Storia /

ANNO 1000 STORIA

ANNO 1000 STORIA

A

Amanda Caputo

0 Followers
 

Storia

 

2ªl/3ªl

Sintesi

ANNO 1000 STORIA

 Con la morte di Carlo Magno nell'814 l'impero passa nelle mani di suo figlio Ludovico Il Pio,
che fece fatica a tenere insieme l'impero. Qu

Commenti (1)

Condividi

Salva

4

il contenuto contiene tutta la vicenda dell’anno mille in storia, gli argomenti sono scritti in modo semplice ma non manca nulla

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

Con la morte di Carlo Magno nell'814 l'impero passa nelle mani di suo figlio Ludovico Il Pio, che fece fatica a tenere insieme l'impero. Quando muore Ludovico, l'impero viene diviso in tre tramite il trattato di Verdun (843): Ludovico il germanico: regno di Germania (est) Lotario: regno d'Italia (centro) Carlo il calvo : regno dei Franchi (ovest) - Nonostante la suddivisione, il titolo imperiale lo vollero mantenere e lo prese Lotario, poiché il suo territorio era il più forte, visto che non era esposto alle invasioni perché era centrale ai regni dei fratelli Con il feudalesimo, si sviluppa un'instabilità politica, poiché ogni parte dell'Impero era ancora più suddivisa: Carlo Magno, che gestiva il tutto, aveva assegnato un pezzo di terra a ogni suo guerriero più fedele, essi dovevano gestirlo e in cambio dovevano dare a Carlo Magno le rendite del territorio. Questi territori andavano in successione, cioè quando il guerriero moriva il territorio andava in eredità al figlio Tra l'8 e 9 secolo ci furono le seconde invasioni barbariche di popoli che iniziarono ad attaccare l'Europa: Arabi o saraceni Ungari o magiari Normanni o vichinghi - vedi cartina pag 4 INCASTELLAMENTO IX-X secolo (ha origine dalle invasioni): incastellamento= costruzione di castelli Siccome il re era lontano e i feudatari non erano in ogni territorio, le persone non sapevano come proteggersi dalle invasioni, perciò chiedevano aiuto...

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Didascalia alternativa:

al signore locale più potente del loro territorio. Esso realizzava un castello in cui c'erano delle stanze per lui, la sua famiglia e per le persone vicine a lui. Per le persone che richiedevano protezione, fece costruire delle case attorno al castello e circondò il tutto con le mura. Il signore donava protezione e in cambio gli artigiani e i contadini mettevano a disposizione i loro prodotti per il castello. Era come un piccolo stato autonomo in cui c'era un rapporto di fiducia e di aiuto reciproco tra il signore locale e le persone che chiedevano protezione. I signori locali a volte diventavano così tanto potenti da comandare sugli altri. Non solo i signori potenti laici creavano questi castelli, ma anche abati o vescovi potenti iniziarono a comportarsi come signori locali: donavano protezione alla gente, ospitandola nei monasteri e abbazie. Anche i proprietari terrieri ricchi davano alla gente comune protezione richiedendo tributi (tasse) e la partecipazione dei maschi nell'esercito (si crea un piccolo esercito personale) Il castello diventerà sempre più popolato e le mura di espandono. Questi castelli iniziano a prendere il nome 'borgo' e le persone che ci abitavano all'interno 'borghesia' Il signore di un certo posto inglobava i castelli circostanti e si creava quindi un territorio molto vasto. Usava i cavalieri, che erano figli dei suoi amici nobili, perché mantenere un cavallo era costoso, per formare la fanteria e andare a conquistare i castelli locali, oppure venivano utilizzati per le giostre nei tornei. A partire dall'anno 1000 si riorganizza la vita sociale e la vita economica all'interno del castelli: - Livello economico: si stabilisce quali tributi pagare e che lavori fare nel castello Livello sociale: La società era organizzata della chiesa e il vescovo Adalberone da Laon face una suddivisione in 3 gruppi: Oratores (quelli che pregavano) Bellatores (quelli che combattono, famiglie nobili) Laboratores (quelli che lavoravano) La chiesa si divideva in 3: 1) Clero secolare: formato da sacerdoti, preti, vescovi, chierici, papa che predicavano in mezzo alla gente 2) Monaci eremiti: monaci che si dedicavano alla preghiera in luoghi isolati (grotte, colline, boschi tutti posti in cui stavano da soli). C'era poi un gruppo di monaci eremiti chiamati stiliti, perché avevano deciso di vivere da soli sopra una colonna e ostentando questo gesto, perché dicevano che la loro preghiera valeva di più delle altre 3) Clero regolare: monaci che vivono seguendo la regola (= testo scritto con tutti dei principi, delle regole da rispettare per la vita comunitaria). [Essi vivevano nei monasteri in comunità e una regola dei monasteri era per esempio quella di San Benedetto "ora et labora", cioè prega e lavora (per lavorare intende gli amanuensi che trascrivono i testi antichi nello scriptoria)]. Clero regolare e eremiti sono monaci mentre il clero secolare è un regola Se tu fai parte di una suddivisione non puoi fare parte di un altra Europa dall'anno 1000 Nell'anno mille si pensava che ci sarebbe stata la fine del mondo perché nell'Apocalisse (libro del Nuovo testamento) si diceva che dopo 1000 anni dalla nascita di Cristo, Satana sarebbe riuscito a liberarsi dalle catene e ci sarebbe stato l'anticristo, quindi le persone avevano paura della fine del mondo. In realtà non era vero, la gente non sapeva neanche in che anno erano, soprattutto i contadini A partire dalle l'anno 1000 la situazione migliora: 1. Popolazione raddoppia, infatti dal 950 al 1050 passa da 23 milioni a 46 milioni in Europa. Questo accade grazie: ● Al miglioramento del clima (più caldo e umido) che porta a un miglioramento della produzione agricola -> + frumento (orzo,farro ecc) + cibo. Venivano coltivati molti cereali, poiché erano considerati nella dieta del ceto medio basso e non in quella dei i ricchi, poiché mangiavano la carne (p 17) Alla bonifica dei terreni che prima erano paludosi, ma che ora possono essere resi coltivabili -> miglioramento del terreno Invasioni: meno attacchi dall'esterno ● ● Epidemie: visto che la gente mangia di più, è più forte, combatte meglio le malattie e non ci sono più invasioni che le portano, non ci sono più epidemie 2. Progressi agricoltura: nascita di innovazioni che migliorano l'agricoltura: Tecniche: rotazione triennale. I contadini nella rotazione biennale (prima del 1000) avevano capito che se volevano coltivare un terreno, una parte era di frumento e l'altra parte doveva essere lasciata a maggese, cioè a riposo, così che quando era pronto il frumento, c'era una rotazione, cioè la parte con il frumento veniva lasciata a maggese e l'altra a veniva coltivata. Dopo l'anno 1000 però si scopre la rotazione triennale, cioè decidono di dividere in 3 il terreno, la prima parte con il frumento, la seconda con l'orzo e la terza a maggese. Ogni anno cambiavano il terreno tramite la rotazione, cioè il terreno con il frumento veniva messo a maggese, nel terreno con l'orzo veniva coltivato il frumento e nel terreno a maggese veniva coltivato l'orzo e così via. Questa rotazione triennale permetteva di avere più campo da coltivare. Attrezzatura (che portava i campi a produrre di più): 1) Collare rigido di spalla per gli animali: prima del 1000 utilizzavano il bue, ma poi capiscono che è troppo lento e iniziano ad utilizzare il cavallo. Essi però con il collare morbido si strozzava e moriva, per questo venne costruito un collare rigido che veniva messo sulle spalle del cavallo. 2) Ferratura di zoccoli: gli zoccoli dei cavalli (unghie) a furia di lavorare si spaccano e quindi affinché il cavallo fosse produttivo veniva ferrato lo zoccolo, così rimaneva duro e non si spaccava 3) Aratro con il coltro + versorio: viene inventato un aratro nuovo dotato di coltro (prima c'era il vomere) cioè un coltello che incide meglio la terra in profondità E permette al seme di insediarsi meglio.venne aggiunto anche il versoio, orecchio di metallo che mescola le zone di terra più fertile con quelle meno fertile, così da avere un terreno più omogeneo e quindi un raccolto migliore. Venne aggiunto anche l'erpice, uno strumento che chiudeva i solchi dopo la semina, veniva usato dopo il contro e il versoio 4) Mulino ad acqua: servivano per macinare il grano (rompere il grano, il frumento 3. Mentalità imprenditoriale: alcuni contadini guadagnando tanto con il loro raccolto e con il lavoro, riuscirono a: Acquistare / affittare dei terreni: prima guadagnavano dal campo del signore e poi con quei soldi, acquistavano il proprio campo, una loro proprietà. Quindi prima erano dipendenti del signore e prendevano i soldi da lui e poi diventarono imprenditori cioè museo da parte un po' di soldi per il terreno ->mentalità imprenditoriale Associarsi: Per coltivare i contadini imprenditori non avevano abbastanza soldi (maggior parte usati per il territorio) per comprare strumenti e mezzi per coltivare e per questo motivo, i diversi contadini imprenditori mettevano insieme un po' di soldi così da poter comprare tutte le cose necessarie per il campo e poi se le passavano tra di loro (compravano un aratro e poi se lo scambiavano) 4. La rinascita delle città: Prima del 1000 c'era una alizzazione della città, cioè la popolazione si spostav nelle campagne -> grosso segno di crisi. Dopo il 1000 le città rinascono e si ripopolano sia dal ceto dirigente (ricchi) che voleva governare, sia dal ceto medio (es. artigiani). Nelle città prima del 1000 gli artigiani, che vivevano nelle zone rurali, producevano arnesi che servivano e a seconda della richiesta, l'artigiano non cambiava perché sapeva fare tutto. Dopo il 1000 nasce una forma di artigianato specializzato, cioe gli artigiani iniziano a specializzarsi in una singola attività e creano e botteghe in cui fanno solo cose in cui sono specializzati. Ad un certo punto i manufatti iniziano ad essere sempre più belli e cominciano ad essere acquistati dagli abitanti della città, ma anche da fuori vogliono acquistare e così nasce la figura del mercante. Il mercante non era l'artigiano stesso, ma era una persona che comprava dall'artigiano e poi rivendeva al di fuori della città nei mercati e nelle grandi fiere ad un prezzo più alto. Le fiere più famose e animate erano quelle delle Fiandre (Olanda e Belgio), della Champagne e della pianura padana, tre aree collegate tra loro da un intenso flusso mercantile 5. Espansione commercio marittimo Oltre a diffondersi il commercio via terra,si diffonde anche il commercio via mare. Per commerciare sul mare vengono coniate le monete in oro, argento e bronzo, prima del 1000 le monete contenevano poco metallo prezioso perché non c'era, visto che erano in crisi, ma dall'anno 1000 iniziano a essere coniate con metalli che vengono ricavati dall'oriente. Con questo commercio: Importavano in Europa: merci di lusso che provenivano dall'oriente (impero bizantino o mondo islamico). Le merci di lusso erano: spezie, oro, incenso, avorio (calcificato e ridotti in polvere usato per costosissime medicine), pietre preziose e tessuti (seta) p 29 30 ● Esportavano in oriente ( visto che si importava merci di lusso, gli europei esportavano altrettanto): schiavi, frumento, legname, armi, vetro, stoffe di lino e panni di lana Si riusciva a navigare via mare per dei progressi che ci sono stati: ● Perfezionamento della bussola dai marinai amalfitani (inventata dai cinesi nel IX secolo) ● Miglioramento delle navi Invenzione delle vele latine e del timone girevole. Tutto ciò ha portato a un aumento dei commerci via mare. Quando però si navigava in mare aperto si correva un grande rischio per diversi fattori, come il mare mosso o i pirati e per offrire maggiore sicurezza nelle svolgimento di attività mercantile, i mercanti iniziarono a riunirsi in corporazioni o compagnie, cioè si associavano per dotarsi di maggior sicurezza del tipo economico, per esempio se uno rischiava di fallire c'era un fondo comune di emergenza messo a disposizione della compagnia che permetteva che non tutto fosse perduto. All'inizio erano tra persone che si conoscevano poi viene formata un'associazione enorme, la Lega Hansa o Lega anseatica (centro più prestigioso della Hansa era Lubecca) 6. Le 4 città marittime italiane Amalfi Venezia = oligarchia, governata da poche persone, doge (signori di Venezia) e i nobili Pisa Genova ● ● Dette anche città marinare o repubbliche marinare (non dominate da un signore, ma da un comune) erano molto famose per il commercio marittimo, infatti erano in competizione per il monopolio, ovvero per il controllo del commercio marittimo. Amalfi: ● ● prima città marinara ad essere importante Gli amalfitani hanno perfezionato la bussola (inventata dai cinesi) Gli amalfitani hanno creato le tavole amalfitane = codice commerciale marittimo, cioè testi ci sono le regole per commerciare via mare Prima città a cadere, per 3 motivi: O Conquista dei normanni O Aggredita e saccheggiata da Pisa Frane e mareggiate Pisa: Non è una città marittima (sul mare), ma si collega al mar Tirreno con il fiume Arno. Pisa e Genova che erano le più vicine rispetto alle altre, si contendevano il commercio marittimo e per questa concorrenza ci fu la battaglia navale della Meloria nel 1284. In questa battaglia Pisa venne sconfitta (non demolita, ma meno importante) e Genova diventò la più importante. Genova: ● O Importante non solo per avere sconfitto Pisa, ma anche perché da essa sono partite tantissime navi cariche di crociati (soldati delle crociate) che andavano a combattere in terra santa. Tramite queste crociate Genova si arricchì tantissimo. Dopo la battaglia contro Pisa, ci fu la guerra di Chioggia (località marittima vicino a Venezia) tra il 1378 e il 1381, dove Venezia vinse e Genova venne ridimensionata come potenza marittima, cioè perde il potere di città principale. Venezia: Venezia sorse al tempo delle migrazioni germaniche del VI e VII secolo ed era una città comunale, con un governo oligarchico, cioè governato da poche persone, infatti a capo del comune c'era il doge ( eletto dai consigli, cioè assemblee di cittadini delle quali facevano parte i membri delle famiglie più potenti) e i nobili. Nel 1082 l'imperatore bizantino le concesse, con un documento chiamato crisobolla, (=bolla d'oro, cioè un sigillo aureo) la più totale libertà di commercio in tutto il territorio dell'impero. LA LOTTA PER LE INVESTITURE Pag 44-61

Storia /

ANNO 1000 STORIA

ANNO 1000 STORIA

A

Amanda Caputo

0 Followers
 

Storia

 

2ªl/3ªl

Sintesi

ANNO 1000 STORIA

Questo Contenuto è disponibile solamente nell' app di Knowunity

 Con la morte di Carlo Magno nell'814 l'impero passa nelle mani di suo figlio Ludovico Il Pio,
che fece fatica a tenere insieme l'impero. Qu

Aprire l'app

Condividi

Salva

4

Commenti (1)

R

Fantastico, imparerò da questo appunto oggi. Saluti 👍👍

il contenuto contiene tutta la vicenda dell’anno mille in storia, gli argomenti sono scritti in modo semplice ma non manca nulla

Contenuti simili

3

Paleolito e Neolitico

Know Paleolito e Neolitico thumbnail

3271

 

1ªl

1

I sumeri

Know I sumeri thumbnail

2075

 

1ªl

16

Gli Egizi, i Fenici e gli Ebrei

Know Gli Egizi, i Fenici e gli Ebrei  thumbnail

1347

 

1ªl

7

l’illuminismo e la rivoluzione americana

Know l’illuminismo e la rivoluzione americana  thumbnail

3546

 

4ªl

di più

Con la morte di Carlo Magno nell'814 l'impero passa nelle mani di suo figlio Ludovico Il Pio, che fece fatica a tenere insieme l'impero. Quando muore Ludovico, l'impero viene diviso in tre tramite il trattato di Verdun (843): Ludovico il germanico: regno di Germania (est) Lotario: regno d'Italia (centro) Carlo il calvo : regno dei Franchi (ovest) - Nonostante la suddivisione, il titolo imperiale lo vollero mantenere e lo prese Lotario, poiché il suo territorio era il più forte, visto che non era esposto alle invasioni perché era centrale ai regni dei fratelli Con il feudalesimo, si sviluppa un'instabilità politica, poiché ogni parte dell'Impero era ancora più suddivisa: Carlo Magno, che gestiva il tutto, aveva assegnato un pezzo di terra a ogni suo guerriero più fedele, essi dovevano gestirlo e in cambio dovevano dare a Carlo Magno le rendite del territorio. Questi territori andavano in successione, cioè quando il guerriero moriva il territorio andava in eredità al figlio Tra l'8 e 9 secolo ci furono le seconde invasioni barbariche di popoli che iniziarono ad attaccare l'Europa: Arabi o saraceni Ungari o magiari Normanni o vichinghi - vedi cartina pag 4 INCASTELLAMENTO IX-X secolo (ha origine dalle invasioni): incastellamento= costruzione di castelli Siccome il re era lontano e i feudatari non erano in ogni territorio, le persone non sapevano come proteggersi dalle invasioni, perciò chiedevano aiuto...

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Knowunity

Scuola. Finalmente semplice.

Aprire l'app

Didascalia alternativa:

al signore locale più potente del loro territorio. Esso realizzava un castello in cui c'erano delle stanze per lui, la sua famiglia e per le persone vicine a lui. Per le persone che richiedevano protezione, fece costruire delle case attorno al castello e circondò il tutto con le mura. Il signore donava protezione e in cambio gli artigiani e i contadini mettevano a disposizione i loro prodotti per il castello. Era come un piccolo stato autonomo in cui c'era un rapporto di fiducia e di aiuto reciproco tra il signore locale e le persone che chiedevano protezione. I signori locali a volte diventavano così tanto potenti da comandare sugli altri. Non solo i signori potenti laici creavano questi castelli, ma anche abati o vescovi potenti iniziarono a comportarsi come signori locali: donavano protezione alla gente, ospitandola nei monasteri e abbazie. Anche i proprietari terrieri ricchi davano alla gente comune protezione richiedendo tributi (tasse) e la partecipazione dei maschi nell'esercito (si crea un piccolo esercito personale) Il castello diventerà sempre più popolato e le mura di espandono. Questi castelli iniziano a prendere il nome 'borgo' e le persone che ci abitavano all'interno 'borghesia' Il signore di un certo posto inglobava i castelli circostanti e si creava quindi un territorio molto vasto. Usava i cavalieri, che erano figli dei suoi amici nobili, perché mantenere un cavallo era costoso, per formare la fanteria e andare a conquistare i castelli locali, oppure venivano utilizzati per le giostre nei tornei. A partire dall'anno 1000 si riorganizza la vita sociale e la vita economica all'interno del castelli: - Livello economico: si stabilisce quali tributi pagare e che lavori fare nel castello Livello sociale: La società era organizzata della chiesa e il vescovo Adalberone da Laon face una suddivisione in 3 gruppi: Oratores (quelli che pregavano) Bellatores (quelli che combattono, famiglie nobili) Laboratores (quelli che lavoravano) La chiesa si divideva in 3: 1) Clero secolare: formato da sacerdoti, preti, vescovi, chierici, papa che predicavano in mezzo alla gente 2) Monaci eremiti: monaci che si dedicavano alla preghiera in luoghi isolati (grotte, colline, boschi tutti posti in cui stavano da soli). C'era poi un gruppo di monaci eremiti chiamati stiliti, perché avevano deciso di vivere da soli sopra una colonna e ostentando questo gesto, perché dicevano che la loro preghiera valeva di più delle altre 3) Clero regolare: monaci che vivono seguendo la regola (= testo scritto con tutti dei principi, delle regole da rispettare per la vita comunitaria). [Essi vivevano nei monasteri in comunità e una regola dei monasteri era per esempio quella di San Benedetto "ora et labora", cioè prega e lavora (per lavorare intende gli amanuensi che trascrivono i testi antichi nello scriptoria)]. Clero regolare e eremiti sono monaci mentre il clero secolare è un regola Se tu fai parte di una suddivisione non puoi fare parte di un altra Europa dall'anno 1000 Nell'anno mille si pensava che ci sarebbe stata la fine del mondo perché nell'Apocalisse (libro del Nuovo testamento) si diceva che dopo 1000 anni dalla nascita di Cristo, Satana sarebbe riuscito a liberarsi dalle catene e ci sarebbe stato l'anticristo, quindi le persone avevano paura della fine del mondo. In realtà non era vero, la gente non sapeva neanche in che anno erano, soprattutto i contadini A partire dalle l'anno 1000 la situazione migliora: 1. Popolazione raddoppia, infatti dal 950 al 1050 passa da 23 milioni a 46 milioni in Europa. Questo accade grazie: ● Al miglioramento del clima (più caldo e umido) che porta a un miglioramento della produzione agricola -> + frumento (orzo,farro ecc) + cibo. Venivano coltivati molti cereali, poiché erano considerati nella dieta del ceto medio basso e non in quella dei i ricchi, poiché mangiavano la carne (p 17) Alla bonifica dei terreni che prima erano paludosi, ma che ora possono essere resi coltivabili -> miglioramento del terreno Invasioni: meno attacchi dall'esterno ● ● Epidemie: visto che la gente mangia di più, è più forte, combatte meglio le malattie e non ci sono più invasioni che le portano, non ci sono più epidemie 2. Progressi agricoltura: nascita di innovazioni che migliorano l'agricoltura: Tecniche: rotazione triennale. I contadini nella rotazione biennale (prima del 1000) avevano capito che se volevano coltivare un terreno, una parte era di frumento e l'altra parte doveva essere lasciata a maggese, cioè a riposo, così che quando era pronto il frumento, c'era una rotazione, cioè la parte con il frumento veniva lasciata a maggese e l'altra a veniva coltivata. Dopo l'anno 1000 però si scopre la rotazione triennale, cioè decidono di dividere in 3 il terreno, la prima parte con il frumento, la seconda con l'orzo e la terza a maggese. Ogni anno cambiavano il terreno tramite la rotazione, cioè il terreno con il frumento veniva messo a maggese, nel terreno con l'orzo veniva coltivato il frumento e nel terreno a maggese veniva coltivato l'orzo e così via. Questa rotazione triennale permetteva di avere più campo da coltivare. Attrezzatura (che portava i campi a produrre di più): 1) Collare rigido di spalla per gli animali: prima del 1000 utilizzavano il bue, ma poi capiscono che è troppo lento e iniziano ad utilizzare il cavallo. Essi però con il collare morbido si strozzava e moriva, per questo venne costruito un collare rigido che veniva messo sulle spalle del cavallo. 2) Ferratura di zoccoli: gli zoccoli dei cavalli (unghie) a furia di lavorare si spaccano e quindi affinché il cavallo fosse produttivo veniva ferrato lo zoccolo, così rimaneva duro e non si spaccava 3) Aratro con il coltro + versorio: viene inventato un aratro nuovo dotato di coltro (prima c'era il vomere) cioè un coltello che incide meglio la terra in profondità E permette al seme di insediarsi meglio.venne aggiunto anche il versoio, orecchio di metallo che mescola le zone di terra più fertile con quelle meno fertile, così da avere un terreno più omogeneo e quindi un raccolto migliore. Venne aggiunto anche l'erpice, uno strumento che chiudeva i solchi dopo la semina, veniva usato dopo il contro e il versoio 4) Mulino ad acqua: servivano per macinare il grano (rompere il grano, il frumento 3. Mentalità imprenditoriale: alcuni contadini guadagnando tanto con il loro raccolto e con il lavoro, riuscirono a: Acquistare / affittare dei terreni: prima guadagnavano dal campo del signore e poi con quei soldi, acquistavano il proprio campo, una loro proprietà. Quindi prima erano dipendenti del signore e prendevano i soldi da lui e poi diventarono imprenditori cioè museo da parte un po' di soldi per il terreno ->mentalità imprenditoriale Associarsi: Per coltivare i contadini imprenditori non avevano abbastanza soldi (maggior parte usati per il territorio) per comprare strumenti e mezzi per coltivare e per questo motivo, i diversi contadini imprenditori mettevano insieme un po' di soldi così da poter comprare tutte le cose necessarie per il campo e poi se le passavano tra di loro (compravano un aratro e poi se lo scambiavano) 4. La rinascita delle città: Prima del 1000 c'era una alizzazione della città, cioè la popolazione si spostav nelle campagne -> grosso segno di crisi. Dopo il 1000 le città rinascono e si ripopolano sia dal ceto dirigente (ricchi) che voleva governare, sia dal ceto medio (es. artigiani). Nelle città prima del 1000 gli artigiani, che vivevano nelle zone rurali, producevano arnesi che servivano e a seconda della richiesta, l'artigiano non cambiava perché sapeva fare tutto. Dopo il 1000 nasce una forma di artigianato specializzato, cioe gli artigiani iniziano a specializzarsi in una singola attività e creano e botteghe in cui fanno solo cose in cui sono specializzati. Ad un certo punto i manufatti iniziano ad essere sempre più belli e cominciano ad essere acquistati dagli abitanti della città, ma anche da fuori vogliono acquistare e così nasce la figura del mercante. Il mercante non era l'artigiano stesso, ma era una persona che comprava dall'artigiano e poi rivendeva al di fuori della città nei mercati e nelle grandi fiere ad un prezzo più alto. Le fiere più famose e animate erano quelle delle Fiandre (Olanda e Belgio), della Champagne e della pianura padana, tre aree collegate tra loro da un intenso flusso mercantile 5. Espansione commercio marittimo Oltre a diffondersi il commercio via terra,si diffonde anche il commercio via mare. Per commerciare sul mare vengono coniate le monete in oro, argento e bronzo, prima del 1000 le monete contenevano poco metallo prezioso perché non c'era, visto che erano in crisi, ma dall'anno 1000 iniziano a essere coniate con metalli che vengono ricavati dall'oriente. Con questo commercio: Importavano in Europa: merci di lusso che provenivano dall'oriente (impero bizantino o mondo islamico). Le merci di lusso erano: spezie, oro, incenso, avorio (calcificato e ridotti in polvere usato per costosissime medicine), pietre preziose e tessuti (seta) p 29 30 ● Esportavano in oriente ( visto che si importava merci di lusso, gli europei esportavano altrettanto): schiavi, frumento, legname, armi, vetro, stoffe di lino e panni di lana Si riusciva a navigare via mare per dei progressi che ci sono stati: ● Perfezionamento della bussola dai marinai amalfitani (inventata dai cinesi nel IX secolo) ● Miglioramento delle navi Invenzione delle vele latine e del timone girevole. Tutto ciò ha portato a un aumento dei commerci via mare. Quando però si navigava in mare aperto si correva un grande rischio per diversi fattori, come il mare mosso o i pirati e per offrire maggiore sicurezza nelle svolgimento di attività mercantile, i mercanti iniziarono a riunirsi in corporazioni o compagnie, cioè si associavano per dotarsi di maggior sicurezza del tipo economico, per esempio se uno rischiava di fallire c'era un fondo comune di emergenza messo a disposizione della compagnia che permetteva che non tutto fosse perduto. All'inizio erano tra persone che si conoscevano poi viene formata un'associazione enorme, la Lega Hansa o Lega anseatica (centro più prestigioso della Hansa era Lubecca) 6. Le 4 città marittime italiane Amalfi Venezia = oligarchia, governata da poche persone, doge (signori di Venezia) e i nobili Pisa Genova ● ● Dette anche città marinare o repubbliche marinare (non dominate da un signore, ma da un comune) erano molto famose per il commercio marittimo, infatti erano in competizione per il monopolio, ovvero per il controllo del commercio marittimo. Amalfi: ● ● prima città marinara ad essere importante Gli amalfitani hanno perfezionato la bussola (inventata dai cinesi) Gli amalfitani hanno creato le tavole amalfitane = codice commerciale marittimo, cioè testi ci sono le regole per commerciare via mare Prima città a cadere, per 3 motivi: O Conquista dei normanni O Aggredita e saccheggiata da Pisa Frane e mareggiate Pisa: Non è una città marittima (sul mare), ma si collega al mar Tirreno con il fiume Arno. Pisa e Genova che erano le più vicine rispetto alle altre, si contendevano il commercio marittimo e per questa concorrenza ci fu la battaglia navale della Meloria nel 1284. In questa battaglia Pisa venne sconfitta (non demolita, ma meno importante) e Genova diventò la più importante. Genova: ● O Importante non solo per avere sconfitto Pisa, ma anche perché da essa sono partite tantissime navi cariche di crociati (soldati delle crociate) che andavano a combattere in terra santa. Tramite queste crociate Genova si arricchì tantissimo. Dopo la battaglia contro Pisa, ci fu la guerra di Chioggia (località marittima vicino a Venezia) tra il 1378 e il 1381, dove Venezia vinse e Genova venne ridimensionata come potenza marittima, cioè perde il potere di città principale. Venezia: Venezia sorse al tempo delle migrazioni germaniche del VI e VII secolo ed era una città comunale, con un governo oligarchico, cioè governato da poche persone, infatti a capo del comune c'era il doge ( eletto dai consigli, cioè assemblee di cittadini delle quali facevano parte i membri delle famiglie più potenti) e i nobili. Nel 1082 l'imperatore bizantino le concesse, con un documento chiamato crisobolla, (=bolla d'oro, cioè un sigillo aureo) la più totale libertà di commercio in tutto il territorio dell'impero. LA LOTTA PER LE INVESTITURE Pag 44-61