Italiano /

xénox

xénox

user profile picture

Alice

19 Followers
 

Italiano

 

1ªl

Scrittura

xénox

 XENOS
L'ospitalità rappresenta uno dei più importanti dispositivi relazionali della Grecia arcaica.
Il termine greco per indicare l'ospite

Commenti (1)

Condividi

Salva

5

l'ospitalità

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

XENOS L'ospitalità rappresenta uno dei più importanti dispositivi relazionali della Grecia arcaica. Il termine greco per indicare l'ospite è xénos. Secondo luso testimoniato a più riprese dai poemi omerici, lo straniero che si presenti alla corte di un eroe è destinato a ricevere un trattamento regolato da un preciso protocollo cerimoniale, la cui importanza è suggerita dal fatto stesso che l'ospite sia posto sotto la diretta protezione di Zeus. Non appena si presenti al padrone di casa, l'ospite ha il diritto di essere accolto, curato dalle serve secondo le sue esigenze (in genere lavato e cosparso di unguenti) e generosamente rifocillato. Solo a questo punto, egli è tenuto a rivelare il proprio nome, la propria stirpe e la propria patria a colui che lo ha accolto, ed eventualmente a fornire notizie sul proprio viaggio e su tutto ciò che riguardi il mondo esterno all'oikos in cui si trova in un sistema 'a case separate' qual è quello omerico, dove ogni corte tende a formare un microcosmo autonomo e autosufficiente, L'OSPITE è anche un MĚZZO DI INFORMAZIONE di notevole rilevanza; egli, in quanto viaggiatore, può raccogliere voci e notizie delle terre attraversate (ne è un esempio il racconto di odisseo al re dei Feaci, Alcinoo; ma anche i numerosi viaggiatori che hanno attraversato Itaca...

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Didascalia alternativa:

in assenza di odisseo, recando a Penelope e a Eumeo ogni sorta di notizia ). Trattenutosi senza limiti di tempo presso la casa che lo ospita, il viaggiatore può riprendere il suo cammino: ma ciò non avverrà senza l'ultimo degli obblighi previsti dalle leggi dell'ospitalità, ovvero un cospicuo dono che l'ospitante versa all'ospite e che quest'ultimo non può in alcun modo rifiutare. Tale dono consiste generalmente in beni di lusso (vesti, gioielli, armi, suppellettili preziose, ma anche cavalli o vino pregiato) e l'obbligo di accettazione che è fatto all'ospite - e che in nessun modo può subire deroghe - aiuta a inquadrare l'ospitalità nell'insieme delle pratiche legate al 'dono! scambio fra due soggetti sociali che intendono innanzitutto dar prova del proprio status economico, il dono fa guadagnare in prestigio ciò che fa perdere sotto il profilo strettamente materiale. Perciò il ricevente non può in alcun modo rifiutare il dono, ciò che significherebbe rifiutarsi di riconoscere lo status dell'altro: egli può solo rilanciare con un dono di portata pari o preferibilmente superiore. Alla regola non sfugge il rapporto di ospitalità: nutrito, curato, colmato di doni, l'ospite è tenuto a restituire il servizio qualora le parti si invertano e l'ospitante si venga a trovare, in veste di viaggiatore, nella casa dell'ospite. Tanta è l'importanza riconosciuta a tale obbligo di ricambio, che l'ospitalità è addirittura ereditaria: il troiano Glauco e il greco Diomede, incontratisi sul campo di battaglia come nemici, si riconoscono per ospiti perché tali erano stati i loro padri: la relazione ereditata è forte al punto da superare la momentanea appartenenza dei due eroi a eserciti contrapposti; e invece di un duello ha luogo un cavalleresco scambio di doni (Viade VI 119 SS.). L'ospitalità venne ereditata dalla polis nella forma della 'PROSSENIA', uno dei più fondamentali strumenti 'diplomatici' atti a tutelare i diritti dello straniero. La prossenia era una convenzione concordata per mezzo della quale un cittadino eminente della polis ospitava gli ambasciatori stranieri a proprie spese, in cambio di titoli onorari ricevuti dallo stato. Il prosseno si occupava del nuovo venuto, aiutandolo a risolvere un'infinità di questioni, fornendogli fonti di informazione e facilitandogli i contatti. Il fatto di essere prosseno nella città non impediva di prendere parte a una guerra contro quella città - poiché l'estrema lealtà del prosseno era, in fin dei conti, rivolta alla propria città. Tuttavia, un prosseno avrebbe naturalmente cercato di fare del suo meglio pur di prevenire lo scoppio di guerra, dandosi da fare per appianare qualsiasi controversia in grado di causaria. una Il ruolo del prosseno per una particolare città era spesso ereditario nell'ambito di una particolare famiglia. RIASSUNTO L'ospitalità rappresenta uno dei più importanti dispositivi relazionali della Grecia arcaica, si indica con il termine xénos, l'ospite. Lo straniero non appena si presenti al padrone di casa, l'ospite ha il diritto di essere accolto, curato secondo le sue esigenze. L'ospite è anche un informazione, in quanto viaggiatore, per raccogliere voci e notizie. mezzo di viaggiatore può riprendere il suo cammino solo dopo che l' ospitante gli abbia dato un dono. L'ospitalità venne ereditata dalla "Prossenia", che era una convenzione concordata per mezzo della quale un cittadino della polis ospitava gli ambasciatori stranieri a proprie spese, in cambio di titoli onorari.

Italiano /

xénox

xénox

user profile picture

Alice

19 Followers
 

Italiano

 

1ªl

Scrittura

xénox

Questo Contenuto è disponibile solamente nell' app di Knowunity

 XENOS
L'ospitalità rappresenta uno dei più importanti dispositivi relazionali della Grecia arcaica.
Il termine greco per indicare l'ospite

Aprire l'app

Condividi

Salva

5

Commenti (1)

W

Un appunto così carino per la scuola 😍😍, è davvero utile!

l'ospitalità

Contenuti simili

8

Niccolò Machiavelli

Know Niccolò Machiavelli  thumbnail

222

 

3ªl/4ªl

18

Alessandro Manzoni

Know Alessandro Manzoni  thumbnail

88

 

4ªl

1

capitolo 1 promessi sposi

Know capitolo 1 promessi sposi  thumbnail

163

 

2ªl

2

Niccolò Machiavelli

Know Niccolò Machiavelli  thumbnail

336

 

3ªl

di più

XENOS L'ospitalità rappresenta uno dei più importanti dispositivi relazionali della Grecia arcaica. Il termine greco per indicare l'ospite è xénos. Secondo luso testimoniato a più riprese dai poemi omerici, lo straniero che si presenti alla corte di un eroe è destinato a ricevere un trattamento regolato da un preciso protocollo cerimoniale, la cui importanza è suggerita dal fatto stesso che l'ospite sia posto sotto la diretta protezione di Zeus. Non appena si presenti al padrone di casa, l'ospite ha il diritto di essere accolto, curato dalle serve secondo le sue esigenze (in genere lavato e cosparso di unguenti) e generosamente rifocillato. Solo a questo punto, egli è tenuto a rivelare il proprio nome, la propria stirpe e la propria patria a colui che lo ha accolto, ed eventualmente a fornire notizie sul proprio viaggio e su tutto ciò che riguardi il mondo esterno all'oikos in cui si trova in un sistema 'a case separate' qual è quello omerico, dove ogni corte tende a formare un microcosmo autonomo e autosufficiente, L'OSPITE è anche un MĚZZO DI INFORMAZIONE di notevole rilevanza; egli, in quanto viaggiatore, può raccogliere voci e notizie delle terre attraversate (ne è un esempio il racconto di odisseo al re dei Feaci, Alcinoo; ma anche i numerosi viaggiatori che hanno attraversato Itaca...

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Knowunity

Scuola. Finalmente semplice.

Aprire l'app

Didascalia alternativa:

in assenza di odisseo, recando a Penelope e a Eumeo ogni sorta di notizia ). Trattenutosi senza limiti di tempo presso la casa che lo ospita, il viaggiatore può riprendere il suo cammino: ma ciò non avverrà senza l'ultimo degli obblighi previsti dalle leggi dell'ospitalità, ovvero un cospicuo dono che l'ospitante versa all'ospite e che quest'ultimo non può in alcun modo rifiutare. Tale dono consiste generalmente in beni di lusso (vesti, gioielli, armi, suppellettili preziose, ma anche cavalli o vino pregiato) e l'obbligo di accettazione che è fatto all'ospite - e che in nessun modo può subire deroghe - aiuta a inquadrare l'ospitalità nell'insieme delle pratiche legate al 'dono! scambio fra due soggetti sociali che intendono innanzitutto dar prova del proprio status economico, il dono fa guadagnare in prestigio ciò che fa perdere sotto il profilo strettamente materiale. Perciò il ricevente non può in alcun modo rifiutare il dono, ciò che significherebbe rifiutarsi di riconoscere lo status dell'altro: egli può solo rilanciare con un dono di portata pari o preferibilmente superiore. Alla regola non sfugge il rapporto di ospitalità: nutrito, curato, colmato di doni, l'ospite è tenuto a restituire il servizio qualora le parti si invertano e l'ospitante si venga a trovare, in veste di viaggiatore, nella casa dell'ospite. Tanta è l'importanza riconosciuta a tale obbligo di ricambio, che l'ospitalità è addirittura ereditaria: il troiano Glauco e il greco Diomede, incontratisi sul campo di battaglia come nemici, si riconoscono per ospiti perché tali erano stati i loro padri: la relazione ereditata è forte al punto da superare la momentanea appartenenza dei due eroi a eserciti contrapposti; e invece di un duello ha luogo un cavalleresco scambio di doni (Viade VI 119 SS.). L'ospitalità venne ereditata dalla polis nella forma della 'PROSSENIA', uno dei più fondamentali strumenti 'diplomatici' atti a tutelare i diritti dello straniero. La prossenia era una convenzione concordata per mezzo della quale un cittadino eminente della polis ospitava gli ambasciatori stranieri a proprie spese, in cambio di titoli onorari ricevuti dallo stato. Il prosseno si occupava del nuovo venuto, aiutandolo a risolvere un'infinità di questioni, fornendogli fonti di informazione e facilitandogli i contatti. Il fatto di essere prosseno nella città non impediva di prendere parte a una guerra contro quella città - poiché l'estrema lealtà del prosseno era, in fin dei conti, rivolta alla propria città. Tuttavia, un prosseno avrebbe naturalmente cercato di fare del suo meglio pur di prevenire lo scoppio di guerra, dandosi da fare per appianare qualsiasi controversia in grado di causaria. una Il ruolo del prosseno per una particolare città era spesso ereditario nell'ambito di una particolare famiglia. RIASSUNTO L'ospitalità rappresenta uno dei più importanti dispositivi relazionali della Grecia arcaica, si indica con il termine xénos, l'ospite. Lo straniero non appena si presenti al padrone di casa, l'ospite ha il diritto di essere accolto, curato secondo le sue esigenze. L'ospite è anche un informazione, in quanto viaggiatore, per raccogliere voci e notizie. mezzo di viaggiatore può riprendere il suo cammino solo dopo che l' ospitante gli abbia dato un dono. L'ospitalità venne ereditata dalla "Prossenia", che era una convenzione concordata per mezzo della quale un cittadino della polis ospitava gli ambasciatori stranieri a proprie spese, in cambio di titoli onorari.