Diritto /

I principi della forma di governo

I principi della forma di governo

user profile picture

Study with Meli

65 Followers
 

Diritto

 

5ªl

Sintesi

I principi della forma di governo

 CAP.4) I PRINCIPI DELLA FORMA DI GOVERNO
1. LA FORMA DI GOVERNO
La forma di governo definisce l'organizzazione di uno Stato.
Le forme di go

Commenti (1)

Condividi

Salva

5

Riassunto libro di diritto su "I principi della forma di governo".

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

CAP.4) I PRINCIPI DELLA FORMA DI GOVERNO 1. LA FORMA DI GOVERNO La forma di governo definisce l'organizzazione di uno Stato. Le forme di governo sono la: → MONARCHIA = forma di governo che prevede la presenza di un sovrano → rappresentatore politico = RE → REPUBBLICA = significa che il bene pubblico (cioè lo Stato) appartiene a tutti → il governo deriva dalla VOLONTÀ DEL POPOLO La Repubblica può essere PARLAMENTARE O PRESIDENZIALE. La Repubblica parlamentare si basa sulla centralità del Parlamento (componenti eletti dal popolo), ma contempla un particolare collegamento tra Parlamento e Governo. → PARLAMENTO = organo più ampio rappresenta tutto il popolo e ha il compito legislativo → GOVERNO = organo più limitato potere esecutivo Il collegamento tra il Parlamento e il Governo consiste nel rapporto di fiducia il Governo per poter restare in carica deve avere la fiducia del Parlamento, cioè l'appoggio politico della maggioranza parlamentare espressa con un voto di fiducia. 8 Nelle Repubbliche presidenziali il Parlamento e il Presidente della Repubblica si trovano sullo stesso piano. Entrambi questi organi sono inoltre eletti direttamente dal popolo. Poiché sia il Parlamento sia il Capo dello Stato derivano da una elezione popolare, non esiste nessuna dipendenza politica di un órgano rispetto all'altro. La forma di governo dell'Italia è la Repubblica parlamentare. Essa è caratterizzata da: → la separazione...

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Didascalia alternativa:

dei poteri → la rappresentanza politica →i partiti politici Germania → Stato federale con repubblica parlamentare → composto da più Stati (Länder) e con il Cancelliere come capo di governo Stati Uniti Repubblica presidenziale federale → il Presidente è Capo di Stato e Capo di Governo e non deve per forza godere della fiducia del Parlamento Francia Repubblica semipresidenziale Presidente della Repubblica votato dal popolo elettorale. Lui vota il Governo che deve godere della fiducia della Camera Regno Unito e Spagna Monarchie parlamentari → il Re è il Capo di Stato con poteri limitati 2. LA SEPARAZIONE DEI POTERI Nei regimi democratici, il potere dello stato è ripartito fra diversi organi, indipendenti fra loro. La nostra Costituzione distingue: potere legislativo = Parlamento → potere esecutivo = Governo → potere giudiziario = Magistratura Tra gli organi dello Stato è però necessaria la collaborazione, per evitare che si creino conflitti. Accanto ai tre poteri tradizionali vi è anche un potere di controllo che è esercitato dagli organi di garanzia costituzionale che sono: Presidente della Repubblica = rappresentare l'unità nazionale e garantire il buon funzionamento degli altri organi costituzionali → Corte costituzionale = reprimere le violazioni della Costituzione Il Parlamento e il Governo sono collegate dal compito comune di realizzazione dell'indirizzo politico dello Stato. La magistratura invece è totalmente autónoma ed indipendente. 3. DEMOCRAZIA E RAPPRESENTANZA DEMOCRAZIA = come potere del popolo, richiede che i governanti confidano con i governati RAPPRESENTANZA = si basa su una distinzione tra governanti e governati → La democrazia rappresentativa gli obiettivi dei rappresentanti e quelli dei rappresentati coincidono. Strumenti per garantire la democrazia rappresentativa: → ELEZIONI = popolo può scegliere i propri rappresentanti → PARTITI POLITICI = elaborare le proposte politiche da sottoporre agli elettori e indicare coloro che si candidano per realizzarle - → elettori hanno il compito di scegliere tra le diverse proposte e di eleggere i candidati → La democrazie diretta è il referendum abrogativo. popolo può votare direttamente per decidere se mantenere o abrogare leggi in vigore approvate dal Parlamento. NON SONO AMMESSI: → REFERENDUM APPROVATIVO = popolo sarebbe in grado di far entrare in vigore una legge scavalcando i propri rappresentanti → REFERENDUM CONSULTIVO = popolo potrebbe premere sul Parlamento per costringerlo ad adottare le leggi che esso desidera 9 Il referendum abrogativo ha solo un valore accessorio e correttivo. La Costituzione attribuisce al popolo altri due poteri: 1. petizione = cittadini possono rivolgersi al Parlamento per chiedere provvedimenti legislativi 2. iniziativa legislativa = 50.000 cittadini possono sottoporre al Parlamento un progetto di legge purché sia esaminato Questi due poteri sono solo della democrazia diretta È essenziale che la Costituzione garantisca il diritto di voto → art. 48 che dice che il voto è: → universale = sono elettori tutti i cittadini che hanno raggiunto la maggiore età personale = ciascun elettore deve fare uso di persona del suo diritto → uguale = voto di ciascuno vale quanto quello degli altri → libero e segreto = tutelano il diritto di voto La Costituzione riconosce il voto come diritto e anche come dovere civico. L'assenza di un obbligo giuridico consente l'astensione del voto → indebolisce la democrazie ELETTORATO ATTIVO = diritto di essere elettori ELETTORATO PASSIVO = diritto di essere eletti Insieme dei cittadini aventi diritti di voto = corpo elettorale 4. I PARTITI POLITICI I componenti del Parlamento seguono le direttive dei partiti politici di cui fanno parte quindi la democrazia rappresentativa è mediata dai partiti. Tutti i cittadini possono associarsi ai partiti per concorrere democraticamente alla vita politica. 10 Il finanziamento dei partiti politici e la trasparenza delle loro risorse devono essere regolamentate. Compiti dei partiti: → organizzare politicamente i cittadini → selezionare i candidati per le elezioni → organizzare gli eletti → mantenere vivo il collegamento tra gli eletti e gli elettori I partiti ricadono tra le associazioni non riconosciute. Questa loro natura è però una garanzia della loro massima autonomia.

Diritto /

I principi della forma di governo

I principi della forma di governo

user profile picture

Study with Meli

65 Followers
 

Diritto

 

5ªl

Sintesi

I principi della forma di governo

Questo Contenuto è disponibile solamente nell' app di Knowunity

 CAP.4) I PRINCIPI DELLA FORMA DI GOVERNO
1. LA FORMA DI GOVERNO
La forma di governo definisce l'organizzazione di uno Stato.
Le forme di go

Aprire l'app

Condividi

Salva

5

Commenti (1)

A

Grazie, mi aiuterà molto perché stiamo insegnando questo argomento ora! 😁

Riassunto libro di diritto su "I principi della forma di governo".

CAP.4) I PRINCIPI DELLA FORMA DI GOVERNO 1. LA FORMA DI GOVERNO La forma di governo definisce l'organizzazione di uno Stato. Le forme di governo sono la: → MONARCHIA = forma di governo che prevede la presenza di un sovrano → rappresentatore politico = RE → REPUBBLICA = significa che il bene pubblico (cioè lo Stato) appartiene a tutti → il governo deriva dalla VOLONTÀ DEL POPOLO La Repubblica può essere PARLAMENTARE O PRESIDENZIALE. La Repubblica parlamentare si basa sulla centralità del Parlamento (componenti eletti dal popolo), ma contempla un particolare collegamento tra Parlamento e Governo. → PARLAMENTO = organo più ampio rappresenta tutto il popolo e ha il compito legislativo → GOVERNO = organo più limitato potere esecutivo Il collegamento tra il Parlamento e il Governo consiste nel rapporto di fiducia il Governo per poter restare in carica deve avere la fiducia del Parlamento, cioè l'appoggio politico della maggioranza parlamentare espressa con un voto di fiducia. 8 Nelle Repubbliche presidenziali il Parlamento e il Presidente della Repubblica si trovano sullo stesso piano. Entrambi questi organi sono inoltre eletti direttamente dal popolo. Poiché sia il Parlamento sia il Capo dello Stato derivano da una elezione popolare, non esiste nessuna dipendenza politica di un órgano rispetto all'altro. La forma di governo dell'Italia è la Repubblica parlamentare. Essa è caratterizzata da: → la separazione...

Non c'è niente di adatto? Esplorare altre aree tematiche.

Con noi per un apprendimento più divertente

Aiuto per i compiti

Con la funzionalità Domande, è possibile porre domande e ricevere risposte da altri studenti in qualsiasi momento.

Imparare insieme

Unisciti a migliaia di studenti per condividere conoscenze, scambiare idee e aiutarvi a vicenda. Un'applicazione interattiva all-in-one.

Sicura e testata

Che si tratti di riassunti, esercizi o appunti delle lezioni, Knowunity garantisce che tutti i contenuti siano verificati e crea un ambiente di apprendimento sicuro a cui il vostro bambino può accedere in qualsiasi momento.

Scarica l'applicazione

Knowunity

Scuola. Finalmente semplice.

Aprire l'app

Didascalia alternativa:

dei poteri → la rappresentanza politica →i partiti politici Germania → Stato federale con repubblica parlamentare → composto da più Stati (Länder) e con il Cancelliere come capo di governo Stati Uniti Repubblica presidenziale federale → il Presidente è Capo di Stato e Capo di Governo e non deve per forza godere della fiducia del Parlamento Francia Repubblica semipresidenziale Presidente della Repubblica votato dal popolo elettorale. Lui vota il Governo che deve godere della fiducia della Camera Regno Unito e Spagna Monarchie parlamentari → il Re è il Capo di Stato con poteri limitati 2. LA SEPARAZIONE DEI POTERI Nei regimi democratici, il potere dello stato è ripartito fra diversi organi, indipendenti fra loro. La nostra Costituzione distingue: potere legislativo = Parlamento → potere esecutivo = Governo → potere giudiziario = Magistratura Tra gli organi dello Stato è però necessaria la collaborazione, per evitare che si creino conflitti. Accanto ai tre poteri tradizionali vi è anche un potere di controllo che è esercitato dagli organi di garanzia costituzionale che sono: Presidente della Repubblica = rappresentare l'unità nazionale e garantire il buon funzionamento degli altri organi costituzionali → Corte costituzionale = reprimere le violazioni della Costituzione Il Parlamento e il Governo sono collegate dal compito comune di realizzazione dell'indirizzo politico dello Stato. La magistratura invece è totalmente autónoma ed indipendente. 3. DEMOCRAZIA E RAPPRESENTANZA DEMOCRAZIA = come potere del popolo, richiede che i governanti confidano con i governati RAPPRESENTANZA = si basa su una distinzione tra governanti e governati → La democrazia rappresentativa gli obiettivi dei rappresentanti e quelli dei rappresentati coincidono. Strumenti per garantire la democrazia rappresentativa: → ELEZIONI = popolo può scegliere i propri rappresentanti → PARTITI POLITICI = elaborare le proposte politiche da sottoporre agli elettori e indicare coloro che si candidano per realizzarle - → elettori hanno il compito di scegliere tra le diverse proposte e di eleggere i candidati → La democrazie diretta è il referendum abrogativo. popolo può votare direttamente per decidere se mantenere o abrogare leggi in vigore approvate dal Parlamento. NON SONO AMMESSI: → REFERENDUM APPROVATIVO = popolo sarebbe in grado di far entrare in vigore una legge scavalcando i propri rappresentanti → REFERENDUM CONSULTIVO = popolo potrebbe premere sul Parlamento per costringerlo ad adottare le leggi che esso desidera 9 Il referendum abrogativo ha solo un valore accessorio e correttivo. La Costituzione attribuisce al popolo altri due poteri: 1. petizione = cittadini possono rivolgersi al Parlamento per chiedere provvedimenti legislativi 2. iniziativa legislativa = 50.000 cittadini possono sottoporre al Parlamento un progetto di legge purché sia esaminato Questi due poteri sono solo della democrazia diretta È essenziale che la Costituzione garantisca il diritto di voto → art. 48 che dice che il voto è: → universale = sono elettori tutti i cittadini che hanno raggiunto la maggiore età personale = ciascun elettore deve fare uso di persona del suo diritto → uguale = voto di ciascuno vale quanto quello degli altri → libero e segreto = tutelano il diritto di voto La Costituzione riconosce il voto come diritto e anche come dovere civico. L'assenza di un obbligo giuridico consente l'astensione del voto → indebolisce la democrazie ELETTORATO ATTIVO = diritto di essere elettori ELETTORATO PASSIVO = diritto di essere eletti Insieme dei cittadini aventi diritti di voto = corpo elettorale 4. I PARTITI POLITICI I componenti del Parlamento seguono le direttive dei partiti politici di cui fanno parte quindi la democrazia rappresentativa è mediata dai partiti. Tutti i cittadini possono associarsi ai partiti per concorrere democraticamente alla vita politica. 10 Il finanziamento dei partiti politici e la trasparenza delle loro risorse devono essere regolamentate. Compiti dei partiti: → organizzare politicamente i cittadini → selezionare i candidati per le elezioni → organizzare gli eletti → mantenere vivo il collegamento tra gli eletti e gli elettori I partiti ricadono tra le associazioni non riconosciute. Questa loro natura è però una garanzia della loro massima autonomia.