stata costruita innalzando contemporaneamente le pareti portanti e le altre strutture, ed infatti per costruirla non fu usata alcuna struttura lignea. I fattori che hanno garantito la costruzione della cupola sono principalmente due: L'impiego della muratura a spina di pesce E l'aver ideato e costruito una cupola di rotazione. La spinapesce è una tecnica romana derivante dall' opus spicatum romano che consisteva nel posizionare i mattoni inclinati 1 verso destra e 1 verso sinistra così da formare la classica forma a lisca di pesce. Cosi facendo la cupola risulta attraversata da eliche murarie che stringono la muratura raccogliendosi alla base della lanterna. Filippo Brunelleschi concepì e costruì la cupola come una cupola di rotazione. Infatti i mattoni risultano inclinati verso i loro centri di curvatura e giacciono su superfici coniche. I mattoni risultano tutti inclinati secondo una curva la cui concavità coincide con il centro di ogni vela. Possiamo paragonare quindi la cupola ad una semisfera descritta dalla rotazione di un raggio: ad una determinata altezza il raggio che ruota disegna un cono che determina la posizione dei mattoni. Nel caso della cupola a pianta ottagonale i coni sono più di uno, tutti posizionati con il vertice sull'asse centrale della cupola. La costruzione della cupola tenne impegnato Brunelleschi per tutta la durata della sua vita. Ci vollero 16 anni per concluderla, dal 1420 al 1436; per edificare la lanterna Filippo dovette affrontare poi un nuovo concorso che ovviamente vinse, ma alla sua morte essa risultò essere ancora non terminata. La lanterna è cuspidata e circondata da 8 contrafforti a volute ed è simile ad un tempietto a pianta centrale. Spedale degli Innocenti le Brunelleschi iniziò ad edificarlo nel 1419 e si dedicò ad esso fino al 1423. l'edifizio, che pose premesse per la futura impostazione della piazza della Santissima Annunziata, si articola attorno a un chiostro centrale affiancato dalla chiesa e dal dormitorio degli orfani. Si innalza su un ripiano a cui si accede per mezzo di 9 gradini. Nove sono anche le arcate del porticato e le campate coperte da volte a vela. Il modulo usato per il porticato è un cubo che si ripete. Sono presenti al di sopra degli archi a tutto sesto 9 finestre classiche, che poggiano sulla cornice dell'alta trabeazione. L'architrave è formata da 3 fasce uguali, che all'estremità si direzionano verso il basso. Il fregio presenta un motivo strigliato e i capitelli delle colonne sono corinzi. O li ▬ +++ +++ Sagrestia Vecchia La sagrestia vecchia si trova all'interno della Basilica di San Lorenzo a Firenze. Denominata vecchia per distinguerla dalla nuova edificata da Michelangelo, è posizionata sul lato sinistro del transetto dirimpetto alla nuova. Edificata da Brunelleschi sotto ordine di Averardo De' Medici fu iniziata nel 1422. l'edificio avrebbe avuto la funzione di cappella funeraria privata. Lo spazio è pressochè cubico ed è coperto da una cupola emisferica ombrelliforme. La sormonta una lanterna sorretta da 6 colonnine sormontate a sua volta da un cupolino con scanalature ad elica. Sul lato opposto all'ingresso troviamo la scarsella, una piccola abside formata da 2 cubi sovrapposti e coperta da una cupoletta con decorazioni a conchiglia. Essa è affrescata imitando un cielo stellato con raffigurazioni dello zodiaco. La pianta complessiva quindi è formata da un quadrato maggiore seguito da uno minore. Le pareti della sagrestia sono ornate da paraste, dalla trabeazione e da archi in pietra selena. Le paraste assumono diverse forme in base alla loro collocazione. La trabeazione corre senza interruzioni in entrambi gli ambienti ed ha una cornice decorata da cherubini rossi e blu Paraste: pilastro inglobato nella parete, dalla quale sporge leggermente. LOS 255 200200

Storia dell'arte /

Filippo Brunelleschi

user profile picture

Anna Cupo  

Seguire

75 Followers

 Filippo Brunelleschi
HOH
OOOPE La vita
Filippo Brunelleschi nasce nel 1377 da Ser Brunellesco Lippi e da Giuliana Spini. Ebbe una
formazion

Aprire l'app

Vita e capolavori

Filippo Brunelleschi HOH OOOPE La vita Filippo Brunelleschi nasce nel 1377 da Ser Brunellesco Lippi e da Giuliana Spini. Ebbe una formazione che comprendeva la lingua latina e le scienze esatte. Ma egli prediligeva il disegno, la pittura, la scultura e l'architettura. Inizia la sua carriera come orafo e si iscrisse bell'albo (registro degli orafi), ma nel 1401 si affermò pubblicamente partecipando al concorso per la porta del battistero di Firenze arrivando a pari merito con Ghilberti, ma infine scelsero Brunelleschi. Da qui in poi egli dedicherà tutta la sua vita all'architettura. Brunelleschi faceva riferimento principalmente all'arte classica, avendo studiato a Roma con Donatello e Masaccio ed avendo acquisito profonda conoscenza dell'architettura degli antichi. Nel 1418 ci fu un secondo concorso che avrebbe decretato il realizzatore della cupola di Santa Maria del Fiore. Brunelleschi vinse anche se arrivò nuovamente a pari merito con Ghilberti. Cupola di Santa Maria del Fiore Brunelleschi fu consultato già prima di vincere il concorso, che lo avrebbe portato a costruire la cupola, per il completamento delle tre tribune nel 1404 e per la sopraelevazione del tamburo della cupola nel 1410. negli anni precedenti alla costruzione della cupola, la cattedrale si trovava sprovveduta di copertura e al suo posto c'era un vano di circa 48 metri di circonferenza. Brunelleschi propose di costruire una...

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Knowunity

La Scuola Resa Facile

Aprire l'app

Didascalia alternativa:

cupola autoportante ovvero capace di sostenersi da sola durante la costruzione. Così nel 1420 iniziò la costruzione della grande macchina, così definita da Michelangelo. Al fianco di Filippo ci fu Lorenzo Ghilberti, ma Brunelleschi richiese il controllo dell'intera opera. La cupola si eleva su un tamburo ottagonale forato da 8 finestre circolari, che danno luce all'interno. In cima alla cupola si imposta una lanterna cuspidata circondata da 8 contrafforti a volute La cupola è costruita da 2 calotte distinte, una interna ed una esterna. Tra le due calotte è presente uno spazio che rende possibile la presenza di sale e corridoi che conducono al piano dove si imposta la lanterna. Le due calotte sono collegate da 8 grandi costoloni ad angolo e da 16 costole intermedie disposte lungo le vele. Costoloni e costole sono unite per mezzo di 9 anelli in muratura che terminano con l'anello di serraglio. La cupola è autoportante, ovvero è stata costruita innalzando contemporaneamente le pareti portanti e le altre strutture, ed infatti per costruirla non fu usata alcuna struttura lignea. I fattori che hanno garantito la costruzione della cupola sono principalmente due: L'impiego della muratura a spina di pesce E l'aver ideato e costruito una cupola di rotazione. La spinapesce è una tecnica romana derivante dall' opus spicatum romano che consisteva nel posizionare i mattoni inclinati 1 verso destra e 1 verso sinistra così da formare la classica forma a lisca di pesce. Cosi facendo la cupola risulta attraversata da eliche murarie che stringono la muratura raccogliendosi alla base della lanterna. Filippo Brunelleschi concepì e costruì la cupola come una cupola di rotazione. Infatti i mattoni risultano inclinati verso i loro centri di curvatura e giacciono su superfici coniche. I mattoni risultano tutti inclinati secondo una curva la cui concavità coincide con il centro di ogni vela. Possiamo paragonare quindi la cupola ad una semisfera descritta dalla rotazione di un raggio: ad una determinata altezza il raggio che ruota disegna un cono che determina la posizione dei mattoni. Nel caso della cupola a pianta ottagonale i coni sono più di uno, tutti posizionati con il vertice sull'asse centrale della cupola. La costruzione della cupola tenne impegnato Brunelleschi per tutta la durata della sua vita. Ci vollero 16 anni per concluderla, dal 1420 al 1436; per edificare la lanterna Filippo dovette affrontare poi un nuovo concorso che ovviamente vinse, ma alla sua morte essa risultò essere ancora non terminata. La lanterna è cuspidata e circondata da 8 contrafforti a volute ed è simile ad un tempietto a pianta centrale. Spedale degli Innocenti le Brunelleschi iniziò ad edificarlo nel 1419 e si dedicò ad esso fino al 1423. l'edifizio, che pose premesse per la futura impostazione della piazza della Santissima Annunziata, si articola attorno a un chiostro centrale affiancato dalla chiesa e dal dormitorio degli orfani. Si innalza su un ripiano a cui si accede per mezzo di 9 gradini. Nove sono anche le arcate del porticato e le campate coperte da volte a vela. Il modulo usato per il porticato è un cubo che si ripete. Sono presenti al di sopra degli archi a tutto sesto 9 finestre classiche, che poggiano sulla cornice dell'alta trabeazione. L'architrave è formata da 3 fasce uguali, che all'estremità si direzionano verso il basso. Il fregio presenta un motivo strigliato e i capitelli delle colonne sono corinzi. O li ▬ +++ +++ Sagrestia Vecchia La sagrestia vecchia si trova all'interno della Basilica di San Lorenzo a Firenze. Denominata vecchia per distinguerla dalla nuova edificata da Michelangelo, è posizionata sul lato sinistro del transetto dirimpetto alla nuova. Edificata da Brunelleschi sotto ordine di Averardo De' Medici fu iniziata nel 1422. l'edificio avrebbe avuto la funzione di cappella funeraria privata. Lo spazio è pressochè cubico ed è coperto da una cupola emisferica ombrelliforme. La sormonta una lanterna sorretta da 6 colonnine sormontate a sua volta da un cupolino con scanalature ad elica. Sul lato opposto all'ingresso troviamo la scarsella, una piccola abside formata da 2 cubi sovrapposti e coperta da una cupoletta con decorazioni a conchiglia. Essa è affrescata imitando un cielo stellato con raffigurazioni dello zodiaco. La pianta complessiva quindi è formata da un quadrato maggiore seguito da uno minore. Le pareti della sagrestia sono ornate da paraste, dalla trabeazione e da archi in pietra selena. Le paraste assumono diverse forme in base alla loro collocazione. La trabeazione corre senza interruzioni in entrambi gli ambienti ed ha una cornice decorata da cherubini rossi e blu Paraste: pilastro inglobato nella parete, dalla quale sporge leggermente. LOS 255 200200